eXTReMe Tracker

Il prezzo del gasolio alla pompa è stabile

8 marzo 2011 alle 11:48
calogero

Prezzo del gasolio al litro in gennaio Euro 1,23
Prezzo del gasolio al litro in febbraio Euro 1,24
Prezzo del gasolio al litro in marzo Euro 1,24

Il prezzo del gasolio alla pompa è stabile. In Slovenia. Non farò mai più un litro di gasolio in Italia. :nono: Per quelli che vivono lontani dal confine pazienza. :bigballs:

In Slovenia non sono stati avvisati che in Libia c’è una guerra civile in corso. In Italia invece la notizia è arrivata. E come sempre le compagnie petrolifere lo mettono gioiosamente nel didietro ai sempre più poveri itagliani. Il governo intanto si gratta le palle. :berluska:

Pubblicato in Capitalismo all'italiana da calogero | 11 Commenti »

tn  tags: , , , , ,

Articoli più o meno correlati:

Aggiungi a:These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • del.icio.us
  • OkNotizie
  • Segnalo
  • Furl
  • digg
  • Spurl
  • Reddit
  • blogmarks
  • NewsVine
  • YahooMyWeb
  • Smarking

11 commenti a “Il prezzo del gasolio alla pompa è stabile

  1. Carabini ha detto:

    Per il gasolio diesel i listini oscillano invece tra 1 285 euro per litro rilevato nei distributori Shell e il massimo di 1 304 euro al litro in quelli Q8.

  2. Carabini ha detto:

    Tra pochi giorni e con larrivo dei primi freddi le famiglie a causa dellaumento dei consumi pagheranno bollette di importo piu elevato per il gasolio da riscaldamento e per il gas anche se per questultimo lAutorita nei giorni scorsi ha reso nota una ulteriore riduzione tariffaria.. .Pur tuttavia il nostro Paese in materia di prezzi per il gasolio da riscaldamento detiene un primato guarda caso negativo tra tutti i ventisette Paesi del Vecchio Continente…LAssociazione infatti aggiornati allo scorso 28 settembre rileva come in Italia un litro di gasolio da riscaldamento costi la bellezza di 1 037 euro mentre in tanti altri Paesi dEuropa costa molto meno…LAduc porta ad esempio il caso del Lussemburgo dove un litro di gasolio da riscaldamento costa appena 0 461 euro ovverosia meno della meta di quanto lo pagano le famiglie italiane sempre piu tartassate. Come mai questa differenza?..Ebbene Primo Mastrantoni fa presente come il costo di un litro di gasolio da riscaldamento ma sulla benzina lo Stato riesce anche a fare di meglio con un prelievo fiscale che supera il 60 del prezzo pagato dal consumatore alla pompa grazie anche a tutta un serie di accise in vigore da decenni ma che andrebbero abolite…Immagine tratta da http://www.allaguida.it.

  3. ezio ha detto:

    @calogero
    guarda, non sto qui a elencarti tutti i raggiri che ha fatto la telefonia mobile, per (ri)accaparrarsi il maltolto. Quindi lasciamo perdere.
    E poi senti, hai ragione, perche’ non va su sta sx del cazzo, quanto lo desidero, non lo immagini nemmeno. E spero che swampt. mi continui ad accettare, perche’ godo gia’ da ora.
    La benzina in germania e’ da qualche anno, piu’ cara dell’italia…………cioe’, prima durante e dopo ok? si salva l’austria,che, prima durante, era di due centesimi inferiore alla nostra. Ora ha il nostro prezzo. Quindi……….non e’ vero che cresce solo in italia.
    Bersani ha riformato i mutui casa? poteva risparmiarselo tranquillo, vista la crisi di vendita d’ immobili. Ma e’ colpa del governo chiaramente

  4. er mahico ha detto:

    arridatece Prodi!!!!!
    :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
    il professore buono mi manca in questi casi, almeno mi confortava senza aggiungere problemi inutili a quelli reali.

  5. calogero ha detto:

    @ezio

    che bene che ragioni Ezio. Siccome le compagnie telefoniche i soldi te li fregano comunque, tanto vale fargli scegliere come fregarteli. Complimenti.

    Bersani ha anche riformato i mutui casa, eliminando la penale per il rimborso anticipato del mutuo, eliminando le spese e obbligando le banche a rompersi le palle col notaio per gli atti di chiusura. Bazzecole, perché tanto la banca di fotte da un’altra parte, no? :mrgreen:

    E poi cosa centra il prezzo attuale della benza in Austria e Germania se non lo compari con i prezzi precedenti ai tumulti? E’ quello il dato che ci interessa, mica altro.

  6. ezio ha detto:

    @calogero
    spero non ti abbia scandalizzato con il discorso milan inter……………e’ perche’ mi riferivo a moratti, che col petrolio si compera tutti i campioni che vuole. Mentre l’imprenditore berlusca………ne deve fare di pubblicita’…………………………..

  7. ezio ha detto:

    @calogero
    carissimo, io sono vicino all’austria, e la benzina e’ a 1.498, in germania supera 1.500. La slovenia e’ piu’ onesta ok, ma che ci possiamo fare se il premier e’ milanista anziche’ interista.
    Bastava farne 25 di euro, e te ne rimanevano 25 :mrgreen: stai comunque tranquillo che dalle tariffe…………………..le societa’ se li riprende…e con gl’interessi. Lode a bersani, gran uomo :allah:

  8. calogero ha detto:

    @ezio

    quando ricarichi il cellulare pensa a Bersani, che per merito suo i 10 euro ricaricati sono 10 e non più otto. E ringrazialo.

    Comunque il tema era: perchè in Italia appena scende instrada uno in Libia la benzina sale e altrove no? Per caso oggi ho accompagnato mia madre in Slovenia a fare il pieno e la benzina non è ancora salita. Stabile pure quella.
    E il fatto che queste cose siano sempre successe non è certo una giustificazione e non rende la cosa più accettabile. Almeno per la mia logica.

    Molti italiani non arrivano a fine mese e grazie a questo governo inetto sono sempre di più.

  9. ezio ha detto:

    @@@
    eh si, perche’ se c’era l’invertebrato di bersani al governo, la libia sarebbe ancora in pace col colonello, mubarak sarebbe al suo posto, nessuna sommossa in tunisia…………..nessun profugo in arrivo, eeeeeeeeeeeee………. la benzina a un euro.
    Ma di che cazzo si parla, mi sembra che non ci sono limiti al dire stronzate

  10. suslov ha detto:

    Io ormai sono arrivato alla conclusione che gli italiani hanno delle risorse inesauribili, dopo un decennio di saccheggi e spoliazioni da parte dell’orda barbarica che ci governa (e berlusca ha ripristinato pure lo jus primae noctis, almeno per quelle che dipendono da lui) domenica sera rientrando a casa da Roma (abito a settanta chilometri) c’era una fila interminabile di cittadini che tornavano a casa dalla gita cosidetta fuoriporta, migliaia e migliaia di vetture, con quello che costa la benzina.
    Una volta su Repubblica il primo maggio uscì una vignetta che titolava sotto una coda interminabile di auto “corteo di operai al casello di Roma Nord”, ma quelli erano tempi molto più grassi.
    Visto chi ci governa, magari vedendo le donne che manifestavano oggi al grido di “Le donne hanno i numeri!” lui avrà detto “ma certo, 90,60,90!”.
    Fortuna che l’amico di Silvio Gheddafi nel suo disperato tentativo di non farsi processare (chissà chi ci ricorda) è arrivato a bombardare il suo stesso popolo
    (o come vorrebbe farlo pure il Nostro, sulle Procure!), e quindi gli italiani subiranno una robusta erosione dei loro risparmi (anche grazie alla speculazione perpetrata dalla setta satanica situata nella City di Londra).
    E se come sembra, dai prossimi giorni scoppieranno disordini pure in quel fragile castello di carte che è l’Arabia Saudita, dove gli sciiti dello Hasa e dello Asir, i sunniti moderati dello Higiaz e la setta fondamentalista, quasi satanista dei wahabiti del Neged (infatti vanno molto d’accordo con la City di Londra) stanno assieme solo per la mano di ferro della dinastia saudita, altro che 1,60 euro per la benzina: 4 o 5 euro, se va bene.
    E per Silvio cominceranno ad essere guai, visto che la Lega comincia lentamente a prendere le distanze da lui: adesso va da sola nei piccoli e medi comuni, nei grandi tanto al nord il centrosinistra parte spesso favorito, poi ottenuto il federalismo va al voto ed ottiene il massimo possibile, e silvio in pensione.
    Quasi quasi a berlusca gli conviene rovesciare il tavolo ed andare al voto adesso e da solo, finchè la situazione economica non risente troppo dello shock petrolifero.

  11. giulios ha detto:

    Ma quando si accorgeranno che ci stanno mandando in rovina? In questo paese va bene soltanto per i furbi, i ladri , gli speculatori e gli evasori fiscali, chi fa il proprio lavoro pagando le tasse fino all’ultimo centesimo, chi studia seriamente sperando in un futuro migliore sono destinati ad essere considerati dei perdenti e pure sfigati, non aumenta soltanto il carburante senza una vera ragione ( e poi non cala mai) ma aumentano le assicurazioni, i servizi, i beni di prima necessità, impoverendo di giorno in giorno milioni di persone a reddito fisso mentre al governo hanno altro da fare. Bello il paese di papilandia dove i ristoranti sono pieni, impazza il bunga bunga, alla faccia nostra.
    :cul:

Lascia un commento