eXTReMe Tracker

Estate calda

24 luglio 2008 alle 08:48
marco

Un’estate calda, l’estate 2008. Un’estate di finte novità e vere tradizioni, di originalità e arretratezza, di progressisti e conservatori, di leggi e illegalità.
Il clan dei politici, promossi a VIP, si destreggia egregiamente, dribblando le puntuali critiche (invero a volte eccessivamente pessimistiche) di Travaglio, le invettive (sempre folkloristiche) di Grillo, le bordate (il leone ferito, a volte, e meno male, si incazza) della Guzzanti.
Poi c’è Di Pietro, che è spina nel fianco e presenza scomoda, in certi contesti, ma la cui figura è anche pericolosamente strumentalizzabile (e sono sicuro che lo sa perfettamente), perché quando si svelano completamente certi meccanismi si diventa estremisti, e l’estremizzazione di un concetto viene quasi sempre controbilanciata dalla forza antitetica di un concetto opposto. Basterà, e mi sembra che per ora sia bastato, creargli un contraltare ideale, o sviarne il messaggio utilizzando i media, per minimizzarne l’efficacia. In questo contesto mi addolora dover constatare che le notizie che ci vengono date in pasto siano ormai, nella migliore delle ipotesi, strumentali. E non parlo solo della TV, ormai commerciale anche durante il telegiornale, ma delle testate giornalistiche con un passato di cui essere orgogliosi e giornalisti di comprovata professionalità. Peccato che anch’esse si stiano di fatto prestando al lavaggio del cervello operato ai danni del popolo italiano da chi ha il bastone del comando.
Ma la cosa che più mi dà da pensare, non è tanto la spaccatura fra il popolo e i suoi rappresentanti, non mi fa paura l’alienazione delle nuove generazioni nei confronti della politica e della sua importanza per il futuro del paese (troppo avanti nel tempo si collocheranno i suoi effetti); non mi toccano le critiche dei sempre più ignoranti e intellettualmente limitati servi del potere; la mia paura non è l’assuefazione a qualsiasi schifezza delle persone della mia generazione e nemmeno la cantilena voodoo del nonno che non ne può più delle notizie di cronaca nera o del lato B – ora va di moda chiamarlo così, il culo – di questa o quella showgirl (il termine oggigiorno assume un’accezione quanto mai letterale).
Di cosa ho paura? Di ciò che c’è dietro tutto questo. Perché se tanta virulenta, costernante, illogica pressione fosse figlia del nulla, non ci troverei niente da dire. Mutamenti della società. Ce ne sono sempre stati, sempre ce ne saranno. Non si può fermare un treno in corsa.
Ma se in politica la pressione esercitata dalla maggioranza negli ultimi tempi, che ha portato persone insospettabili a fare dichiarazioni ferocemente realistiche – anzi reali – e altre persone ad assestare dei formidabili uno-due, mettendo ko personaggi che credevo granitici, fosse dettata dalla paura di svanire, di essere dimenticati (disarcionati) o del tremore dell’invecchiamento, anche in questo caso non sarei affatto preoccupato. L’invecchiamento è fisiologico, se non lo puoi capire, finisci per accettarlo.
Invece la mia paura nasce dal fatto che, se non basta lo scudo del trasformismo, il paracadute del riciclaggio ideologico, la salvezza della reincarnazione, il revisionismo storico, la scientifica longevità, peraltro avvalorata dalle statistiche, se tutto questo – dicevo – non rasserena l’animo dei potenti, allora questa pressione non può essere irrazionale o casuale.
“C’è qualcosa che brucia, in tutto questo fumo”.

Pubblicato in pessimismo, Politica, Televisione da marco | 160 Commenti »

Articoli più o meno correlati:

Aggiungi a:These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • del.icio.us
  • OkNotizie
  • Segnalo
  • Furl
  • digg
  • Spurl
  • Reddit
  • blogmarks
  • NewsVine
  • YahooMyWeb
  • Smarking

160 commenti a “Estate calda

  1. ezio ha detto:

    @china
    ciao, ti ringrazio dell’augurio di buone ferie. E’ stato un tocco magico, perche’ mi sono divertito un sacco. Ora racconto un’aneddoto(posso chiamarlo cosi?)Non ricordo se sei stato tu a consigliarmi di leggere la casta “al completo”, e ti risposi , che l’avevo iniziata tempo addietro ma lo schifo di quello che leggevo, era troppo e ho desistito. Sono andato in ferie, come tu sai, un figlio, m’ha messo nello zaino “La Deriva”. In aereo me lo sono trovato fra le mani e ho letto………………..Arrivato alla pag XXI, ho stramazzato, alla pag XXIV, ho chiuso.
    E mi leggo comm. dove si parla di giustizialismo, di silvio che s’e’ fatto le leggi adpersonam.Cazzo e’ vero, ma dietro la cattedra, quanta merda, peggiore di silvio, galleggia sulle nostre spalle.
    Io, china, sono un personaggio di mondo, niente di particolare e niente da copiare, ma ti assicuro che quelli come me OGGI, moschetto in spalla, andrebbero ad abbattere, non i mangia bambini, non i fascisti, no,andrebbero a far fuori TUTTE le teste che ci sono a montecitorio compreso il presidente della repubblica, che firma ste schifezze.MERDA MERDA MERDA. e QUESTE COSE, NON SUCCEDONO ORA CON IL NANO, E’ UNA VITA CHE SUCCEDONO IN ITALIA.
    ARRICIAO

  2. sudedoss ha detto:

    qui ho letto di autunno caldo, di ritorno del 68 ecc

    di caldo c’è Veltroni : ormai completamente bollito, e non lo caga più nessuno, e forse piu che questo autunno ci sarà la prossima estate calda.

  3. qirex ha detto:

    magari… se arriva un altro ’68 torno in italia anche a nuoto.

  4. lele ha detto:

    e dai er mahico!qualche cosa di meglio!,a proposito da notizie…pare che gli esuberi scolastici siano 80.000!e quelli di alitalia,visto che proseguono con o senza sindacato,?Sempre da notizie….
    le università preparino un “autunno caldo”!sarà un nuovo ’68?speriamo e anche un pò meglio!

  5. er mahico ha detto:

    @lele
    un maestro unico, come un vero condottiero da seguire senza possibilità di confrontarlo con altri, senza replicargli nulla, un vero Dùize per l’infanzia.

    bella stà scuola. quasi quasi vomito. :vomit2: troppo tardi, già fatto.

  6. lele ha detto:

    red float
    il rincoglionimento è già in stato avanzato!!!!!!!!!!!!

  7. sudedoss ha detto:

    @153
    ma che bel quadretto.
    E’ sempre colpa di qualcun altro, se poi questo altro è un governo berlusconi la colpa òè maggiore.
    Ma cosa vuoi che non si sappia che la maggior parte della manodopera edile è in nero? che lavora per 4 soldi e senza nessuna sicurezza?
    ma lo sai che queste belle cose in italia le conoscono tutti? ma proprio tutti!
    In italia esistono delle organizzazioni fancazziste chiamate “sindacati”, che non si capisce più bene cosa devono fare oltre a farsi pagare lauti stipendi i loro dirigenti.
    NON ho mai sentito unaproposta di legge sulla sicurezza nei posti di lavoro da parte di questi signori. Tollerano l’illegalità, o meglio NON gliene frega NULLA!
    e allora d’ovè la forza della classe operaia?
    Questi signori sono solo capaci di fare carriera politica.
    Io ritengo giusto che ci siano delle organizzazioni che tutelino gli interessi dei lavoratori, ma di certo queste organizzazioni sindacali fanno tuttaltro, meno che difendere i lavoratori.
    Adesso puntano i pidi su alitalia. Gia, ma quando alitalia assumeva dipendenti che non servivano se non al politico di turno questi signori dove erano?
    L’ho scritto da qualche altra parte, per me alitalia deve fallire . punto. cassa integrazione??? per sette anni????????? li cè gente che non ha mai fatto un ca**o dalla mattina alla sera e gli diamo anche 7 anni di stipendio?? Allora voglio anche io andare in cassa integrazione!!
    la cassa integrazione non dovrebbe essere a carico delle casse dello stato, ma di quelle dei sindacati, allora si che questi bei signosi sempre pronti a riempirsi la bocca di belle parole muoverebbero il culo in favore dei lavoratori.

  8. lele ha detto:

    e di impoverirlo sia culturalmente che materialmente!dal prossimo anno scolastico maestro unico dalla prima elementare!risultato blocco turn-over per cinque anni e 40,000(stimati) senza uno straccio di lavoro!8.000 lavoratori precari che non ricevono più un benchè minimo stipendio!hanno iniziato dal prossimo anno perchè quest’anno hanno già gli”esuberi”di alitalia?Parlano di trasformare la scuola pubblica in “fondazioni”,praticamente privata!che male c’è?,la fondazione è un’istituzione benefica,mica predilige solo i ricchi!ma i meritevoli!il ricco che si ritrova un figlio coglione,quindi non in grado di mantenere e ingrandire il patrimonio,avrà la possibilità di scegliere “il cervello”,opportunamente “lavato”fin dalla tenera età, che da grande affiancherà il coglione!e chi non è meritevole?per fare il manovale mica bisogna saper scrivere e leggere e di manovalanza,con la cacciata degli extracuminitari(compresi i rumeni),nei prossimi anni ce ne sarà bisogno!
    a proposito di extracomunitari,giorni fà ho conosciuto un ragazzo (extracomunitario)che fà il muratore in un’impresa edile,il quale mi raccontava di un suo amico,anche lui muratore,che lavora in germania e guadagna 4.000 euro al mese ed è in regola,delle varie tecnologie adottate che consentono di risparmiare tempo e fatica,delle norme di sicurezza che devono essere rispettate(lavorare senza casco,fornito dall’impresa,comporta gravi sanzioni),invece,lui lavora quando gli passano qualche lavoro “a botta”guadagno quando va proprio bene 2.000 euro mensili,norme di sicurezza zero(il casco non sa neppure come è fatto)fatica tanta e assicurazioni nessuna!e questo avviene non nel retrogrado e povero sud,ma nel progredito e ricco nord!
    Esperto “di libero mercato”pensa che un giorno ti troverai nelle stesse condizioni,ma avrai:il ponte sullo stretto,le centrali nucleari,gli inceneritori(quelli che emettono diossina,costano meno)…..e il bilancio dello stato risanato!
    Auguro e mi auguro che questa sia solo fantasia e non abbia niente a che vedere con la realtà!ma temo che questo sia solo un sogno.

  9. red float ha detto:

    @lele

    Ce la stanno mettendo tutta x rincoglionire il popolo.

    ciao 8)

  10. lele ha detto:

    non avevo e non ho alcuna intenzione di scendere nei particolari delle varie leggi perchè diventerebbe un discorso eterno!Il discorso dei “se”non risolve nulla!”se”quella legge l’avessero fatta avrebbero messo fuori causa un personaggio,ma non l’impero mediatico che lui dirige!Sul perchè “lui” e non un “prestanome”abbia assunto il ruolo di primo piano è palese,basta leggere le varie cronache giudiziarie che lo riguardano.In questo caso l’imposizione non è una legge fatta o non fatta è “lui”o meglio l’impero mediatico!Questo tipo di imposizione si risolve con una legge?o semplicemente mandandolo nel giusto posto,cioè in galera?Le varie organizzazioni criminali che affollano l’italia e i cui “capi”vengono spediti in galera con tanto di fanfara ad onore delle nostrane istituzioni come mai continuano ad imperare?La”Cultura”non ha bisogno di “leggi”:si autogoverna,ma,purtroppo è la parte più misera del paese e lo sarà sempre di più!

Lascia un commento