eXTReMe Tracker

dotArchivio della Categoria 'Attivismo'

(

Chi muove il sedere per migliorare il mondo

)

starHo messo il Tricolore sul balcone

17 marzo 2011 alle 14:03
calogero

tricolore.jpg
Buon compleanno Italia.
150 anni di Unità, che danno fastidio a molti.
Io di Tricolore ne ho esposti due. E voi?

Pubblicato in Attivismo, Vita quotidiana da calogero | 34 Commenti »

starE’ nata l’associazione Per Eluana

9 febbraio 2010 alle 09:10
swampthing

L’Associazione è aperta a chiunque ne condivida le finalità, ed i suoi scopi sono: tutelare il diritto individuale a una scelta libera e consapevole riguardo l’accettazione od il rifiuto dei trattamenti sanitari; garantire il rispetto della libertà e dignità personale, così come previsto dalla nostra Costituzione; educare ed informare sulle possibilità di cura offerte dalla medicina, ma anche sui suoi limiti; sostenere il riconoscimento e la validità delle dichiarazioni anticipate di trattamento; promuovere la conoscenza delle cure palliative e del loro ruolo nel migliorare la qualità di vita dei pazienti, favorendo in tal modo la concreta attuazione del principio di autodeterminazione.

Il sito ufficiale lo trovate qui: www.pereluana.it.

Lottiamo tutti quanti per togliere questo paese dalle mani dei preti e renderlo più civile. Il testamento biologico è un buon punto di partenza.

Pubblicato in Attivismo da swampthing | 5 Commenti »

starElezioni a Kilombo. Chi è swampthing?

6 novembre 2009 alle 19:57
swampthing

Chi sei tu con quella kefiah? Perché non ti presenti con nome e cognome?

Semplice: per proteggere la mia privacy di semplice cittadino. A differenza di altri, che appena la discussione si accende ci tengono a farti notare che hanno il gratuito patrocinio dell’avvocato di Rifondazione e che se non stai attento potresti passare dei guai, preferisco non presentare le mie generalità. Che non sono un segreto per tutti: gli amici sanno come mi chiamo, e tanto basta e non rischio di trovarmi la querela di qualche ex industriale avellinese.

Ma cosa ho fatto per il popolo io?
Nulla.:-)
Di sicuro non ho importanti vittorie da esporre, come quella di aver preso con Rifondazione gli stessi voti del partito della Nuova Sinistra Ciociara, alle ultime elezioni provinciali.

Anche io ho fatto l’operaio. Ma è una storia lunga. Ora faccio il webdesigner e lo faccio bene. Tanto che posso godere del privilegio di lavorare 4 giorni invece di 5, a parità di salario. Ovvero le famose 35 ore promesse da Rifondazione me le sono dovute dare da solo.

Non ho tessere politiche, ma ho la tessera dell’ARCI da più di 10 anni. La maggior parte dei miei amici è di sinistra, ma nessuno metterebbe la mano sul fuoco per alcun partito. Probabilmente essere di sinistra ed essere comunisti è una cosa diversa.

Non chiamo le forze dell’ordine “sbirri”, e sono convinto che abbiano un importante ruolo sociale a difesa dei più deboli. Spesso, troppo spesso, le forze dell’ordine vengono usate per altri scopi, come la repressione delle nostre proteste, ma trovo stupido prendersela con chi esegue gli ordini, tranne quando ci mettono un impegno sospetto. Buono sì, ma mica fesso.

Quando penso alla Polizia penso anche alle scorte ai magistrati, a chi rischia la vita in prima linea nella repressione della mafia e della malavita. Certo, essendo l’Italia un paese del terzo mondo, è facile che chi ha potere ne abusi. Succede sempre, ad ogni livello, pensiamo a chi vuole fare lo sbirro su Kilombo e non fa altro che segnalare alla redazione i compagni da bannare. E, cosa più grave, identifica il nemico da combattere non per le sue idee sul mondo, ma solo e soltanto per antipatia congenita o perché hanno litigato nel 1913 per chi portava il pallone il giorno della scampagnata. Sono comportamenti umani ben definiti, pensate all’esperimento della prigione di Stanford.

Per questo, se ci tenete a Kilombo, evitate di votare per squilibrati che si fanno il sangue cattivo per delle scemenze, burocrati di partito incattiviti dalle continue sconfitte politiche e nella vita.

:cccp: Un’altra Sinistra è possibile, un altro Kilombo è possibile. :cccp:

Pubblicato in Attivismo, comunismo da swampthing | 9 Commenti »

starIl mio programma per un Kilombo migliore. Sì, mi sono candidato

4 novembre 2009 alle 14:25
swampthing

Amici, elettori,

la maggior parte di voi non mi conosce, anche se ultimamente, dopo più di un anno di assenza, sono tornato alla ribalta grazie alla goliardia di un noto disturbatore (un vero politico, mi hanno raccontato, mica un blogger in cerca di fama), che l’unica cosa che ha fatto nella sua vita, è stata far perdere le elezioni al centro sinistra nel suo comune di appartenenza. La destra ancora lo ringrazia e gli sorride quando passa facendo ciao ciao con la manina.

MENO TROLL E DISTURBATORI – Ma questo ci importa poco. Ne abbiamo le tasche piene, io e voi che mi voterete, di troll e disturbatori. Abbiamo le tasche piene pure di intimidazioni, minacce, fregnacce, guerre e guerricciole che non finiscono mai, tutte condotte con metodi infantili e soltanto per una voglia di supremazia, che somiglia a quella del bambino che vuole portarsi a casa il pallone perché non lo fanno giocare centravanti. Siamo adulti, o per lo meno lo è la maggior parte di noi. Gli altri possono accomodarsi all’asilo.

RECUPERARE L’ENTUSIASMO DEGLI ESORDI – Kilombo e i blog di sinistra erano partiti bene, anni orsono, c’era partecipazione, entusiasmo, voglia di discutere e di mettersi in gioco, ricordo. Ricordo con rispetto e con ammirazione blogger come Meslier, Supramonte, Kamau, Capemaster, Tisbe, Munchhausen. Poi è arrivata anche nei blog la politica urlata, quella degli slogan, quella di chi non sa far altro che ABBAIARE, per tentare di uscire dalla melma digitale non per i contenuti, ma per gli estremismi e le trovate.
Noi diciamo no a questo modo di intendere la politica, che ad urlare siano i vari berluscani, o i larussi, o i precariopoli. A noi interessano i contenuti. Noi dobbiamo provare a essere meglio di quello schifo che ci propina la televisione: abbiamo una nazione disastrata da rimettere in piedi, una sinistra da ricostruire e possiamo farlo, nel nostro piccolo, proprio partendo da Kilombo.

FARE POLITICA ATTIVA, PER IL BENE DI KILOMBO – Per quello la mia candidatura non sarà solo per fare il redattore. E non ho alcuna voglia di andarmi a impelagare in annose discussioni per decidere chi censurare e chi bannare dall’aggregatore: lascio fare lo sbirro a chi piace, io sono per le regole certe e la Carta di Kilombo ha bisogno di avere dei punti più chiari, che non possano essere manipolati a piacimento dal troll di turno. Mi impegno a trovare le convergenze necessarie ad emendare i punti più deboli della carta, e avere un regolamento condiviso dalla maggior parte degli iscritti che ci permetta di fare delle scelte senza infilarsi in polemiche mensili che rimbalzano di blog in blog.

LA DEMOCRAZIA, KILOMBO E’ DIVERSO PER STATUTO – Del Kilombo di una volta mi piaceva l’idea di fondo, che si potesse governare un aggregatore in maniera democratica, con una Carta ispirata alla nostra Costituzione, con dei valori condivisi. Spesso ho pensato che delle soluzioni forti, ma dittatoriali potessero essere la soluzione ai problemini di percorso. Ma Jaco è riuscito negli anni a convincermi del contrario. Voglio riportare Kilombo nei binari della politica, quella pensata, quella che vuole il bene della gente. Una politica che sappia dialogare anche con la destra, senza per questo apparire debole, anzi facendosi forza delle proprie idee e non avendo paura del confronto aperto ed onesto.

METTERE KILOMBO IN SICUREZZA, IN OGNI SENSO – Quindi un Kilombo meno vetrina per blogger a caccia di adsense o di fama, perché non basta essere di sinistra per poter aggregare qualsiasi cosa scriviamo. Un Kilombo più sicuro, perché ci vuole un aggiornamento software e qualcuno che si prenda la resposabilità della sicurezza. Un Kilombo dove chi aggrega non deve aver paura di essere attaccato per le sue idee o perché non abbastanza o troppo di sinistra. Queste discussioni lasciamole ai ragazzini delle medie, chi viene accettato in Kilombo è perché ha condiviso i nostri valori e questo deve bastare.

Un’ultima raccomandazione: non lasciamo che Kilombo venga snaturato. Molti altri aggregatori di sinistra vorrebbero vederci chiudere, non faccio nomi, ma sapete benissimo chi ne trarrebbe giovamento. I più anziani si ricorderanno di Bloggoverno, ecco non vorrei finisse così a causa di troll e ripicche.

Grazie dell’attenzione e votate!

Pubblicato in Attivismo, comunismo da swampthing | 8 Commenti »

starNaziRock: giovedì 19 ore 21 allo Zanon di Udine

18 giugno 2008 alle 12:22
swampthing

nazirock

ANPI – Associazione Nazionale Partigiani d’Italia

Coordinamento Antifascista di Udine

vi invitano
GIOVEDI’ 19 GIUGNO 2008 Ore 21.00
Auditorium ZANON v.le Leonardo da Vinci, 2 – Udine

alla proiezione del documentario:
NAZIROCK
(ingresso libero)

MAI PIU’ NAZIFASCISMO

per maggiori informazioni sul documentario: www.nazirock.it

Pubblicato in Attivismo da swampthing | 1 Commento »

starPresidio antifascista a Udine, sabato ore 17.00

10 maggio 2008 alle 00:01
swampthing

Sabato 10 maggio 2008 in Piazzetta del Lionello, a Udine
dalle 17.00 alle 19.00

La morte di Nicola Tommasoli linciato a calci e pugni da una squadraccia di naziskin a Verona ci colpisce e ci addolora ma purtroppo non ci sorprende.
E’ successo a Verona, ma avrebbe potuto succedere ovunque, anche qui nella “tranquilla” provincia, a Udine.
Da più di un anno denunciamo le minacce e le aggressioni sempre più violente nella nostra città da parte di naziskin e neofascisti contro giovani di sinistra, il centro sociale autogestito, i circoli arci, i partigiani e la memoria della Resistenza, gli stranieri,…
Sappiamo che naziskin e neofascisti sono a tutti gli effetti militanti politici delle formazioni di estrema destra, che si chiamino fronte veneto skinhead, forza nuova, azione giovani o fiamma tricolore, poco importa. E’ di questi giorni la notizia della recente apertura di un “quartier generale dell’estrema destra” proprio qui, a Udine!
I suddetti gruppi foraggiano e incoraggiano i picchiatori squadristi per sfruttarne il potere intimidatorio e deterrente, salvo poi inscenare (senza troppa convinzione) la dissociazione e l’estraneità ufficiale ogniqualvolta si presentino episodi gravi che attirano i riflettori.

Smascheriamo i neofascisti, i neonazisti e i loro protettori!
Opponiamoci al fascismo, opponiamoci alla sopraffazione e alla violenza squadrista!
Basta fascisti e nazisti indisturbati per le strade!

Coordinamento Antifascista Udinese

———

Cercate di esserci. L’indifferenza è la cosa peggiore.

Pubblicato in Attivismo da swampthing | 36 Commenti »

starChiude il Moskovskij Korrespondent

21 aprile 2008 alle 19:16
remix

Putin e Berlusconi

Può un giornale chiudere di punto in bianco? Sì, è possibile.

Ma se la chiusura arriva a ridosso di un “incidente” come quello di pochi giorni fa, quando un’incauta cronista russa chiede a Putin spiegazioni su una presunta love story, allora qualche domanda è lecito farsela.

Convincono poco le spiegazioni di Alexander Lebedev, editore della testata, che adduce presunti problemi finanziari – guarda caso – subito dopo una visita del FSB, l’organismo di intelligence erede del KGB. La situazione critica del giornalismo in Russia è nota e per questo il sospetto che si tratti di una chiusura cautelativa contro ritorsioni politiche è forte.

Detto questo, vedere le immagini di Berlusconi che mima il mitra a fianco del “suo amico Putin” è di una tristezza e di uno squallore unico.

UPDATE (22/04/2008)
Il Moskovskij Korrespondent non chiude più. Tornerà in edicola «ma guarderà alla realtà in un altro modo », ha spiegato l’amministratore Artyom Artyomov. «Parlerà di più dei problemi quotidiani e meno di politica». Cioè cercherà di non disturbare più Putin.
[via Corriere della Sera]

Pubblicato in Attivismo, Politica da remix | 33 Commenti »

starChi si rivede.

3 aprile 2008 alle 00:09
swampthing

www.giornalettismo.com

Pubblicato in Attivismo da swampthing | 1 Commento »

starEutanasia in Italia: sentenza storica della Corte di Cassazione cambia le carte in tavola

16 ottobre 2007 alle 13:38
calogero

ROMA – La Corte di Cassazione ha disposto un nuovo processo per il caso di Eluana Englaro, la ragazza in coma da 15 anni e per la quale il padre chiede la sospensione dell’ alimentazione artificiale. Ribaltando la richiesta del sostituto procuratore generale della Cassazione Giacomo Caliendo che aveva chiesto il rigetto del ricorso presentato dal padre della ragazza.
La Corte ha deciso che il giudice può, su istanza del tutore, autorizzare l’ interruzione soltanto in presenza di due circostanze concorrenti: che sia provata come irreversibile la condizione di stato vegetativo e che sia accertato che il convincimento etico di Eluana avrebbe portato a tale decisione se lei fosse stata in grado di scegliere di non continuare il trattamento.
[repubblica.it]

Per fortuna che c’è la magistratura libera e indipendente che, non dovendo essere eletta dal popolo italiano, può emettere sentenze basate sul buon senso. I magistrati rispettano la volontà delle persone e riconoscono il diritto a scegliere, come la maggior parte degli italiani dice contrariamente ai preti. Ovviamente adesso molti politici si alzeranno dal loro inginocchiatoio e si leveranno in difesa della vita gridando allo scandalo. Invece lo scandalo sono loro, servi del Vaticano, servi di una potenza straniera, traditori del popolo italiano! E del buon senso.

Pubblicato in Attivismo, Ottimismo, Politica da calogero | 8 Commenti »

starFree Burma!

4 ottobre 2007 alle 21:19
swampthing

Come non essere a favore della democrazia e contro la dittatura militare (pseudo comunista) in Birmania?
Abbiamo una grande possibilità, quella di essere informati. Non ci sono scuse.
Chi non avrebbe manifestato contro la dittatura cilena?
Chi non avrebbe mostrato il suo sdegno contro la dittatura argentina e i desaparecidos?

Birmania libera! Subito!

Partecipate anche voi: www.free-burma.org.

Pubblicato in Attivismo da swampthing | 9 Commenti »