eXTReMe Tracker

dotArchivio Autore

starTiro alla fune sull’Isonzo per leghisti doc. Accorrete numerosi!!!!

26 giugno 2011 alle 22:22
calogero

Una bella sfida di tiro alla fune è quanto ci vuole per far divertire i leghisti senza che usino tutti i cinque neuroni che affollano la scatola cranica. Terrorpilot organizza una bella gara sull’Isonzo: leghisti bisiachi contro leghisti isontini. Mi raccomando accorrete numerosi!!!!

Pubblicato in il post della domenica da calogero | 5 Commenti »

starGiovanni Paolo II mi ha salvato

1 maggio 2011 alle 09:27
calogero

papa_pinochet1.jpg

Io, come credo tutti voi, ho ricevuto un’educazione cattolica. Devo dire che ho trovato la cosa sempre molto noiosa. Comunque fino ad una certa età non mi sono posto troppe domande e ho ritenuto normale essere credente. Quando però iniziavo ad essere maturo e a pormi i primi quesiti, ecco che è apparso lui e mi ha salvato. È stata infatti la sua sfrenata sessuofobia mentre io facevo le mie prime esperienze e mi dicevo “che figata” a farmi capire che quelli la, i preti, erano una banda di suonati. La battaglia contro il preservativo, il sesso prematrimoniale, il suo trovarsi così bene col fascismi presenti in America Latina, mi ha fatto capire che dalla chiesa era meglio stare alla larga.
Ecco, non voglio dire che non ci sarei arrivato comunque, ma il caro Karol, ha dato un impulso decisivo al mio ateismo, mi ha definitivamente orientato verso altri orizzonti. In una parola mi ha salvato. E io gliene sono grato. Grazie Karol!

Pubblicato in L'ora di religione da calogero | 30 Commenti »

starDialoghi casualmente antiberlusconiani in coda allo sportello del gas

11 aprile 2011 alle 20:09
calogero

Entro alle 12 spaccate negli uffici della compagnia del gas speranzoso di non trovare fila. C’è solo una signora anziana. Prendo il numero e mi siedo. 😆
Signora Anziana: Sempre bollette da pagare, eh? :(
Calogero: In effetti arrivano anche a me. Ma per fortuna mica tutti i giorni… :)
SA: E sono sempre più care, ma le pensioni non salgono mica, sa? :(
C: Lo so, ma in effetti non salgono nemmeno gli stipendi. 😉

Pausa di qualche secondo.

SA: Ho sentito, dicono che sia colpa di Berlusconi. 😐
C: Sinceramente non lo so, ma potrebbe anche essere. 😆
SA: Una volta l’ho sentito dire che lui non sa nemmeno quanti soldi ha. :(
C: Perchè ne ha così tanti che non riesce a contarli, signora. 8)
SA: Però che cosa brutta da dire, no? Con tutta la gente che non ne ha… ma come può dire certe cose? :(
C: Lo dice perché a Berlusconi di noi non frega proprio niente signora. :mrgreen:
SA: Mi sa che ha ragione lei. :(

Pubblicato in Povera Italia da calogero | 10 Commenti »

starUna Figa in Vaticano

9 aprile 2011 alle 12:50
calogero

Ma cosa avete capito, maiali che non siete altro. E’ il cognome della nuova ambasciatrice spagnola in Vaticano, appena nominata dal consiglio dei ministri spagnolo!!! [el periodico] Beh comunque ci sarà da ridere alle udienze: Signor papa le presento l’ambasciatrice Figa! Oppure, Zapatero ci crea problemi, credo sia il momento di vedere la Figa!!!

Pubblicato in Ratzinger da calogero | 8 Commenti »

starIl prezzo del gasolio alla pompa è stabile/2

8 aprile 2011 alle 20:37
calogero

In Slovenia, nonostante il casino, i bombardamenti, gli sbarchi a Lampedusa, le liti Italia-Francia, eccetera, ancora non sanno che un paese produttore di petrolio importante come la Libia è nel caos. Strano perchè ormai la crisi si protrae da un po’ di tempo.

Prezzo del gasolio al litro in gennaio Euro 1,23
Prezzo del gasolio al litro in febbraio Euro 1,24
Prezzo del gasolio al litro in marzo Euro 1,24
Prezzo del gasolio al litro in aprile Euro 1,24

E oggi, in fila per fare il pieno, tutte macchine targate Italia: Udine, Gorizia e Trieste. Il governo Berlusconi ci prende per il culo assieme alle compagnie petrolifere, che a quanto vedo in Italia hanno mano libera e possono fare il bello e il cattivo tempo, anzi fanno solo il cattivo tempo. Mentre il nostro premier benzinaio impegna il parlamento per risolvere i suoi impicci con la giustizia, appuriamo con tristezza che gli italiani sono alla frutta: non riescono a incazzarsi nemmeno quando gli toccano le tasche con tanta strafottenza! E’ la fine!

Pubblicato in Berluscones, Capitalismo all'italiana da calogero | 5 Commenti »

starUn popolo fantozziano alla corte del mega presidente galattico

4 aprile 2011 alle 21:00
calogero

Diceva Gino Bramieri, maestro della barzelletta, che per raccontarne una bisogna essere in due, uno che la racconti e un ascoltatore che sia così gentile da ridere.
Con Berlusconi barzellettiere invece, gli astanti si trasformano in Fantozzi, dove in tanti forse vorrebbero gridare basta, stufi delle umiliazioni e della mediocrità e, invece, tutti ridono. Come nei celebri film di Villaggio, dove schiere di impiegati osannano il mega direttore galattico, in un misto di odio e paura, allo stesso modo i sindaci del PdL del napoletano ridono mentre ingoiano una barzelletta con i peggiori stereotipi razzisti del terrone fancazzista: fa caldo e da giugno a settembre si va al mare. Ridono fantozzianamente di una barzelletta volgare con culi e fiche, incuranti della presenza di due donne (si vedono nel video), di una storiella che davanti a delle signore loro stessi, per vergogna, non racconterebbero. Invece nel contesto berlusconiano sparisce la dignità, la fascia tricolore che i sindaci indossano ne esce umiliata e le signore pure. Ma ormai a Berlusconi è permesso tutto, dalle volgarità da osteria, alle storielle con bestemmia, col Vaticano-Fantozzi che contestualizza, alle prese per il culo dei cittadini più evidenti: compro la villa, vi faccio un casinò col campo da golf, vi nomino al Nobel per la pace e niente tasse e burocrazia. E i migranti spariscono in 48 ore. E i Lampedusani-Fantozzi terrorizzati ad applaudire: com’è umano lei, signor mega presidente galattico del consiglio.

Direbbe oggi Bramieri che le barzellette di Berlusconi necessitano di due cose, un narratore volgare e dei fantozzi che ne ridano.

Pubblicato in Povera Italia da calogero | 6 Commenti »

starMessaggio di Bossi ai leghisti a lobi unificati: “Immigrati? Föra da i ball”

29 marzo 2011 alle 19:36
calogero

Ribadisce i concetti già espressi più volte – e ieri per l’ennesima volta dal ministro dell’Interno Roberto Maroni. Ma lo fa alla sua maniera. Con tanto di fischio e gesto della mano. “Immigrati? Föra da i ball”, dice Umberto Bossi parlando della crisi a Lampedusa, ovvero i clandestini vanno rimpatriati, l’Europa deve condividere il peso dell’emergenza con l’Italia, le partenze vanno bloccate all’origine con la collaborazione dei governi nordafricani.
[repubblica.it]

Inutile riderci sopra. Questo qua ci governa. E parla questa lingua qua, non per comunicare con noi, ma per comunicare con loro, la sua base, quella che capisce solo che le-nostre-tradizioni-non-ce-le-tocca-nessuno. Infatti dall’ictus in poi  ha acquisito popolarità: era da tempo che Bossi non si esprimeva con tanta chiarezza. Frasi semplici e brevi, di facile assimilazione, tanto per far capire al leghista medio (che è il top) che il senatur è vivo e ha ancora una linea politica coerente. L’avete votato, cazzi nostri!

Pubblicato in Fascismo arretrato da calogero | 85 Commenti »

starLa tristezza di Berlusconi

20 marzo 2011 alle 22:28
calogero

berlusconi_gheddafi.jpg

B è triste. Stanno bombardando la casa del suo migliore amico. Sono passati pochi mesi da quando si vedevano, a Roma o nel deserto libico, sotto la tenda. E adesso gli tirano le bombe. E gli da pure del traditore. Che brutta cosa.
E poi le malelingue, quei sorrisini al summit internazionale, quando è arrivato B tutti a darsi gomitatine di nascosto e a sussurrarsi “ecco è arrivato l’amico del raìs, solo un mese fa limonavano in pubblico e adesso ci fornisce la basi. Bell’amico, vai a fidarti di uno così”.
E il suo alleato, quell’altro, quello mezzo paralizzato che governa con lui che gli da apertamente dell’incapace, perché adesso ci arrivano gli immigrati a frotte. A quello di B non gliene frega una mazza, lui pensa solo ai suoi elettori incazzati perché adesso ci invadono gli arabi, i mussulmani, i negher. Certo, se l’amico di B fosse stato solo un po’ più in la sarebbe stato meglio, magari un oceano al posto del Mediterraneo…
E le zoccole che lo insultano al telefono, lui che le ha coperte di soldi e di regali, che ingrate. È brutta l’ingratitudine. Ma anche tradire un amico è brutto. E il raìs questo non se lo aspettava. Lui credeva in B.
B è triste. Lo aiutiamo? Ma anche no.

Pubblicato in Il nano piduista da calogero | 57 Commenti »

starHo messo il Tricolore sul balcone

17 marzo 2011 alle 14:03
calogero

tricolore.jpg
Buon compleanno Italia.
150 anni di Unità, che danno fastidio a molti.
Io di Tricolore ne ho esposti due. E voi?

Pubblicato in Attivismo, Vita quotidiana da calogero | 34 Commenti »

starFaresti costruire una centrale nucleare a B vicino a casa tua?

16 marzo 2011 alle 21:18
calogero

Essenzialmente, essere favorevoli al nucleare vuol dire accettare la costruzione di una centrale o di un impianto di stoccaggio della scorie dietro casa. Difficile che ciò accada in un paese dove sembra impossibile costruire una ferrovia. Siamo o non siamo il paese con la sindrome NIMBY (not in my back yard – non nel mio cortile) più sviluppata del mondo?

Sarebbe un errore congelare il piano per il nucleare in Italia dopo l’emergenza giapponese, ma le Regioni italiane stiano tranquille: le centrali non verranno costruite nel territorio di chi negherà il suo assenso. Così, nella seduta delle commissioni Ambiente e Attività produttive della Camera svoltasi ieri sera, il sottosegretario allo Sviluppo economico Stefano Saglia cerca di frenare l’allarmismo sul nucleare. [Repubblica.it]

Beh, vorrei vedere il loro governo, in balia di qualsiasi peones o Scajola di turno, con una maggioranza erosa e ballerina, in costante calo di consenso nel paese, tentare di imporre un sito per la costruzione di una centrale nucleare: non ce la farebbero nemmeno con l’uso dell’esercito.

Il fatto è che nel centrodestra, a livello nazionale, tutti si riempiono la bocca col nucleare, ma a livello regionale tutti si tirano indietro. E vorrei vedere un Presidente di una Regione governata dal centrodestra, tipo Formigoni, che annuncia la costruzione di una centrale in Brianza o nel varesotto. Già mi immagino gli elettori del centrodestra tutti contenti che poi gli abbassano la bolletta.

Senza contare poi che in Italia, ogni volta che si costruisce qualcosa di grosso, ci sono infiltrazioni mafiose. E certo che se crolla la casa dello studente perché hanno barato sulla composizione del cemento è un conto, se crolla il tetto della centrale nucleare è un altro.

Il punto alla fine è che di B non si fida nessuno, essenzialmente perché è non è credibile su nulla. Il nucleare non si farà in Italia, non solo perché gli italiani siano tutti così anti nuclearisti, ma perché nessuno si fida della cosiddetta classe dirigente: specialmente di quella attuale.
Davvero poco per passare al nucleare.

Pubblicato in Capitalismo all'italiana, Il nano piduista da calogero | 8 Commenti »