eXTReMe Tracker

Il Re è morto, viva il Re

12 novembre 2010 alle 16:29
Spartaco

Così veniva annunciata in Francia diversi anni fa la morte del re, che sì era morto, ma il suo posto veniva preso in tutto e per tutto dal suo successore, nel segno di una continuità che ne comportava l’immediato riconoscimento.

Chi oggi seppellisce il re lo fa per garantirgli la successione, nell’ottica della perpetuazione del potere e della salvaguardia del regime. Il Re non è stato abbattuto dal popolo. Il palazzo non è stato messo a ferro e fuoco. Semmai è l’esatto contrario. Contano, è vero, gli eccessi del defunto. Non è trascurabile il fatto che fosse un puttaniere, che non perdesse occasione per coprirsi di ridicolo, che amasse circondarsi della più turpe canaglia, che fosse uno spudorato mentitore, che anteponesse sempre e comunque il suo personale interesse all’interesse dello Stato.

Ma era il Re.

Non per grazia di un Dio nel quale forse non credeva, ma per volontà della nazione o, come era solito dire, per “mandato degli elettori”. Un re può morire in due modi: di morte violenta o di morte naturale. La morte violenta è quella che avviene per mano altrui nel tentativo di cancellare il sistema che il re rappresenta. La morte naturale è quella che avviene per cause naturali, come per un’indigestione, un’ubriacatura, un eccesso, insomma.

Di orgia, così è morto Berlusconi.

Diceva bene ieri sera Bocchino che l’ultimo dei problemi è chi prenderà il posto di Berlusconi. Può essere uno qualunque, una nullità qualsiasi, che proprio in forza della nullità che rappresenta, è il contrario degli eccessi. Uno come Fini, insomma.

Perché gli eccessi di Berlusconi, secondo il pensiero bocchinaro, non sono gli eccessi del sistema. In altri termini non è il sistema, nel suo modo di essere, nella sua morale, nella sua ispirazione, nei suoi presupposti ideologici, responsabile della generazione del “mostro” Berlusconi. Semmai il sistema, secondo la visione bocchinara, ne è la vittima: Berlusconi, per stare appresso alle mignotte e raccontare barzellette, “trascurava” di servire degnamente uno Stato che aspetta solo di essere servito.

Non c’è nessun marasma. La questione di Berlusconi si chiude con Berlusconi. La destra rimane la destra e la sinistra rimane la sinistra. Perciò Bocchino, a fronte di una domanda insinuante, ha ripetuto forte e chiaro che lui, con il suo giro, è la destra. E che la destra ha i valori che sono i valori di destra.

Per esempio la legalità.

La legalità cui si riferiva Bocchino è legalità della destra, che sarà onorata facendo fuori Berlusconi. Perché per il resto funziona benissimo.

Bastava guardare l’amore e il senso dello Stato con cui i poliziotti manganellavano e picchiavano in modo “pesante” quelli che erano andati sotto la gru, responsabili con quelli che stanno sopra la gru di fermare i lavori della metropolitana “leggera” di Brescia.

Pubblicato in Fascismo arretrato, Il nano piduista e porco, Politica da Spartaco | 20 Commenti »

Articoli più o meno correlati:

Aggiungi a:These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • del.icio.us
  • OkNotizie
  • Segnalo
  • Furl
  • digg
  • Spurl
  • Reddit
  • blogmarks
  • NewsVine
  • YahooMyWeb
  • Smarking

20 commenti a “Il Re è morto, viva il Re

  1. suslov ha detto:

    Gigi, l’ha deto berlusca che lui aveva sconfitto il tumore alla prostata, e quindi doveva essere abbastanza grave.
    Per quanto riguarda il fossile, io lo dicevo in senso culturale, lui vive ancora nell’Italietta degli anni sessanta e qui siamo già al secondo decennio del ventunesimo secolo, forse è il meno adatto per affrontare quest’epoca globalizzata e complessa, tant’è che lui preferisce far retrocedere gli italiani al suo livello culturale
    (lui è ancora alla fase anale, quella dei poppanti che dicono solo mamma, cacca, pappa) distruggendo scuola, università e ricerca.
    Lui è tutt’altro che un rincoglionito, lo dimostra come ha fatto fuori i suoi delfini Casini e Fini, il primo tre anni fa ed il secondo adesso: lui vuole andare al Quirinale e vuole piazzare o uno come Alfano o sua figlia Marina a Palazzo Chigi per fare ancora più soldi con le sue televisioni di cacca, mentre il suo scagnozzo Romani distrugge i concorrenti come Rai, Sky, grandi giornali emittenza locale internet ecc.
    I suoi ex delfini se ne sono accorti ed ora cercheranno di fargliela pagare facendolo finire in galera, mentre lui cerca di piazzare Marina alla sua successione, stamattina il Giornale titolava la frustata di Marina, rivolta a Bocchino, dicendo noi non compriamo le case coi soldi del partito, certo, usano il partito per fare i soldi.
    Vista la confusione che fanno in famiglia tra politica, affari e sesso, mi immagino Marina come una misstress sadomaso che frusta un Bocchino incatenanto sul popò,
    mentre col tacco a spillo gli martoria gli attributi, sotto lo sguardo felice di papà che abusa di una poppante.

  2. Lele:
    Parole, parole ,parole :soltanto parole e nulla di più,più, piùùùùùùùùùù

  3. lele ha detto:

    zerb
    fini sta nella stanza dei bottoni:è informato dell’andamento dell’economia,dei conti pubblici e sull’umore del popolo,aggiungendo che il ns amato premier gira il mondo per “far valere”la derisione del”la nostra italia”ha sentito una gran puzza ed è corso ai ripari e,per come la vedo,salvarsi il culo.Molte cose dette credo non le pensi neppure che,tra l’altro,gli stanno tornando indietro come macigni,vedi sugli immigrati,e lui lo sapeva ,quindi il rischio era calcolato.
    Che la priorità sia mandare berlusconi a cantare in un altro cortile è un dato assodato ma,dall’altra parte che cosa stanno facendo per contrastare un’eventuale ascesa di forze che sembrano solo democratiche,stanno cercando di recuperare i consensi della”sinistra”almeno quella parte che nelle passate elezioni hanno tagliato fuori,o pensano di affermarsi spedendo “rimbocchiamoci le maniche”con annesso bollettino postale?l’alternativa potrebbe essere un triunvirato,qualche grillino,altri minori e l’appoggio legaiolo che pur di mantenere la mangiatoia romana e qualche nepotismo diffuso butterebbe la propria madre nel pozzo!

  4. Zerb ha detto:

    Ciao Lele,
    sgombriamo il campo da equivoci:
    non è che mi stia a cuore il discorso o la presa di posizione di Fini, mi sta a cuore il governo che cada al più presto.
    per cui, tutto ciò che può portarlo a sciogliersi io lo approvo nella misura della legalità incorsa e senza compravendita di parlamentari (ma mi andrebbe bene anche qualche scorrettezza, giusto per pareggiare il conto)
    Chi ha mai detto che apprezzo Fini?
    Personalmente approvo il riconoscimento dell’errore che hanno fatto a fondersi nel PdL e la distanza che stanno mettendo, ma non dimostra alcuna stima da parte mia.
    Poi, potremo parlare della mossa politica da cosa sia stata dettata e a cosa potranno ambire, ma questo è un altro lungo argomento.
    Alla fine, perchè non riconoscere che stiamo vivendo un momento di intensità politica che non vedevamo da anni e che si possono aprire le porte su discussioni ormai dimenticate?

    Poi, se vogliamo scandire qualche slogan, abbiamo l’imbarazzo della scelta.

  5. Suslov (12): Bello il tuo parlato, anche se non sono daccordo su certi punti di vista.Per esempio quando racconti sulla sessualità del premier e i suoi malori alla prostata.Il premier non ha avuto un tumore maligno, ma solo un nodulo,tenero e già calcificato , nonchè il raschiamento sull’uretra.In alcuni casi come è successo al premier , il psa totale ,è andato oltre il parametro del normale cioè 4.00 , oltre a quel valore c’è da allarmarsi .L’ipotrofia prostatica , signica che la prostata può aumentare di volume , ove il flusso urinario viene a meno.Di solito quando una persona ha tali problemi , non solo torna alla normalità, ma avrà tale problema per tutta la sua vita, e dovrà farsi controllare PSA e prostata periodicamente, prendendo farmaci giornalieri.Per quanto riguarda la sessualità, anche se una persona, usa il viagra , la sua prostata viene messa sotto sforzo, l’ipotrofia :diminuzione anormale della ghiandola, può avere canseguenze da non scherzarci soprà.
    Poi dire che Silvio Berlusconi sia un fossile, mi sembra un po esagerato.Quando una persona gira per tutto il mondo, per far valere la nostra l’Italia , che non è ancora morta di fame , ove tiene un popolo che se la sempre cavata,direi che il premier sia spiritualmente vivo.Dico questo non perchè il premier mi sia simpatico, ma è anche vero , che qualche volta ,si può dire le verità.Poi tornando alla vecchiezza del premier ,e la sua confusione senile . Sentendo te, che lo dai per un uomo finito, allora perchè non lo confronti con (Napolitano Giorgio), presidente della repubblica classe 1925 , più undici anni di Silvio ? Se quello che hanno detto e scritto riguardo il numero di donne, che si è portato a letto il nano ; un uomo super normale sessualmente virile , dovrebbe vivere perlomeno 10 volte più di Berlusconi.E tu Suslov : lo giudichi come un fossile, un vecchio con demenza senile ? Direi che qualcosa nel tuo discorso: non quadra, amenochè la propaganda contro il nano sia stata superesagerata. E’ sempre un piacere confrontarmi con una persona intelligente , Suslov, anche se qualche volta non posso darti ragione..ciao gigi.

  6. ezio ha detto:

    @lele
    e allora perche’ rompete tanto i coglioni quando parlo male di sti arlecchini. M’hai mai senti parlare male dei comunisti? E allora. Che cazzo, si discute punto. Voi avete fiducia in sta baraonda di squallidi personaggi della politica(ho gia’ detto piu’ volte che berlusconi non e’ un politico……………) io li derido. Questo e’ un blog comunista, in 5 anni ho solo sentito parlare di comunismo, quando si ironizza contro il nano, quando da deficente da colpe ai comunisti.
    Accetto che mi sia dato del pazzo a votare lega, ma non perche’ do’ dei coglioni incompetenti a tutta la sx.

  7. lele ha detto:

    ezio
    lo sai perché non apprezzo fini?perché ha secondi fini!e l’unico fascista buono è quello morto!questo è solo un detto,in realtà non è buono neanche da morto!
    Come devo dirti che quella non è sx e tantomeno mia?

  8. lele ha detto:

    spartaco
    no,no,no,non d’accordo sull’ortografia!l’altrochè ha l’accento sulla e, ma il c(h)e non ha l’accento sulla e!

  9. suslov ha detto:

    Berlusconi ormai era arrivato ad un punto che confondeva tutti insieme affari pubblici, privati e sessuali, creando un incredibile intrico di leggi e provvedimenti a favore di mediaset, mignotte pagate con cariche pubbliche (che tra l’altro sono pure fedeli) e così via.
    Ormai ripresa la sua sessualità grazie al viagra, anche se c’è da dubitarne a causa del suo vecchio cancro alla prostata, berlusca nella sua senile confusione mentale confondeva l’erection day, quando gli si drizzava ogni tanto, con l’election day, quando si vota in Italia (forse più spesso).
    Questo vecchio fossile degli anni sessanta e settanta è potuto stare tanto al governo perchè negli anni novanta la sinistra lo ha salvato dal carcere portandolo in parlamento
    (come detentore di concessioni pubbliche televisive non poteva essere candidato ma quel suino di d’alema gli fece dare il placet dalla giunta delle elezioni della Camera)
    e sempre d’alema con una operazione congiunta sostenuta dalla banca di roma di geronzi, il re degli stronzi, salvò il PDS dai debiti e Fininvest, cioè Forza Mafia, dal fallimento.
    In seguito le privatizzazioni fatte a pene di segugio da Prodi crearono al posto degli sgangherati oligopoli pubblici degli oligopoli privati che nelle figure dei benetton, tronchetti provera, moratti e così via sostennero la politica antifiscale e antiambientale di berlusca, in controtendenza con la globalizzazione che imponeva un capitalismo fondato su grandi e medie aziende monosettore e competitive a livello globale, fondate su alta tecnologia, quindi ricerca ed investimenti.
    Non è un caso se la politica analfabeta di berlusca guardi ad una società in cui scuola,
    ricerca, università ed ambiente non esistono, in ossequio ad un capitalismo basato su attività vecchie e protette, come acciaio, edilizia, petrolio e così via, i cui protagonisti italiani non a caso sono oggi nei guai fino al collo.
    La attuale classe politica era già morta con questo capitalismo da manicomio e con la chiesa cattolica integralista del pedofilo Ruini.
    La caduta di berlusca metterà solo il sigillo alla scomparsa di una società morta da tempo.

  10. Ciao Ezio:
    Il tuo comm.l’ho condivido pienamente ;Oggi Fini , è ammirato da quella specie di Sx , che per conto mio,non esiste più nulla di sx vera. Quel PD che hanno creato,di misti chiacceroni , che son li solo per andar al potere , senza nessun programma ;ora cerca in tutte le maniere di mandar a casa il governo , sfiduciandolo alla camera: e poi? ORA VOGLIO FARE DELLE DOMANDE , e ne sarei grato se qualcuno, sarà in grado di dare una risposta credibile. Chi si prenderà la responsabilità di governare l’Italia? Chi ci porterà fuori dalla crisi? Chi sarà in grado di garantire la cassa integrazione agli operai ? Chi sarà in grado di far diminuire il gran debito pubblico : che ci hanno lasciato in eredità i governi precedenti?Chi garantirà le pensioni a tutti? Chi farà restare in Italia le imprese italiane , ora andate all’estero dove guadagnano di più ? Chi garantisce che Fini sarà meglio di Berlusconi, e che vuole prendersi lui la responsabilità di governarci? Chi mi può dire che dentro il PD , non ci sia tanta confusione: se si guarda Vendola , che va per conto suo ? E di Renzi che ne dite? Ha fatto un gruppo il dritto, contro i grulli, per rottamarli : via i vecchi che non concludono un cazzo : parole sue , che ne dite reggerà? E chi mi dice che Fini non stia preparandosi con la corda, per arrampicandosi sul’alto colle? Se vuole mandar a casa Berlusconi , non c’è dubbio che cerca sulla sinistra un’appoggio ,per andar a sostituire il buon comunista di Napolitano; e poi dopo tutto un bel fascistone dopo 65 anni sarebbe ora , ha perfino fatto pace con i giudei , ora lo vuole fare anche con i comunisti , odiati da sempre. Ezio quando Berlusconi se ne andrà, daranno sempre colpa a lui e Bossi, anche dopo morti. ciao a dopo..

  11. ezio ha detto:

    @zerb
    o si parla di sx o di comunisti. Io ho parlato di sx punto. Questa sx che di sx non ha un cazzo ma solo chiacchere da babe di mercato ripunto. Non mi mettere giudizi che non ho fatto zerb.
    Con questo dico ancora che e’ ridicolo vedere l’interesse alle parole di un fascista acclamato al punto di zittirsi tutti ed ascoltare con INTERESSE ipocrita ma ben raccolto in quella “meraviglia”, che solo idioti posso avere.
    Bella sx comunque zerb, ricordi quando la stessa, si lamentava che la dx, avendo la legge bossi fini, la tenesse nel cassetto ……………?
    si diceva, avete la legge, perche’ non la mettete in pratica. Vuol dire che bene o male, era accettata. Ora tutti sciolti in una melma di buonismo, ripudiando loro stessi.
    E’ vero, ora fini e’ il signor fini, senza fermarsi un attimo a pensare, che stravolge la sua fama di anti immigrazione incontrollata. Ma che domani si rifara’ sentire, e tutti saranno contenti che sia ritornato il fini NORMALE.
    E COSI’ VI TERRETE IL NANO ANCORA PER MOLTO TEMPO, ALMENO FINO A CHE NON TIRI LE QUOIA.
    A me fa ridere anche napolitano, quando si attacca alla finanziaria che deve essere approvata prima del collasso. Certo, perche’ questa finanziaria, terrebbe conto anche della spesa di nuove elezioni. Ma poi arrivera la sx che dira’….da qualche parte bisogna predere i soldi.Ma prometto che ve li ridarro?…………
    ciao bello..

    @lele
    il comm.6 non rivolgerlo a zerb, rivolgelo alla tua sx e a di pietro. E alla bindi invasita dalle parole di bocchino, riferitegli, che lui va a donne, non a pantegane.

  12. Spartaco ha detto:

    L’accento, lele, sempre l’accento. Non diamo il pretesto ai nostri avversari, notoriamente molto ferrati nell’ortografia, per attaccarci.

  13. lele ha detto:

    spartaco
    altrochè!o che?

  14. Spartaco ha detto:

    @ lele
    :nono:
    Mò vie’ natale. Volemose bene.

  15. lele ha detto:

    zerb,zerb:spartaco ti cazzierà
    un fascista,anche se ex,non si apprezza come non si apprezza quello che dice anche se ti sta a cuore!
    Un duce alto differenzia dal duce nano solo in centimetri!

  16. Zerb ha detto:

    Non credo che si tratti di apprezzare un fassista, ma di apprezzare una presa di posizione su un argomento che ci sta a cuore.
    Posso dire che ho sperato che fini facesse cadere il governo senza far pensare che per me sia un eroe? Cosa c’è di scandaloso a dire che fini ha fatto una cosa per me giusta anche se tradiva (comunque sempre molto ambiguo e mai schietto)?
    Io ci conto che FLI non appoggi il governo, è nel mio interesse in quanto convinto in quel che credo, ma questo non implica che Fini e seguaci io li ritenga degni di stima e fiducia.
    Il mio mondo ideale non ha nè fassisti nè preti, figuriamoci preti-fassisti-doppiogiochisti.
    Chi ascolta le parole di fini, attento e compiaciuto anzichè interrompere come fa di solito la sinistra? cos’è? una caratteristica comunista non far parlare chi non fa comodo?
    Dai Ezio, non esagerare !!

  17. seka ha detto:

    nano fini bocchino bossi e tutta destra :baciamilculo: :baciamilculo: :baciamilculo: come dice bart simson

  18. er mahico ha detto:

    CI sarà mai vera libertà?

  19. Spartaco ha detto:

    Della destra non può che parlar bene chi è di destra. I fascisti,insomma.

  20. ezio ha detto:

    @@
    cazzo come si parla bene della dx, se un frangia della dx fa cascare il governo eh? nessun fascista e’ mai stato apprezzato come un fini e un bocchino, oggi.
    Tutta la sx, s’e’ dimenticata i lati oscuri del fascista fini. Nessuno della sx, fa ricordare a bocchino e fini, la legge sull’immigrazione da loro votata insieme a bossi. Ora appaiono come angelici rappresentanti del multirazziale. Anzi, la sx ascolta le parole dei fascisti,come vangelo, attenti e compiaciuti e per nulla invadenti con interruzioni che sono la normalita’ della sx.
    R.I.D.I.C.O.L.O
    Quando torneranno fascisti e nuovamente al governo, sara’ il ritorno di mussolini, per chi ora li applaude……………

Lascia un commento