eXTReMe Tracker

La professoressa con la passione delle foto hard e il Friuli bigotto

30 agosto 2006 alle 21:43
swampthing

Gossip friulano di fine estate.
Ingredienti:
1- un’avvenente professoressa di Lettere;
2- una scuola media di Pordenone;
3- dei genitori preoccupati delle prime erezioni dei loro pargoletti;
4- dei servizi porno reperibili in Internet con la professoressa come protagonista;
5- un giornale locale (Messaggero Veneto) pronto a farne un servizio in prima pagina;
6- la solita ipocrisia di provincia.
Mescolate bene.
Servire caldo.

Considerazioni finali: installate Net Nanny o Cybersitter, che i vostri figli si ammazzano di seghe davanti al picci, invece di studiare. :mrgreen:

I commenti sono disabilitati fino a nuovo ordine.

Pubblicato in Amore e sesso, Gossip da swampthing | 173 Commenti »

tn  tags: , , , , ,

Articoli più o meno correlati:

Aggiungi a:These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • del.icio.us
  • OkNotizie
  • Segnalo
  • Furl
  • digg
  • Spurl
  • Reddit
  • blogmarks
  • NewsVine
  • YahooMyWeb
  • Smarking

173 commenti a “La professoressa con la passione delle foto hard e il Friuli bigotto

  1. MADAMEWEB ha detto:

    Ciao swamthing, capisci ora il perchè della mia email?
    La mia richiesta ha delle motivazioni ben precise.
    Molte persone parlano di fatti e avvenimenti del quale non sono minimamente a conoscenza e tutto questo rischia pesantemente di danneggiarmi.
    Fammi sapere per cortesia se hai ricevuto la mia email e cosa intendi fare.
    Ciao.
    Anna.

  2. swampthing ha detto:

    il parallelo non mi sembra corretto. non è che se avessero cacciato dalla scuola la professoressa di Pordenone, la sua posizione sarebbe diversa.
    Sono due storie differenti.

    cmq la sua vicenda è sconcertante…
    faccio bene a cacciare i testimoni di geova a pedate quando suonano alla porta.

    sto inciucio tra DS e Testimoni di Geova mi sembra, però, abbastanza strano, per non dire inverosimile…

  3. adriano fontani ha detto:

    Pornoprofessoressa che resta e maestro cacciato su istigazione di una Setta.

    LETTERA APERTA – Agli Organi Scolastici, Politici, Sindacali e d’Informazione.
    In particolare al NeoMinistro MIUR-MPI, On.le Fioroni

    DUE VICENDE SCOLASTICHE UGUALI E CONTRARIE: LA PORNOPROFESSORESSA DI PORDENONE CHE RESTA AL SUO POSTO NONOSTANTE CHE TUTTE LE FAMIGLIE E LE COLLEGHE INUTILMENTE VOGLIANO DA 4 ANNI CACCIARLA A FUROR DI POPOLO E L’AMATISSIMO MAESTRO SENESE PRIMA RIPUDIATO E POI FATTO CACCIARE SU ISTIGAZIONE DELLA SETTA DEI TESTIMONI DI GEOVA dai Dirig. Scol. (col pretesto-supporto di uno sparutissimo manipolo di 7 colleghe su 127!) NELLE FORTI QUANTO INUTILI ED INASCOLTATE PROTESTE DI TUTTI I GENITORI CHE LO STIMANO E VOLEVANO FARLO RESTARE, IN UNA SCUOLA PUBBLICA DELL’AUTONOMIA-ANARCHIA ORMAI IMPAZZITA.

    IN ENTRAMBI I CASI UNA SCUOLA PUBBLICA-GUARDONA-GRANDE FRATELLO INDAGA A FONDO NELLA LORO VITA PRIVATA EXTRASCOLASTICA: nel primo caso nella sua vita sessuale, nel secondo nelle sue attività socio-culturali sgradite solo alla potente, ricca, temuta e politicamente ben protetta Setta.
    Ma ormai una cosa è chiara: più sei contestato ed indesiderato e più resti, più sei apprezzato e difeso e più vieni cacciato.

    LE PESANTI INGERENZE ED IMPLICAZIONI POLITICO-MASSONICHE NELLA MIA VICENDA. NON VI E’ ALTRO MODO PER SPIEGARE COME SI POSSA IN MODO REPENTINO ED IMPROVVISO CACCIARE PER “INCOMPATIBILITA’ AMBIENTALE” UN INSEGNANTE STIMATISSIMO DA 4 GENERAZIONI DI EX ALUNNI E FAMIGLIE DEL PAESE E CHE TUTTI I GENITORI ATTUALI VOLEVANO CHE RESTASSE, GRADITO AL 95% DEI COLLEGHI DA PARTE DI UNA SCUOLA CHE INVECE NON TRASFERISCE UNA DOCENTE CHE QUASI TUTTE LE FAMIGLIE ED I COLLEGHI VOLEVANO DA TEMPO CACCIARE, PER UNA VICENDA POCO EDIFICANTE CHE PUR AVEVA PROFONDAMENTE TURBATO L’AMBIENTE SCOLASTICO DA 4 ANNI .

    Confrontate le due vicende: la prima data da molti tg e tutti i giornali di ieri 31/8 (allegabili alcuni) e la mia odissea finita da due anni sulla migliore stampa italiana (Panorama, CorSera, Repubblica, Stampa, Nazione, Unità, Giornale, Mattino, GazzettaSud, …), illustrata sinteticamente qui sotto (tanta altra documentazione disponibile a richiesta).

    MIA VICENDA DI MAESTRO RIPUDIATO PER DICHIARATO ODIO E PURI PREGIUDIZI RELIGIOSI DAI TESTIMONI DEI GEOVA (iniziata 9/2004).
    Adriano Fontani – insegnante di ruolo di Scuola Primaria – Via Fratelli Cervi155C, Ponte d’Arbia (Siena) – Tel. e fax 0577-370155ab., cellulari 328.2151992 347.4978783 348.7346143 –
    e-mail: [email protected], [email protected], [email protected],
    [email protected]
    Ecco la sintesi della mia odissea di Maestro ripudiato per dichiarato odio e puri pregiudizi religiosi dai Testimoni di Geova (9/2004), che, dovendo per loro disumana regola disprezzare nel più crudele e totale ostracismo i “nauseanti e ripugnanti eretici” fuoriusciti come me (io espulso per “apostasia e ribellione” esattamente 20 anni fa, dopo altrettanti di attiva militanza) hanno preteso e facilmente ottenuto il cambio di sezione per i loro figli onde non fossero educati, costretti a convivere e far amicizia con un “vomitevole cane”, “sporco maiale”, “insetto nocivo”, “Giuda traditore”, “cancro da eliminare”, quale io, come tutti gli eretici del geovismo, sono definito nero su bianco nelle pagine de La Torre di Guardia, che detta loro di evitare nel modo più assoluto ogni rapporto con gli “infami” come noi al punto di consigliare agli adepti di cambiare lavoro (e scuola, quindi!) pur di non contaminarsi con un “sanguinario apostata”. Dopo un anno, riescono poi, invogliati dal facile successo iniziale avuto nel togliermi come alunni i loro figli, come affondare il coltello nel burro, pur non conoscendoci affatto data la loro recentissima immigrazione da molto lontano e dopo aver comunque precisato che risultava loro che io fossi stimato in paese come ottimo insegnante, anche a farmi addirittura cacciare dalla mia Scuola (9/2005) — come “pericolo sociale” perché la mia stessa presenza ed i miei amichevoli rapporti coi loro figli, normali per ogni buon educatore, erano per questi indottrinatissimi e “disgraziatissimi” alunni e per i loro genitori un’ insopportabile provocazione, motivo di “profondo turbamento” — nella protesta, inascoltata, di tutte le altre centinaia di genitori, dove insegnavo da 15 anni nella grande e corale stima, riconoscenza ed affetto di tutte le famiglie, genitori, ex alunni, che mi hanno generosamente quanto inutilmente difeso. Chissà perché – ce ne sono qua e là casi in tante scuole, uno clamoroso proprio nella stessa dove ero io – nessuna ispezione né mai trasferimenti d’ufficio a carico di docenti da tanti anni al centro di pesanti e generali lagnanze degli utenti per scandalose abitudini scolastiche, per evitare i quali, a protezione dei propri figli, chi ha potuto li ha trasferiti in altre scuole, colleghi comunque al sicuro e ben protetti perché docili ai potenti satrapi della Scuola Pubblica-Privatizzata Italiana dei Managers.
    E poiché — dopo una frettolosa prima preispezione a tavolino fatta dal Capo regionale degli Ispettori che avallava pienamente nella sua relazione (10/2004) la settaria e discriminatoria richiesta dei TdG ed elogiava come “doveroso aiuto” l’irresponsabile decisione del DSL — il primo Ispettore scolastico inviato sul posto riconobbe pienamente le mie ragioni e la validità della mia denuncia nella sua relazione (12/2004), la seconda che proprio per questo mi fu negata, insabbiata, invalidata ed annullata e per lui perfino proposto l’avvio di un procedimento disciplinare (2/2005) sia per aver smentito in un sol colpo i tre massimi Dirig. Scol. Locali e Regionali coinvolti ed aver fatto fare brutta figura alla Setta da essi de facto protetta che per essersi rifiutato di cedere alle loro pressioni per cambiarla. Cosi’ fu inviato un altro Ispettore, secondo sul posto (3/2005), che si presta ai “lavori sporchi” per una chiara “spedizione punitiva”, “stroncagambe” e “raccattaveleni”, un perfetto esempio di “squadrismo ispettivo scolastico”, una vendetta dei Managers Scol.ci mascherata da “atto amministrativo”: un incredibile ammasso di oltre 500 pagine zeppe di grossolane menzogne, volontarie e consapevoli falsità e calunnie, un gigantesco quanto rozzo “falso ideologico”, un “mostro Punta Perotti” della storia delle ispezioni scolastiche. Questa terza relazione (5/2005) ha disposto la mia cacciata, guardacaso perentoriamente per prima richiesta personalmente a verbale in Segreteria dal capo locale della Setta, pur non avendo figli iscritti a scuola (4/2005) e dalle due famiglie TdG e voluta dai massimi Dir. Scol. Locali e regionali ma pretestuosamente coperta e falsamente motivata con una “incompatibilità ambientale” tanto inesistente quanto ad hoc artatamente creata per coprire l’operazione con l’utilizzo di un mix di lagnanze e gelosie tipicamente femminili, banalità, pettegolezzi, alcune gravi calunnie (utilizzate seppur smentite da una soverchiante mole di testimoni e documentazione, volutamente ignorati) e vecchi rancori accuratamente ricercati “col lanternino”, a decorrere dal 1990, tra tutto il personale, con un lavoro di bassa lega degno della peggior pettegola di paese, ma ottenuti solo da parte di una “maggioranza qualificata” del 5% delle colleghe (7/127, per un totale dipendenti di 11/171, tutti accuratamente scelti tra membri o ex collaboratori dello staff del trentennale DSL: un simile criterio, se applicato a tappeto, comporterebbe migliaia di trasferimenti annui visto il grado di conflittualità tipico dei corpi docenti) qualcuna addirittura respinta indietro dall’Ispettore quando si è reso conto che avrebbe espresso solo apprezzamenti su di me invece delle critiche erroneamente previste ed auspicate dalla Dsga e facendo testimoniare un falso rappresentante di classe, abusivamente convocato per iscritto dal DSL al posto di quello legittimo democraticamente eletto, perché ben consapevoli che questi mi sosteneva attivamente a nome di centinaia di genitori, attuali e passati e la cui testimonianza è stata perciò ostacolata in ogni modo e ignorata nella relazione perché a me favorevolissima. Se leggete la sua relazione, non vi fidate a farmi portare a spasso neppure il vostro cane. Cacciandomi (9/2005) si è lasciata una classe prima di 21 bambini allo sbaraglio, privata dell’unica figura di riferimento educativa fissa per il quinquennio, condannata a cambiare tutti gli insegnanti tutti gli anni per accontentare una Setta ed un ristrettisimo manipolo di meno di 10 persone tra Dirig. Scol. e loro collaboratori.
    Non basta, l’Ispettore, comportandosi da PM geovista anziché da funzionario di uno stato laico, ha rovistato la mia vita privata dal 1989 chiedendomi conto di attività umanitarie di riconosciuto valore sociale ed istituzionale o di attività di divulgazione rigorosamente svolte in orario extrascolastico da libero cittadino ma con l’unico difetto di essere sgradite alla Setta cui la Scuola Pubblica si è nel mio caso prostituita: sono così finite agli atti della Scuola sia una mia iniziativa giudiziaria di 17 anni fa sia la mia intervista al TG5 h20 del 27/2/ 2005, replicata 3 volte a richiesta, ma sgradita alla Setta cui la Scuola si è alleata nella fattispecie, per quanto rilasciata di domenica pomeriggio. E’ una coincidenza che il mandato della “spedizione punitiva” all’Ispettore “stroncagambe” sia datato 4/3/2005, cioè solo 5 giorni dopo questo mio “colpo” massmediatico di massimo ascolto, sgraditissimo ad entrambe?
    Per non parlare della grave calunnia che, a questo punto promossa dalla Scuola per salvare la faccia a suoi 3 massimi Dirgn e ben volentieri avallata dalla Setta, hanno architettato a tavolino inventandosi che otto anni fa io avrei schernito e vessato “con la bava alla bocca” un’alunna figlia di TdG rovinandole la scolarità. Chissà perché in questi otto anni ne’ genitori ne’ scuola si sono mai ricordati di contestarmi nulla, ne’ a voce ne’ per iscritto, già, quando questa infamia scolastico-geovista non serviva loro. Prontamente difeso dai 36 alunni, ormai maggiorenni e loro genitori dell’epoca (per scoraggiare la cui testimonianza, da me richiesta, sono stati convocati con sole 24 ore utili di preavviso per il lunedì mattina, quando i genitori dovevano andare a lavorare ed i figli a scuola) + dalle 6 inss. e rappresentanti di classe di allora + da una mole di materiale didattico del periodo, il mio povero Inquisitore ha scritto che queste 42 persone, cui ha dedicato 2 righe in calce, erano “di numero inferiore” ai 4 TdG alle cui accuse ha dedicato 5 intere pagine: oltrechè in malafede su mandato, anche analfabeta aritmetico. Non basta. Ottenute solo con l’aiuto del Difensore Civico della Regione Toscana che ha obbligato la Scuola che insisteva a negarmele, da tutte le pagelle dell’alunna “perseguitata” è emersa la paradossale situazione che nei suoi 13 anni di scolarità l’alunna ha avuto proprio nel biennio in cui io la “torturavo” di gran lunga i migliori risultati: un nuovo filone per la psicodidattica sperimentale.
    INCREDIBILI LE CONSAPEVOLI FALSITA’ E CALUNNIE CHE LA SCUOLA PUBBLICA ITALIANA E’ IN GRADO DI CERTIFICARE SU CARTA INTESTATA, TIMBRATA E PROTOCOLLATA, frutto della formidabile intesa con una potente e ben protetta Setta.
    Estendiano a tutti questo anomalo privilegio concesso ai TdG, come è giusto che sia. In democrazia stessi diritti per tutti. Mario Rossi, berlusconiano convinto, pretenderà di non avere come insegnante Luigi Bianchi per il solo fatto che l’ha visto domenica in piazza a protestare convintamente per la CGIL, chiedendo le dimissioni del Governo e, gravissimo, si è anche permesso di fare una raccolta di firme contro il Cavaliere e, nel suo tempo libero, collabora pure ad un Sito chiaramente antigovernativo. Dove finiscono la Scuola Pubblica e la Convivenza Civile? Faremo tante scuole private, di settore, di area politico-culturale, con genitori/famiglie-docenti-programmi “omogenei”? Un bel salto indietro. Perché allora non è stato dato il permesso per la scuola islamica di Milano?

    Così, dopo ben 3 ispezioni scolastiche, oltre alla cacciata di cui sopra sono anche stato, ufficialmente e per iscritto, messo al bando, fisicamente, da tutte le scuole del comprensorio (10/2005), con l’ennesima menzogna attestata su atti ufficiali, nuovamente quanto inutilmente smentita dai genitori interessati.
    Inoltre, dopo 30 anni di insegnamento, subito per tre volte è stato avviato a mio carico, in pieno stile veterosovietico, il procedimento urgente di “visita d’idoneità” al fine di farmi passare per “pazzo” ed esautorarmi dai ruoli (6 e 10/2005 e 6/2006), lucido dissidente non importa se apprezzatissimo Maestro ma piuttosto ormai scomodissimo
    sia per aver fatto luce sui mille abusi di una scuola gestita come un “feudo di famiglia” da un potente gerarca rosso — capace di negare i locali scolastici per una assemblea a mio sostegno richiesta a firma da ben 60 genitori (10/2004-3/2005)) ma di volerli concedere, su sua stessa iniziativa ad un compaesano per esercitarsi al tiro con l’arco per la Sagra del Tordo (a verbale Cons. Ist. 2/2005) (l’ultimo di questi suoi abusi, da me denunciato e sventato, due mesi prima di essere cacciato, 7/2005, nel suo ultimo mese di servizio prima del pensionamento, è stata la scandalosa bocciatura di una bambina di prima che, pur avendo la media del “Buono” era necessaria per sdoppiare la classe successiva, cinicamente scelta perché di famiglia disagiata ed emarginata che di sicuro non avrebbe protestato) — ampiamente protetto scolasticamente e politicamente, qui nella roccaforte della provincia di Siena dove egli ha ricoperto incarichi politici di grande rilievo,
    sia per aver disturbato con la mia denuncia finita sulla migliore stampa italiana i cospicui interessi nazionali e scambi di favori in corso tra il più potente partito politico italiano (DS) ed una delle tre sette più ricche, potenti e capillarizzate del/nel mondo (Watch Tower, CCTGeova), che gestisce un impero editoriale planetario da far impallidire gruppi come RCS o Time-Life e che, guardacaso, da un quarto di secolo appoggia tutti i suoi pinguissimi introiti nella “banca di famiglia” DSina, il MPS, uno dei suoi migliori clienti,
    sia per aver leso l’immagine della “perfetta amministrazione” DSina nel loro feudo, nella “esemplare provincia modello” da essi da sempre amministrata dove non è neppure pensabile che cose simili accadano, quindi far tacere tutto e far cacciare chi ha fatto “clamore”, fatto discutere, pensare e dividere le persone, perciò pericolo pubblico per il monocolore regime scolastico-paesano che deve rimanere tranquillo negli ultradecennali unanimismi bulgari (vedere la relazione di stampo “sovietico” della DSGA).
    Così il più potente partito politico italiano, che proprio qui ha sia la sua roccaforte nazionale che il suo forziere e che, guardacaso ancora, è da sempre, ai suoi massimi livelli politico-istituzionali, il più autorevole e pressoché unico Sponsor in Italia degli interessi di questa ricca Setta (ma del tutto indifferente, D’Alema in primis, al fatto che Essa ogni anno causi la rovina – affettiva, sociale, fisica, economica – di migliaia di persone, matrimoni, famiglie ed affetti e che abbia sulla coscienza, moralmente se non penalmente, in Italia come nel resto del mondo, sia numerosissimi suicidi che migliaia di morti per le note assurde mutevoli proibizioni sanitarie – i vaccini per 30 anni, i trapianti per 12 e le emotrasfusioini da 40), ha imposto dall’inizio (9/2004) il silenzio a tutti i livelli sulla vicenda, da quello più alto dei loro tre parlamentari locali, da me inutilmente interessati dall’inizio, fino alle assemblee comunali, anche a costo di far mancare il numero legale due volte in Consiglio Provinciale purchè della mia vicenda neppure se ne parlasse (3,4 e 6/2006). DS invece (deputati Sasso e Crucianelli, 12/2005) al pesante attacco di un preside di Montescaglioso/MT, accusato di violazione della “laicità della scuola” per una banalità in confronto a quanto successo a me: ma quel Dirig. Scol., guardacaso, era un politico dell’opposizione, non rosso ma nero.
    Intanto, nell’attesa di farmi passare per inabile all’insegnamento, provvisoriamente sottoposto all’avvio del procedimento disciplinare per la mia temporanea sospensione dal servizio (12/2005) per aver fatto “clamore”, cioè libera informazione (niente di più odioso e pericoloso per i regimi) sulla vicenda, coinvolgendo volutamente, in una mia ingenua visione di vera democrazia partecipativa dal basso (inammissibile lusso qui nel senese se sgradita a chi da sempre comanda), anche colleghi e genitori su una questione che concerneva sia la basilare questione della laicità della scuola che diritti umani, civili, costituzionali, scolastici e sindacali fondamentali. Dal 26/1/2006 attendo ancora inutilmente la convocazione davanti al Consiglio di Disciplina, per me agognatissima opportunità per dimostrare il castello di falsità e calunnie e tutto il complotto dolosamente ordito a mio carico: nessuna comunicazione scritta a spiegarmi la ragione di questo lungo e silenzioso stallo, così che da ben 16 mesi ancora mi viene negata l’opportunità di difendermi e smontare nel merito, con centinaia di testimonianze ed una ricca documentazione da me raccolta senza fare un giorno di ferie dal 5/2005, questa ignobile montatura, servita per cacciarmi senza darmi alcuna opportunità di difesa, perché così volevano poche potenti persone ed associazioni.
    Beffa infinita, in una matrioska di vessazioni, esemplare vicenda di “mobbing scolastico” (“male endemico della Scuola Pubblica Italiana”, secondo un esperto, capace di dar vita a forme “di ingiustificata persecuzione e di inaccettabile mortificazione della professionalità e della personalità stessa dei docenti messe in atto da funzionari dell’amministrazione scolastica capaci di insistere, con forme di inaudita violenza psicologica e di ostracismo nei confronti di un docente”, come recita il dispositivo della sentenza della sua prima sconfitta per Mobbing, TAR Lazio, 2004), voluta e adeguatamente coperta da una potentissima cupola scolastico-politico-religiosa, costituita tale dalle circostanze di fatto, ben identificabile e per chiari interessi specifici di ogni sua componente. Scuola Pubblica Italiana che sta schedando, con tanto di foto segnaletica a mezzo busto allegata al mio fascicolo riservato, chi pubblicamente si espone a mia difesa, accusandoLa. Vicenda in cui una delle più potenti Sette del mondo è riuscita ad usarLa, in pesante violazione della Sua Laicità, come braccio secolare prima per ribadire una sentenza di ostracismo, poi per gettare discredito e distruggere umanamente e professionalmente colui che, fondatore nel 1987 del Coordinamento Nazionale Fuoriusciti dai TdG per aiutare le tante vittime di questa setta, la CCTG considera da 20 anni il nemico pubblico numero uno dei propri torbidi interessi.
    SCUOLA PUBBLICA ITALIANA RESASI ED USATA COME
    “INSETTICIDA”
    PER SCHIACCIARE UN “INSETTO NOCIVO”,
    COL COMPLICE SILENZIO IMPOSTO DAI DS.
    IN-CRE-DI-BI-LE ma VE-RO.
    REALMENTE ACCADUTO IN ITALIA: 9/2004-9/2006.
    NELLA SCUOLA PUBBLICA-PRIVATIZZATA DELL’AUTONOMIA-ANARCHIA

    1° settembre 2006 Maestro Adriano Fontani

  4. hicks ha detto:

    ahhhhhhhhhh ma che noia stà storia!!!! magari l’avessi avuta io una prof cosi’ procace(al liceo xro’), hai voglia a studiare come un matto per fare bella figura!!!

  5. roby ha detto:

    si, devo aver confuso le due storie
    meglio cosi.
    posso farti una domanda?
    la tua passione per la gang-band è nota, ma ti piace fare sesso anche a due e due in modo “normale”? escludendo tuo marito chiaramente.
    vale a dire, se torvi uno che ti attizza, ti piace, ci fai sesso o lo inviti alla tua prossima gang?
    un abbraccio
    roby

  6. benoit6100a ha detto:

    Ho un grande desiderio di comunicare con te Anna. Chissà mai perchè? Per esserti vicina? beh anche ma sopratutto per darti tanto appoggio. potrei scrivere un trattato questa sera in tua difesa, ma come faccio? ricevi ‘troppe’ e-mail per aver tempo di leggerlo.Quando lo farò lo farò con il cuore , simpatia, dolcezza – perchè no? – e rispetto , lo farò da vero gentleman ma sopratutto con totale sincerità, ammirazione e sopratutto con convinzione e razionalmente anche se con non poco ‘romance’.Romance!? è il sale dell’amicizia vera e sopratutto dell’amore che amalgamato con la fusione dei corpi ed il bollore della sessualità esalta la nostra vita umana. Certo ,questo perchi capisce. Per chi crede nella autentita naturalezza e sincerità. Vorrei continuare ma … I do not want to interfere too much. Hope to hear from you soon. Translate my name in Italian and you will know who I am. Cheers:) 🙂

  7. MADAMEWEB ha detto:

    Forse mi confondi con la porno prof di Novi Milanese, trovata a fare sesso con gli alunni durante le ore di lezione.
    Io non ho mai fatto nulla di simile in quanto, come già detto, durante il lavoro sono impeccabile ed esemplare.
    Nemmeno nell’abbigliamento eccedo infatti per non distrarre ho sempre evitato scollature, gonne o tacchi.
    Madameweb
    Un saluto grande alle mie simpatiche ex alunne.

  8. roby ha detto:

    sei grande!
    ero un tuo fans un tempo e ti seguivo nel tuo sito su msn…purtroppo non ti ho mai incontrata, però ti ammiravo
    ma mai avrei potuto pensare che la prof potessi essere te!
    che stupido, in fondo pordedone è la tua zona…
    l’unico appunto che potrei darti è quello di fare sesso nelle ore di lezione, non che io non gradisca, ma questo è l’unico punto che gli altri hanno per attaccarti in modo oggettivo.
    se lo avessi fatto fuori dalle ore di lezione sarebbe stato piu semplice
    un bacio
    roberto

  9. .0 ha detto:

    bhe, il caso secondo me è stato volutamente ingigantito dai media che come al solito pur di far lo scoop non so cosa farebbero.. Ognuno è libero di fare ciò che meglio crede e di vivere come vuole, siamo un Paese libero. Poi sta alla persona cercare di capire se è nei limite del legale, qua si è tutti adulti, maggiorenni e capaci di intendere e volere quindi non vedo tutto questo problema.

  10. benoit6100a ha detto:

    ho seguito da tempo la vicenda. Stupito? e di che?in questo ipocrita, opportunista paese dove le malefatte, sopratutto pubbliche e politiche – oihmè che tasto dolente!!!!!!!!!!! sono più o meno virtù – ma non vado avanti – si monta un caso di assoluta libertà individuale per fare solo scoop e si vuole condannare una persona che sa bene che il sesso è un dono della Natura e del Creatore e si sente libera di agire come meglio crede e sa intelligentemente ben distinguere tra l’esercizio della propria professione e l’intimo della propria libertà. IPOCRISIA ECCO UN PERVERSO MALE ITALICO, ben inteso, IN COMPAGNIA DI MOLTI ALTRI, parassitismo politico ed altro compreso. Anna vai tranquilla , i tuoi supporters sono legioni, ed io ti difenderò sempre.

  11. e dato che per qualche giorno non ci sarò, auguro a tutti, soprattutto alla mia ex prof 😉 un felice anno nuovo!!! :star: :star: :star: :yeah: :winner: :clap: :celebrate:  :ilmale:

  12. ciao a tutti!!! per distinguermi dalla ex alunna biondina e da bubu trettete mio chiamerò “la fan di the o.c.” ma sn comunque anche io una ex alunna…volevo solo difendere scamarcio: altro che rocco!!! comunque cara prof, dato che ha il radar (soprattutto per interrogare:bla: proprio chi non ha studiato o controllare proprio chi non ha fatto i compiti!!!) la prego di non scrivere neanche io mio nome, se lo ha capito ovviamente!!! io non:nono: sono bionda, ma mora…:ok:
    spero che mi risponda presto:whistling:
    la fan di the o.c.:yeah:

  13. massimino68 ha detto:

    E’ vero,a questo punto è meglio il grande ROCCO.:mrgreen:

  14. FrankL-ar ha detto:

    E’ il solito bamboccio idolo delle ragazzine, quanti ne ho visti passare negli anni per poi diventare dei trentenni mezzi obesi e completamente dimenticati…

  15. massimino68 ha detto:

    No minkia,scamarcio no…vi prego.Tra l’altro ho sentito che è una delle parole piu’ cercate su google.:bigballs:

  16. swampthing ha detto:

    ehm chi è scamarcio?
    pensavo fosse una parolaccia…

  17. FrankL-ar ha detto:

    cmq.

    >> w scamarcio!!!!!

    è una di quelle cose che mai e poi mai mi sarei sognato di leggere su terrorpilots… vabbè perdonata… :whistling:

  18. marchwind ha detto:

    :offtopic: Scusate, ma per il prof con i tacchi a spillo come si mette? Un po’ di comprensione e solidarietà anche per lui, o no??

  19. scusi ancora….il nick “BUBU…..TRETTETE” non ESISTE è stata una mia amica CRETINA che è qui con me e non la smette di rompere…….
    tutti i messaggi con quel nick sono da parte mia!!!!!!!!

  20. scusi prof delle cose STRANE MA NON SONO STATA IO A SCRIverle ma una mia stupida amica!!!!!! IL COMMENTO SOTTO è DA PARTE DI UNA DELLE SUE EX ALUNNE (BIONDINA)
    e scusi ancora

  21. buongiorno prof!!!!!!
    volevo innanzitutto ringraziarla per avermi così “prontamente” risposto e poi volevo dirle che lei è il mio idolo soprattutto perchè ha saputo “combattere” senza mai tirarsi indietro davanti a nessuno……
    ….e un’altra cosa…..
    desidererei davvero tanto che Lei tornasse ad essere la mia prof,soprattutto perchè,quando lo era,mi ha aiutata davvero molto e ora avrei ancora più bisogno di un suo aiuto…..grazie di tutto anche se non sa chi sono….vorrei farglielo sapere ma su internet preferisco non fare il mio nome…….w dirty dancing 2,3msc,la maschera di ferro,il tempo delle mele 1 e 2,l’uomo perfetto…..
    by biondina
    w scamarcio!!!!!:ilmale: p.s se ha capito chi sono La prego di non fare il mio nome…ma mi dica solo che ha capito…..
    spero tanto in una sua risposta
    la “sua” biondina

  22. ciao
    :allah:
    😥
    ciso hao hao!!!!!!!!!!!!!!!!
    ich bing dust vu???????
    hola mich degiung munububu trettete

Comments are closed.