eXTReMe Tracker

Finito il G8 Berlusconi, smessi i panni del cameriere, torna ad essere Papi

11 luglio 2009 alle 13:04
calogero

Il G8 si è concluso. Non so bene quali siano stati i suoi risultati, o meglio quali saranno, perché pare che al G8, essenzialmente, ci siano delle solenni dichiarazioni d’intenti che poi si risolvono in promesse da marinaio. Come quella volta che bisognava dare un mucchio di soldi per l’Africa e poi niente. Questa volta i soldi promessi sono 20 miliardi, per la fame che uccide milioni di esseri umani ogni anno.

Il G8, si dice da più parti, è stato organizzato molto bene. Io, come italiano, ne sono felice. Abbiamo fatto bella figura. Tutte le persone piu’ importanti della terra a vedere le rovine del terremoto, l’Aquila al centro del mondo per tre giorni e le altre, immancabili, promesse da nano: entro novembre tutti avranno una casa. Ma intanto questo governo non è nemmeno capace di requisire gli appartamenti agibili sfitti in modo da poter levare dalle tende da subito almeno una parte dei senza tetto.

Ora voglio vedere chi ha ancora il coraggio di criticare e di pensare che è iniziato il mio declino” sibila Berlusconi col petto in fuori. Il summit si è svolto nel migliore dei modi. Strette di mano, abbracci, sorrisi a più non posso. Sorpresi? Io no. E’ la diplomazia che funziona cosi’. Sono i rapporti tra capi di Stato e di Governo che evitano di tirare in ballo questioni che esulano dall’argomento e che metterebbero in imbarazzo il padrone di casa o un suo ospite. Certo non potevamo immaginare Obama che apostrofa Berlusconi dicendogli: ”Ehi Silvio, gira voce che vai a puttane, qua nel back stage non si parla d’altro… ma non volevate fare una legge che punisce i clienti delle prostitute”? Oppure Frau Merkel avrebbe potuto chiedere conto dei 400 milioni di Euro inutilmente spesi per non fare l’Election day sotto ricatto della lega, soldi che potevano essere investiti proprio nella ricostruzione. “Ehi Silvio tutta sta sceneggiata a L’Aquila pero’ i soldi sapete come gettarli nel cesso, vero? In Germania su una puttanata simile sarebbe caduto il governo”. O Gordon Brawn avrebbe potuto chiedere:”Sai caro Silvio, non abbiamo ancora capito come hai conosciuto Noemi Letizia. Da noi quando un politico si contraddice tre volte in due giorni nel spiegare la natura di una sua relazione con una minorenne, da le dimissioni”. E giù risate e pacche sulle spalle!
Oppure avrebbero potuto chiedere quella volta della P2, i processi per corruzione in atti giudiziari, le leggi ad personam eccetera eccetera eccetera. Tutta roba coperta da omissis e da evitare come la peste per non creare tensioni. Il che spiega pure perché sul nano la nota informativa che la Casa Bianca ha consegnato ai giornalisti al seguito di Obama, si limitava a sette righe (data e luogo di nascita, professione -politico, uomo d’affari, primo ministro- la data delle elezioni vinte nel 2008 (con fonte Bbc) e quella dell’insediamento a Palazzo Chigi “per la terza volta” (fonte Associated Press). Mentre quello degli altri leader era lungo pagine (per ognuno di loro).

Già, proprio un bel G8. Con un po’ di omissis, ma bello.

Pubblicato in Fiction da calogero | 11 Commenti »(Letto 16894 volte)

tn  tags: , , ,

Articoli più o meno correlati:

Aggiungi a:These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • del.icio.us
  • OkNotizie
  • Segnalo
  • Furl
  • digg
  • Spurl
  • Reddit
  • blogmarks
  • NewsVine
  • YahooMyWeb
  • Smarking

11 commenti a “Finito il G8 Berlusconi, smessi i panni del cameriere, torna ad essere Papi

  1. zerb scrive:

    @silvio
    ma vaccanculo. và !!! Non sai nemmeno lèggere.

  2. er mahico scrive:

    @silvia
    É un sito d comunisti? Oh porkkaccia zoya! E ora ke facciamo? Presto presto prima ke il kgb conquisti alitalia tav e afghanistan! Nn m ero accorto d tutti questi bolsceviki! Salverò noemi facendo scudo con le copie d Playboy 2007 e con il mio surf!

  3. silvio scrive:

    Voi comunisti con i sindacalisti e lo statalismo avete rovinato l’Italia.
    Purtroppo avete i paraocchi come i cavalli sapete solo litigare tra di voi e fare chiacchere sterili.

  4. silvio scrive:

    E’ un sito di comunisti questo e non ha niente a che vedere con la democrazia

  5. dario scrive:

    Tra qualche giorno il g8 sarà solo un ricordo, berlusconi cercherà di stare zitto per una settimana, morfeo Napolitano cercherà di coprirlo, tutti i maneggioni che dipendono dalla sua esistenza pilitica e fisica cercheranno di farlo pasare per normale, ed intanto cercheranno febbrilmente di fare leggi per distruggere la magistratura, la libertà di stampa (vedi ddl alfano sui blog), favorire gli evasori fiscali (vedi scudo fiscale) ecc ecc.
    Gli basta solo che il satiro stia zitto e si contenga per qualche settimana, ma siccome non ce la fa e le’inchiesta di Bari progredisce, i sorci cominceranno a saltare dalla nave, e cercare altre zattere per salvarsi (vedi la lega sud di Lombardo e dell’Utri).
    E intanto il partito democratico si polverizza tra reduci dc con franceschini, culi di pietra dell’apparato con Bersani (Marino chi è?) e seguaci di Grillo, che se gli va si fa il suo movimento quando gli pare (e con Di Pietro farebbe sfracelli).
    Povero berlusca, va a finire che il G8 gli ha regalato solo qualche settimana di vita in più…

  6. Spartaco scrive:

    Speriamo invece che Obama non impari da quelli che l’hanno preceduto. L’ultima festa che mi ricordo organizzata dal suo predecessore è stata l’impiccagione di Saddam.

  7. Spartaco scrive:

    Berlusconi è bravo a fare la festa agli altri. Ha imparato da quelli che l’hanno preceduto.

  8. Carneade scrive:

    Tutto si puo’ dire al nano ma non che non sia bravissimo ad organizzare feste. Anche Obama ha dovuto ammetterlo…

  9. er mahico scrive:

    Un prestigio d’alta scuola.

  10. Requiche? scrive:

    ma cosa vuoi requisire, se loro vivevano in catapecchie non vedo perché dovrei rimetterci io proprietario di case costruite come si deve.

  11. zerb scrive:

    il g8 ha consacrato il nano da mignottaro a statista.
    questo è il miracolo italiano.
    Sfido qualsiasi altro popolo ad arrivare a far tanto.
    In una settimana.

Lascia un commento