eXTReMe Tracker

Il prezzo del gasolio alla pompa è stabile/2

8 aprile 2011 alle 20:37
calogero

In Slovenia, nonostante il casino, i bombardamenti, gli sbarchi a Lampedusa, le liti Italia-Francia, eccetera, ancora non sanno che un paese produttore di petrolio importante come la Libia è nel caos. Strano perchè ormai la crisi si protrae da un po’ di tempo.

Prezzo del gasolio al litro in gennaio Euro 1,23
Prezzo del gasolio al litro in febbraio Euro 1,24
Prezzo del gasolio al litro in marzo Euro 1,24
Prezzo del gasolio al litro in aprile Euro 1,24

E oggi, in fila per fare il pieno, tutte macchine targate Italia: Udine, Gorizia e Trieste. Il governo Berlusconi ci prende per il culo assieme alle compagnie petrolifere, che a quanto vedo in Italia hanno mano libera e possono fare il bello e il cattivo tempo, anzi fanno solo il cattivo tempo. Mentre il nostro premier benzinaio impegna il parlamento per risolvere i suoi impicci con la giustizia, appuriamo con tristezza che gli italiani sono alla frutta: non riescono a incazzarsi nemmeno quando gli toccano le tasche con tanta strafottenza! E’ la fine!

Pubblicato in Berluscones, Capitalismo all'italiana da calogero | 5 Commenti »

tn  tags: , , , , , , , ,

Articoli più o meno correlati:

Aggiungi a:These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • del.icio.us
  • OkNotizie
  • Segnalo
  • Furl
  • digg
  • Spurl
  • Reddit
  • blogmarks
  • NewsVine
  • YahooMyWeb
  • Smarking

5 commenti a “Il prezzo del gasolio alla pompa è stabile/2

  1. Zerb ha detto:

    Ciao giulios,
    infatti l’ho precisato nel terzo capoverso, ma sia chiaro che non giustifico l’aumento del prezzo se non per far favori ai petrolieri……guadagnandoci anche qualcosa.

    Guarda, Calogero tecnicamente la tua proposta sarebbe improponibile perchè qualsiasi fascia geografica dove il prezzo fosse più basso, comporterebbe lo stesso fenomeno nelle zone limitrofe come sta accadendo ora in Friuli.

    Concordo sul danno che porta il liberalismo sfrenato a vantaggio dei privati che fanno il bello e cattivo tempo.

    Vigliacca ed infelice fu la scelta delle privatizzazioni, altro che maggior concorrenza.
    Fosse per me, nazionalizzerei dalle banche alle imprese di costruzioni superiori ai 200 dipendenti, dalle assicurazioni alle industrie strategiche ad alta tecnologia, dai trasporti ai lavori pubblici.
    Ed i manager che non fanno bilanci attivi nei primi dodici mesi…… a spasso e rendono lo stipendio.
    Operai compresi.

  2. giulios ha detto:

    Zerb,
    l’aumento dei carburanti non riguarda soltanto gli automobilisti ma, ed è questo l’aspetto più grave, incide anche sul trasporto delle merci, delle materie prime, di tutto quello che vediamo nei supermercati e che, pertanto , paghiamo noi tutti.

  3. calogero ha detto:

    @zerb

    essenzialmente i rincari della benza colpiscono le fasce più deboli. Ogni aumento colpisce in maniera più forte i più poveri.
    Poi sulla fascia confinaria con la Slovenia, i nostri politici stanno facendo davvero la figura degli incapaci: le pompe in italia sono deserte, in slovenia c’è la fila di macchine italiane. Anche questo è gettito che viene sottratto all’erario e per recuperarlo basterebbe allineare il prezzo sulla fascia confinaria a quello Sloveno. Senza contare i posti di lavoro che si perdono.

  4. Zerb ha detto:

    C’è modo e modo di far pagare le tasse.
    C’è chi ha l’onesta di dire apertamente “questo è quel che devi allo Stato” e c’è chi invece te li “sfila” dal borsellino e ti dice “ma guarda che io non ti prendo mica niente, saiii !!!”.

    Orbene, paradossalmente questa tassazione che dà introiti alle sgangherate casse statali ed alle grasse casse delle Compagnie la considererei, nel caos fiscale, come una delle poche eque tasse che ci infliggono, nessuno escluso.

    Certamente che chi consuma per lavoro dovrebbe essere tassato meno che chi consuma per diletto, certo che l’equità fiscale è un sogno represso, ma non mi taglierei le vene per l’aumento dei carburanti.

    Quel che mi fa invece letteralmente incazzare, è lo slogan che “loro non mettono le mani in tasca agli italiani” mentre invece è solo la Sinistra a risolvere i problemi in questa maniera.

    Dopo 3 anni di governo, le tasse sono solamente aumentate, tutte.

    Morale:
    “Cialtroni fino al midollo, mettete le tasse ed ammettete che quando sono necessarie le applicate come e peggio della Sinistra”.

    What else ??

  5. giovanni ha detto:

    che la Libia produca petrolio conta zero, se nemmeno un goccio di quel petrolio finisce in Slovenia…

Lascia un commento