eXTReMe Tracker

Chiamatemi Cassandra.

29 ottobre 2008 alle 18:11
Nemesis

La prossima settimana John Mc Cain vincerà le elezioni americane.
Con il 54% dei voti (o il corrispondente in elettori, perdonatemi se non conosco così bene il meccanismo elettorale americano) John Mc Cain diventerà il successore di Bush, continuandone le politiche Friedmanite.
Si parlerà dell’inesperienza di Obama che è “unappealing” per l’elettorato.
Si parlerà della paura di un presidente nero.
Si parlerà di sondaggi che non servono a nulla.
Si parlerà di consenso al “maverick”, del neoconservatorismo da “hockey mom” alla Palin.
Si parlerà dell’intervento armato in Iran e Siria come imminenti.

Nel momento in cui questo succederà, sapremo con certezza che avranno usato negli stati uniti gli stessi metodi che sono stati usati in Italia.
E che la democrazia è morta, sotto i colpi del sopruso.

—————————————————

“La macchina del «Clarion» di Spoon River venne distrutta,
e io incatramato e impiumato,
per aver pubblicato questo, il giorno che gli Anarchici furono impiccati a Chicago:
«Io vidi una donna bellissima, con gli occhi bendati
ritta sui gradini di un tempio marmoreo.
Una gran folla le passava dinanzi,
alxzando al suo volto il volto implorante.

Nella sinistra impugnava una spada.
Brandiva questa spada,
colpendo ora un bimbo, ora un operaio,
ora una donna che tentava di ritrarsi, ora un folle.
Nella desta teneva una bilancia;
nella bilancia venivano gettate monete d’oro
da coloro che schivavano i colpi di spada.
Un uomo in toga nera lesse da un manoscritto:
“Non guarda in faccia a nessuno”.
Poi un giovane col berretto rosso
balzò al suo fianco e le strappò la benda.
Ed ecco, le ciglia erano tutte corose
sulle palpebre marce;
le pupille buciate da un muco latteo;
la follia di un’anima morente
le era scritta sul volto.
Ma la folla vide perché portava la benda».

Edgar Lee Masters, Spoon River

Pubblicato in America, Politica da Nemesis | 47 Commenti »

tn  tags: , ,

Articoli più o meno correlati:

Aggiungi a:These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • del.icio.us
  • OkNotizie
  • Segnalo
  • Furl
  • digg
  • Spurl
  • Reddit
  • blogmarks
  • NewsVine
  • YahooMyWeb
  • Smarking

47 commenti a “Chiamatemi Cassandra.

  1. maxi ha detto:

    odino, appartengo ad una razza superiore e non lo sapevo.
    e non sono nemmeno frocio.

  2. Odino ha detto:

    A Maxi:
    1) Aimè in Italia il libero mercato è un po’… fuori dagli schemi… ora io non so di preciso come siano distribuiti i fattori di produzione qui da noi, però, prendendo per buono quello che tu dici, qui da noi c’è un mercato praticamente dominato da grandi imprese che possono fare il bello e il cattivo tempo sui prezzi. Di solito in questi casi lo stato deve intervenire calmierando i prezzi. Dato che i prezzi non sono iper-esagerati (anche se sono comunque troppo alti) credo che lo stato abbia fatto del suo.

    2) Sul colonialismo ti posso dire che non è del tutto vero ciò che dici. L’Africa non ho mica mai detto che è povera come territorio!!! Mai detto!! Sono stati molto ma molto ingenui e forse…poco intelligenti? Ah no, questo è razzismo!!
    Per le altre cose che tu dici: la tua amata democrazia, come anche il pensiero moderno, il concetto di libertà, il concetto di nazione e ce ne sono moltissimi altri, dove credi che sian nati? In Africa? Nelle Americhe? In Asia? Non direi… tutto ciò, che si definisce anche col nome di C-U-L-T-U-R-A, è nato qui da noi nel vecchio e cattivissimo continente.
    Per quel che riguarda la tecnologia, è vero che dipende dal petrolio che noi purtroppo non abbiamo, ma è anche vero che il colonialismo ci avrebbe permesso di poterne usufruire tranquillamente. Ora il colonialismo vero e proprio è morto. Ad ogni modo le nostre multi-nazionali fortunatamente controllano i traffici petroliferi assicurandocene un buon rifornimento. Col tempo ad ogni modo la nostra teconologia evolverà e ci darà nuove fonti di energia. Sapete quale nazione è veramente all’altezza di quelle europee (solo dal punto di vista della tecnologia ovviamente, non voglio offendere nessuno)? Il Giappone e in parte anche la Corea del Sud. Ovviamente però anche il Giappone ha copiato i nostri sistemi politici e ha preso ad emularci anche sul piano teconologico e ora quasi ci supera.

  3. maxi ha detto:

    odino, riguardo al liberismo:
    quando parlo di stato non intendo solo stato sociale, sanità istruzione ecc.
    intendo il controllo che lo stato deve imporre al libero mercato per far sì che sia davvero libero. per evitare cartelli, monopoli ecc ecc. ora, se ti guardi intorno, in questa paccottiglia che chiamano libero mercato come collochi le industrie alimentari? (5-6 famiglie producono quasi il 100% di quello che trovi nei supermercati). e i petrolieri? e le assicurazioni? e le banche? e le industrie farmaceutiche? ci vedi del liberismo? e dov’è finito il controllo che lo stato dovrebbe effettuare sulla finanza che si nutre dei risparmi dei cittadini? senza arrivare allo stato sociale, non c’è liberismo senza uno stato forte a garanzia dei cittadini. è liberismo quello che viviamo?

    sul colonialismo:
    le tue argomentazioni, mi ripeto, sono davvero pessime. innanzi tutto non condivido, anzi condanno in pieno, questo tuo sentirti superiore.
    poi, dici che l’africa era povera anche senza il colonialismo: è FALSO! l’africa era il continente più ricco! non ti chiedo di credermi, dai un’occhiatina a qualche libro di storia oppure ragiona: siamo andati lì spinti da spirito missionario oppure a depredarli? e che vai a depredare i poveracci?
    sulle guerre fra etnie ti faccio presente che sono scoppiate dopo che i colonizzatori si sono ritirati, per motivi precisi che ora non mi dilungo a scrivere. anche qui una semplice ricerca può esserti utile. semmai, in quel periodo, era proprio in europa che ci si scannava in guerre infinite.
    bellissimo poi quando parli della nostra superiorità tecnologica: noi occidentali abbiamo prodotto una tecnologia che dipende interamente dal petrolio senza possederne una goccia. CHE COGLIONI! ci siamo stretti il cappio al collo da soli! e questa sarebbe la superiorità da esportare?
    per non parlare poi della superiorità culturale: la nostra civiltà sopravvive solo se all’esterno produce guerra e all’interno si nutre dello sfruttamento delle classi più povere. bella civiltà! bel modello da esportare!

    p.s. gli indiani erano fortunatissimi e ghandi non lo aveva capito! menomale che i soldati inglesi avevano l’abitudine di sparare sulla folla che manifestava, così capivano che fortuna che avevano!

  4. hicks ha detto:

    P.s.

    Ah, come non dimenticare l’apporto della civiltà occidentale ai paesi colonizzati.

    Basta pensare alla Somalia. Grossomodo è come un’enorme guerra di camorra, tengono pure le discariche con le scorie sepolte nelle spiagge! Uguale, dico uguale alla mia regione.

  5. hicks ha detto:

    oh, solo un’appunto sui partigiani e sui soldati ben addestrati coi carri.. nella mia Napoli furono cacciati a forza di pentole, latrine e vasche da bagno in testa.

    E pure qualche schioppettata tirata dai fucili rubati a Sant’elmo.

  6. Odino ha detto:

    A maxi:
    1) In parte ciò che dici è vero, il libero mercato potrebbe essere perfetto. In effetti non lo è, perchè c’è la concorrenza sleale, ci sono imprese troppo potenti che si prendono tutto a discapito delle piccole e vabbè… inoltre, l’intervento statale ci DEVE essere per forza. Sai, in realtà non è mai esistita un’economia o solo pianificata o solo di libero mercato. Nella prima c’era un grande intervento statale, mentre nella seconda questo era molto meno visibile, ma lo stato diciamo che deve sempre intervenire in certi casi. Pianificare cosa la gente debba produrre, vendere e comprare mi pare piuttosto anti-liberale, così come però lasciare tutto in mano ai privati può diventare un grosso rischio. Il governo ha il dovere di fare da mediatore e, lì dove serve (come con il caso delle banche) dare aiuto e sostegno a quella parte di mercato che non va o che ha difficoltà. Per i sussidi alle classi di cittadini più poveri sono d’accordissimo. Però la sanità non è stata toccata, mentre nel caso dell’istruzione si sono solamente fatti dei tagli, ma ciò (e lo hanno già detto) non porterà a una scuola meno efficente. Poi, molti dicono che si sta tornando indietro col maestro unico, e io vi rispondo: ma quando quell’intelligentone di Fioroni ha fatto tornare in auge gli esami di riparazione a Settembre che rovinano puntualmente l’estate di migliaia (se non milioni) di studenti, perchè nessuno ha fatto tutto questo casotto?! In Italia però il problema è che la gente fa casino solamente quando ci sono di mezzo i soldi, come in questo caso.

    Parlando invece del colonialismo che voi tanto odiate, io non dico che sia la cosa più bella e perfetta del mondo, però di sicuro la ritengo più utile che deleteria. Perchè questo? Perchè è un modo per portare la nostra cultura (che almeno dal punto di vista della tecnologia e del pensiero è di sicuro più avanzata di moltissime altre) a paesi meno sviluppati, che in cambio ci danno la possibilità di usufruire delle loro risorse. E poi le popolazioni colonizzate mica vivevano sempre in schiavitù!! Gli indiani per esempio avevano (come tutti i cittadini dell’Impero Britannico del 700 e 800) la possibilità di andare a studiare in Inghilterra presso scuole inglesi che assicuravano un’ottima istruzione anche a persone di razza diversa, senza fare distinzioni.
    Infine, le nazioni africane sono povere, ma non è SOLO colpa nostra. Di sicuro noi da questo ci ricaviamo un profitto, perchè così possiamo mandare le nostre multinazionali a rompere da loro, però è anche vero che quando noi avevamo gli stati nazionali, le prime fabbriche, le armi da fuoco e il pensiero moderno, loro stavano ancora con le lance e gli scudi di pelle a combattere tra zulù e timbuttù… quindi diciamo che erano poveri già di loro, noi li abbiamo solo mantenuti tali. Se però le colonie fossero rimaste intatte, ora sarebbe un mondo forse più liberale, o almeno più multi-etnico, dato che l’africano diventava anche un cittadino europeo così.

  7. er mahico ha detto:

    @odino troll.
    Diglielo ai nigeriani ,magari si autocolonializzano .

  8. lele ha detto:

    “Ad ogni modo, i “servi” degli USA non pagano loro alcun tributo e non fanno quello che chiedono come se fossero burattini”
    I 100milioni di€/anno che l’europa paga per non comprare carne agli ormoni americana è una fantasia!

  9. lele ha detto:

    swampthing
    “non mi risulta che la democrazia preveda l’eliminazione fisica dei presidenti.”
    certo.E non prevede interventi in altre nazioni:sbarco alla baia dei porci,muro di berlino,guerra in vietnam!

  10. maxi ha detto:

    odino , hai ricevuto risposte a valanga e non ripeterò le risposte condivisibili che ho letto (tutte tranne una: er mahico, non condivido che odino sia un troll)

    mi soffermo però su due cose questioni che hai accennato:
    la prima è sulla bellezza del libero mercato. io, che credo alla bellezza del comunismo, sono pronto ad ammettere che se fosse davvero applicato il libero mercato vivremmo tutti meglio di così. ma, ti chiedo, questo è il libero mecato? perfino tu dici “ovviamente con un certo intervento statale,”. questo certo intervento statale non dovrebbe essere a garanzia dei più deboli? tu lo hai visto?
    la seconda è sul fatto che dopo aver tessuto le lodi del colonialismo con argomentazioni pessime (ma davvero pessime), sul fatto che i paesi africani siano poveri dici “quello è un altro paio di maniche”. non ti è mai balenato per il cervello che siano poveri proprio a causa del colonialismo?

  11. Odino ha detto:

    Colonialismo ed imperialismo di sicuro hanno avuto dei grandi risvolti positivi sia per le nazioni che lo attuavano, sia per le popolazio che lo “subivano”. Il colonialismo infatti portava la CIVILTA’ in paesi dove non ce ne era, ha portato la teconologia e il nostro sistema politico. Quindi si, il colonialismo non è stato affatto un movimento deleterio come si crede. Al giorno d’oggi è risaputo (anche alle lezioni di economia che seguo se ne è parlato) che questo genere di politica internazionale ha dato alle nazioni africane di oggi la base amministrativa per formare uno stato normale e funzionante (che poi siano povere, quello è un altro paio di maniche). E il fatto che ci sia tanta migrazione verso di noi è semplicemente conseguenza dell’invidia che fa la nostra società alle società meno sviluppate (se solo quel nullafacente, pallone-gonfiato, pezzo di me*** di Gheddafi facesse quello che deve, non avremmo così tanti immigranti).
    In uno stato la gente non è che deve essere tutta ugualmente devota al governo, ma che ci sia comunque rispetto per chi ha il compito di assicurare il benessere della nazione credo sia una cosa giusta e che tutti noi dovremmo possedere.

  12. er mahico ha detto:

    @odino
    6 1 troll.

  13. Silvio ha detto:

    “Quello che fanno loro è ciò che ogni nazione con un po’ di sale in zucca dovrebbe fare”, quindi dici che il colonialismo e l’imperialismo sono il meglio per una nazione?? Non so se dall’alto del tuo Valhalla te ne sia reso conto, caro il mio Crodino, ma grazie al colonialismo di secoli fa ORA assistiamo a flussi migratori inauditi; grazie all’imperialismo ORA assistiamo ad una crisi non nazionale (che è il minimo che ci si possa aspettare con un’amministrazione come quella italiana) ma MONDIALE. Il supercapitalismo americano ha fallito, ma ovviamente l’America non può ammetterlo, visto il carattere megalomane che si ritrova… L’esportazione della democrazia non è un bene perchè come dice il grande Guzzanti “se ne esporti tanta, a te quanta ne può restare?”
    Poi per quanto riguarda i posti di lavoro, sai com’è, preferirei avere meno militari e più gente che abbia studiato e che abbia un minimo di cultura, piuttosto che avere lavoratori alacri pronti ad obbedire agli ordini, qualunque essi siano…

  14. Odino ha detto:

    Ma sentiteli!! E chi è secondo voi che si fa aiutare da Cuba? Mi pare che Cuba viva sotto l’embargo degli USA e che lì da loro nessuno esce e pochi (turisti) entrano, quini mi pare molto molto difficile che Cuba possa aiutare i paesi in via di sviluppo. Quelli sono paesi che necessiterebbero di regali (e non prestiti, perchè tanto non sanno come ripagarli) di miliardi di dollari, cosa che Cuba difficilmente potrebbe avere.
    Pertanto vi dico: non siate così cechi verso l’America. Quello che fanno loro è ciò che ogni nazione con un po’ di sale in zucca dovrebbe fare. E’ forse un crimine desiderare il meglio per il proprio popolo? Certo, lo si fa a discapito degli altri, ma questa è la natura stessa dell’uomo e di ogni altro animale creato da Dio. Ad ogni modo, i “servi” degli USA non pagano loro alcun tributo e non fanno quello che chiedono come se fossero burattini, semplicemente sono paesi alleati che permettono agli americani di avere basi sul nostro suolo, non mi pare una cosa così negativa, dato che un domani potrebbero offrirci protezione e per ora danno posti di lavoro.

  15. swampthing ha detto:

    @ATO

    il Kennedy di cui parlavo è quello che è stato assassinato.
    non mi risulta che la democrazia preveda l’eliminazione fisica dei presidenti.

  16. ATO ha detto:

    se per essere felici bisogna essere una testa di cazzo,allora codino sei una persona felice.Ma lascia stare Cuba,stai (s)parlando di qualcosa di sacro e di esempio in america e vedrai nei prossimi anni la differenza fra le nazioni fedeli agli usa e contente di farsi sfruttare da loro,come il brasile ,e le altre che cercano di uscire da una poverta’ indicibile con le loro riforme sociali,e con l’aiuto dei medici di Cuba e i maestri di Cuba.Ma sono cose che non rientrano nel”mercato”di cui tanti stronzi si riempono la bocca,ma nella “solidarieta’”dei paesi socialisti,una cosa strana.
    @ SWAMPTHING,scusa ma il kennedy di cui parlavi e’ quello che ha fatto sbarcare la cia alla baia dei porci? cazzo che democratico!

  17. red float ha detto:

    rende le persone felici..?
    Quali persone?
    Anche tu hai preso la pillola blu scommetto. :no:

Lascia un commento