eXTReMe Tracker

L’arte dello Zen

17 giugno 2005 alle 00:22
polygen

Una sera d’estate il giovane monaco Kuei-shan andò da Tokufu e gli chiese di insegnargli il percorso più breve per ottenere la saggezza.
Tokufu indicò una pergamena e disse: “Se veramente ambisci a divenire illuminato devi riuscire a vedere la buddha-natura di ogni cosa: prendi con te quell’oggetto e medita per tre anni, poi torna da me”.
Quando il giovane allievo tornò, il maestro disse: “Non sei ancora pronto: medita per altri due anni, poi torna da me”.
Quando il giovane apprendista tornò, Tokufu gli disse: “Nozomi, Kabuto, Jeunesse!”, e a quelle parole Kuei-shan fu illuminato!


Un giorno d’autunno il monaco Tetsugen si presentò al cospetto di Tokufu e gli chiese di indicargli la via più celere per conseguire il Satori.
Tokufu indicò un consunto piatto di bambù e disse: “Se vuoi divenire illuminato devi riuscire a comprendere la buddha-natura di tutte le cose: prendi quell’oggetto con te e medita per quattro anni, poi torna da me”.

Quando il giovane apprendista fece ritorno, il maestro disse: “Non sei ancora pronto: medita per altri due anni, poi torna da me”.
Quando il giovane allievo tornò, il maestro gli disse: “Non sei ancora pronto: medita per altri tre anni, poi torna da me”.
Quando Tetsugen fece ritorno, Tokufu gli disse: “Non sei ancora pronto: medita per altri quattro anni, poi torna da me”.
Quando il giovane apprendista tornò, Tokufu gli disse: “Katana, Suzuki, Boutique!”, e a quelle parole Tetsugen fu illuminato!

Un mattino il famoso poeta Mamiya fece visita a Tanzan e gli chiese di insegnargli la strada più celere per conseguire il Satori.
Tanzan indicò una grande pergamena e disse: “Se desideri diventare saggio devi riuscire a penetrare la buddha-natura di tutte le cose: prendi con te quell’oggetto e medita per tre anni, poi torna da me”.
Quando il giovane allievo tornò, il maestro disse: “Non sei ancora pronto: medita per altri due anni, poi torna da me”.
Quando il giovane allievo fece ritorno, Tanzan disse: “Wasabi, Shinobu, Vitesse!”, e a quelle parole Mamiya fu illuminato!

Un pomeriggio il guerriero P’an-shan fece visita a Gudo e gli chiese di indicargli il cammino più celere per raggiungere l’illuminazione.
Gudo indicò un candelabro e disse: “Se davvero desideri diventare illuminato devi riuscire a vedere la buddha-natura di ogni cosa: prendi quell’oggetto con te e medita per tre anni, poi torna da me”.
Quando il giovane apprendista tornò, il maestro disse: “Nunchaku, Suzuki, Coiffeur!”, e a quelle parole P’an-shan fu illuminato!

Un pomeriggio Gessen andò da Bankei e gli chiese di insegnargli il sentiero più celere per raggiungere il Satori.
Il maestro indicò una veste di platino e disse: “Se vuoi diventare saggio devi riuscire a vedere la natura-buddha di ogni cosa: prendi con te quell’oggetto e medita per tre anni, poi torna da me”.
Quando Gessen fece ritorno, Bankei disse: “Non sei ancora pronto: medita per altri tre anni, poi torna da me”.
Quando Gessen tornò, Bankei gli disse: “Tatami, Kabuto, Melange!”, e a quelle parole Gessen fu illuminato!

credits to Simone Lei.

Pubblicato in A caso da polygen | 3 Commenti »

tn  tags: ,

Articoli più o meno correlati:

Aggiungi a:These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • del.icio.us
  • OkNotizie
  • Segnalo
  • Furl
  • digg
  • Spurl
  • Reddit
  • blogmarks
  • NewsVine
  • YahooMyWeb
  • Smarking

3 commenti a “L’arte dello Zen

  1. luguber ha detto:

    Grazie a Manta e al suo Polygen
    e alla Scena demo Amiga dalla quale
    purtroppo si è ritirato (spinningkidz).

    ud tv

    la neuro mi attende

  2. swampthing ha detto:

    si può andare avanti all’infinito… 🙂

  3. le_lame ha detto:

    e poi?

Lascia un commento