eXTReMe Tracker

La retorica da guerra al terrorismo, anche a sinistra

11 Settembre 2006 alle 21:59
swampthing

“Tutto il mondo civile, a ogni latitudine e senza incrinature, deve portare avanti senza dubbi una lotta senza quartiere” al terrorismo. Così il presidente del Senato, Marini, nel discorso di commemorazione dell’11 settembre. “La lotta al terrorismo deve porseguire senza sosta e senza incertezza”.
Marini ha ribadito che “la fraterna amicizia” che lega Italia e Usa “è robusta come l’acciaio“; “siamo uniti nella difesa e nella promozione della libertà e della democrazia”. E ha confermato il “forte e costante sentimento degli italiani al fianco degli Stati Uniti. Di fronte a fatti così gravi, ci sentiamo tutti americani“.
[televideo]

Sinceramente, cominciano a girarmi. :twisted:
Spiegatemi le parole di Marini, che io davvero non capisco.
L’unica speranza è che parli così solo per tenere buoni gli alleati americani. Se Pera avesse pronunciato un discorso del genere l’avrei già mandato a quel paese. Con Marini ci manca davvero poco. Anzi, vaffanculo. :twisted:

Pubblicato in Guerra Globale, Fascismo arretrato da swampthing | (Letto 2323 volte)

tn  tags: , ,

Articoli più o meno correlati:

Aggiungi a:These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • del.icio.us
  • OkNotizie
  • Segnalo
  • Furl
  • digg
  • Spurl
  • Reddit
  • blogmarks
  • NewsVine
  • YahooMyWeb
  • Smarking

15 Commenti a “La retorica da guerra al terrorismo, anche a sinistra”

  • 15
    utente verificato er mahico scrive:

    Berlusconi ha detto che appena torna lui faremo la guerra alla China, all’Iran e al Bangladesh.
    Ha già pronti 15.000 moschetti e 2000 muli.

    :roll: ma dove l’ho già sentita?….accidenti…. deve essere proprio tardi. :star:

  • 14
    utente verificato FrankL-ar scrive:

    “dovremo andare in Iran ?”

    A farci che ? Visita di piacere ? Beppe tu hai già trovato truppe e mezzi per sconfiggere il regime di Teheran senza problemi ? Telefona a Condoleeza Rice, Washington D.C., da quelle parti stanno brancolando nel buio, magari gli fornisci tu l’illuminazione :whistling:

  • 13
    utente verificato swampthing scrive:

    certo che riesci a superare Antiradicalista con le tue cazzate.
    Un blog di successo non può non avere i suoi troll. meno male che ci sei. :winner:

  • 12
    beppe scrive:

    Eh swampthing, lo so che è dura trovare nei vostri post uno che vi scompiglia le carte, che fa controinformazione alla vostra disinformazione di regime:cccp: che mete a nudo le vostre ipocrisie… A proposito di fobia delle bandiere arcobaleno, non ne ho mai bruciata una:wink:
    I bandierofobici siete voi caso mai che bruciate le bandiere degli altri paesi a casa nostra…andateci là a fare i galletti…
    Poi le vostre guerre non sono imperialiste…anche in appoggio agli americani (vedi Kossovo), solo quando le fa la CDL, diventano amerikani ed imperialisti…
    Adesso sono i vostri amici…poveretti:celebrate: (vedi Prodi, D’Alema, Marini etc…)
    Staremo a vedere quando dovremo andare in Iran (pare ormai scontato, stà nell’ineluttibilità delle cose) cosa direte e cosa voterete, se ci sarete ancora al governo:twisted:
    A pacificare il Libano:baciamilculo: … e fino a ieri avreste rifatto un olocausto nuovo di zecca, ma ancora più tecnologico, razza di beceri antisemiti ed antisionisti della malora:nono: VERGOGNA:oops:

  • 11
    utente verificato er mahico scrive:

    beppe hai offeso Giuliana Sgrena.
    senza motivo.
    sei nella lista nera.
    :star:

  • 10
    utente verificato swampthing scrive:

    capirai..
    Appoggiare le guerre imperialiste americane e andare a pacificare il Libano, sono due cose diverse.
    Difficile da capire per chi ha sempre accettato la politica della CDL senza battere ciglio.
    Invece da noi si fa autocritica. sorpreso? :cccp:

  • 9
    Beppe scrive:

    Ma dove sono finiti tutti i pacifisti ed i pacifismi sfrenati, le bandiere, gli slogan…mani intrise di sangue…10,100,1000 Nassyria…gli scoop della tr.. ops della Sgrena (io l’avrei lasciata in mano ai suoi “amici resistenti”…soldi buttati) su rainews24, le bandiere israeliane bruciate, le lunghe marce, , le sassaiole, le auto incendiate etc etc…
    In Libano ci andiamo da amici, senza sapere di chi (abbastanza equivoci..:roll: ), in Iraq applichiamo la risoluzione dell’Onu assieme agli “amici americani”:clap: …in Afghanistan ci rimaniamo volentieri…
    Ragazzi, ma…ci sono stale le elezioni per caso?:roll: C’è mica ancora il Berlusca a palazzo Chigi? Ah già, che sbadato, dev’essere perchè non voleva mai andarsene :banana: Beh dai, un piccolo vantaggio c’è; almeno non siete in giro a fare gli ipocriti per le piazze:wink:

  • 8
    utente verificato FrankL-ar scrive:

    Chissà quanto si sarà sentito americano Marini quando sono scoppiati il casi Abu Ghraib & Guantanamo, o quando sono giunte le prime notizie sui bombardamenti indiscriminati a Fallujah…

    Solidarietà assoluta verso i familiari delle vittime e tutti quelli che in qualche modo sono stati coinvolti e stravolti dall’11 settembre ma io, come credo anche loro, continuo a distanza di cinque anni a sentirmi una minuscola pedina in un gioco troppo grande, nel quale è impossibile separare nettamente i buoni dai cattivi, per quanto sia martellante la propaganda da entrambe le parti.

  • 7
    utente verificato calogero scrive:

    anche secondo me sono parole di circostanza. Bisogna ricordare che una cosa sono le parole dette quando si ha un ruolo istituzionale, una cosa quando si e’ all’opposizione e cosi’ via fino ad arrivare alle chiacchiere da bar. O da blog :)

  • 6
    lameduck scrive:

    E’ la sovranità limitata, bellezza.

  • 5
    Quovadisbaby? scrive:

    La sicurezza nel mondo… Si possono bombardare gli “stati canaglia”. Si possono estirpare i terroristi. Li si può minacciare con armi sempre più tremende. Si possono stanare con le nuove bombe atomiche di profondità che trapanano la crosta terrestre per scoppiare proprio nel bunker di Osama Bin Laden.
    Oppure, si possono cercare le cause del terrore.

    http://ecosperanze.splinder.com/
    :cccp:

  • 4
    utente verificato swampthing scrive:

    “siamo uniti nella difesa e nella promozione della libertà e della democrazia”.
    Questa frase mi mette i brividi. Soprattutto detta da un governo di sinistra…
    almeno così si proclamano quelli che abbiamo votato.

    Io non voglio essere unito a Bush nell’esportazione della “democrazia”.

  • 3
    fydel scrive:

    Io non la vedo così grave. E’ chiaro che in una data di cordoglio per gli USA, vengano usate parole di supporto per una nazione che cmq ci è amica, fors’anche padrona. L’importante è agire con dignità, e tutto sommato sull’Iraq il governo è stato meno “fido” di berluska.

    Dispiace invece che non si siano sentite voci per ricordare l’11 settembre del 1973, quando in Cile un colpo di stato desautorava il primo presidente socialista eletto della storia, condannava decine di migliaia di persone alla tortura ed alla morte, e faceva cadere lo scettro del potere nelle mani di pinochet.

    Ciò che accadde a Santiago quel giorno andrebbe sempre ricordato, e la memoria di Salvador Allende onorata.:cccp:

  • 2
    supramonte scrive:

    parole di circostanza. istituzionali. nulla più.

  • 1
    utente verificato er mahico scrive:

    speriamo che sia lo stesso Acciaio che fonde a 600°C come quello delle Torri.
    PS il metallo perde la sua robustezza solo dopo i 700 e fino a 850 regge alla grande. ma forse quel giorno non c’era solo carburante per jet dentro il palazzo…. ok stop.

    Marini? Siamo tutti americani? pure le vittime di Ustica e Cermis? complimenti per la cagata di frase…….. sei il presidente meno italiano che l’italia potesse scegliere.
    :vomit2:

  • Scrivi un commento

    Per inviare un commento devi fare il login.