eXTReMe Tracker


Warning: mysql_query(): No such file or directory in /home/mauro67/blog.terrorpilot.com/wp-content/plugins/top10.php on line 55

Warning: mysql_query(): A link to the server could not be established in /home/mauro67/blog.terrorpilot.com/wp-content/plugins/top10.php on line 55

Warning: mysql_fetch_array() expects parameter 1 to be resource, boolean given in /home/mauro67/blog.terrorpilot.com/wp-content/plugins/top10.php on line 57

Le mille invenzioni dei nostri aguzzini

26 febbraio 2009 alle 21:01
qirex

“Uffa… è ora di finirla. È ormai opinione comune che gli scioperi sono inutili. Bisogna escogitare un modo per dare ad intendere ai caproni italiani che la via migliore per le rivendicazioni non è lo sciopero. Bisogna che la finiscano di pretendere salari adeguati, sicurezza sul posto di lavoro e tutta quella serie di stronzate che i sindacati propinano ai loro protetti. Basta.”

Questo sembra essere il ragionamento fatto dai nostri aguzzini. Già, aguzzini, perché chiamarli governanti o classe dirigente è un’offesa alla lingua italiana. Veniamo alla notizia. A quanto pare il garante per gli scioperi (e chi cazz’è???) ha fatto sapere che l’idea del governo di regolamentare gli scioperi nel settore dei trasporti è valida e vale la pena di farla. Addirittura, ci fa anche sapere che comunque la parola finale spetta al parlamento, dove si compie la sovranità popolare. Capirai, con la maggioranza bulgara che ha questo governo, deve essere ben difficile… Comunque, non vi preoccupate, il diritto di sciopero (sancito dalla nostra costituzione sovietica) non verrà “soffocato”, ma verrà “armonizzato” con i diritti degli altri cittadini. Proviamo ad immaginare…
Si vorrebbe organizzare uno sciopero dei mezzi pubblici a Roma (ma potrebbe essere una città qualsiasi).
Sindacati: vorremmo organizzare uno sciopero…
Sindaco: perché?
Sindacato: perché non è possibile continuare a viaggiare in mezzo alla merda.
Sindaco: e quindi?
Sindacato: e allora facciamo una manifestazione per protestare contro la politica dell’azienda che non fa pulire gli autobus e le carrozze della metro.
Sindaco: eh… ma c’è il diritto dei cittadini a spostarsi.
Sindacato: lo sappiamo e ce ne dispiace, stiamo anche avvisando per tempo eh…
Sindaco: lo so, ma la legge è legge, e la legge dice che non potete scioperare se no viene meno il diritto degli altri cittadini.
Sindacato: e allora che facciamo?
Sindaco: potreste farlo di notte. Ah no, di notte no, potreste venire a contatto con le ronde che sto personalmente organizzando… facciamo così, eventualmente, vi chiamo io eh…

Un’arma efficace in mano ai sindacati potrebbe essere come auspicato da Bonaiuti, lo sciopero virtuale. Come funziona? Ve lo faccio dire da lui:
«Non si può più pensare agli scioperi selvaggi. C’è l’idea del cosiddetto ’sciopero virtuale’. Oggi lo sciopero dei trasporti non punisce certo l’azienda degli autobus o dei treni, ma il pendolare e chi deve andare al lavoro. Allora perché non fare uno sciopero virtuale: si fa sapere che lo scioperante avanza delle rivendicazioni nei confronti dell’azienda, dopodiché il denaro che il lavoratore avrebbe perso a causa dello sciopero si potrà destinare alla beneficenza o ai fondi per la cassa integrazione». (delirio preso da La Stampa ).
Non so se rendo l’idea. Siamo governati da persone indegne anche della nostra urina.
Per fortuna che abbiamo un’opposizione ferma e vigorosa. Ah no, anzi. Il professor Ichino ci fa sapere sempre dalle pagine de La Stampa che l’idea dello sciopero virtuale è valida e che il pd potrebbe anche essere a favore. E poi ci stupiamo se nel 2000 c’è ancora chi vuole emulare Brigate Rosse. Anche all’opposizione c’è gente indegna della nostra merda.
Va bene, andando avanti nell’intervista, la giornalista chiede se per caso, si rischia il comportamento opposto da parte dei lavoratori. La risposta ha dell’incredibile:
«Se il sistema delle sanzioni sarà applicato con il dovuto rigore, dovranno adeguarsi».
Come dire: “Spezzeremo le reni alla Grecia”.

Pubblicato in lavoro, Povera Italia da qirex | 28 Commenti »(Letto 14056 volte)

tn  tags:

Articoli più o meno correlati:

Aggiungi a:These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • del.icio.us
  • OkNotizie
  • Segnalo
  • Furl
  • digg
  • Spurl
  • Reddit
  • blogmarks
  • NewsVine
  • YahooMyWeb
  • Smarking

28 commenti a “Le mille invenzioni dei nostri aguzzini

  1. ZERB scrive:

    @albertone
    ….azz !!! Non vai mica tanto per il sottile.
    Nel tuo commento si nota un chè di negativo verso il nostro Primo Ministro.
    Ma potrei sbagliarmi…….

  2. albertone scrive:

    Vorrei dire qualcosa sul perchè Berlusconi sta in politica.
    Qualcuno può pensare per la paura di andare in galera, ed è vero,
    perchè qualche suo amico siculo se non scendeva in politica a
    difendere i suoi interessi lo infilava in un pilone e sarà pure
    vero, perchè odia gli italiani e li vuole tormentare e sarà pure vero,
    perchè si vuole fare le italiane (quelle bone) e sarà vero pure quello,
    ma sicuramente perchè pur essendo schifosamente ricco lo vuole diventare
    ancora di più, a spese nostre.
    Quando Berlusconi è al governo, gli agenti pubblicitari di Publitalia
    offrono alle aziende che comprano spazi pubblicitari sulle tv del primo ministro
    alcuni servizi aggiuntivi, come la libertà di evadere le tasse, alzare i
    prezzi al consumatore ed abbassarli al produttore (agricoltore o industriale),
    fare cartello ed ammazzare la concorrenza scaricando i costi sul consumatore,
    abbassare il livello della qualità del prodotto a spese del consumatore,
    annullare i costi dello smaltimento dei rifiuti della produzione scaricandolo
    con l’aiuto della camorra sull’ignaro(?) abitante della campagna, spesso campana
    o pugliese, e così via elencando, facendosi pagare con robusti aumenti del costo
    degli spazi pubblicitari, spesso pagati su estero in paradisi fiscali come quello
    di Aruba, dove risulta che Berlusconi possiede sette ville e dove è amico
    personale del suo collega primo ministro a cui ha promesso, visti i rischi di
    bancarotta causa crisi capitalismo globale, di salvare le finanze del piccolo stato
    caraibico a spese del contribuente italiano (come al solito).
    Non sia mai che un collaboratore così prezioso di Berlusconi nel portare all’estero
    clandestinamente ed esentasse i suoi sudati risparmi perda il posto.
    Non c’è che dire il Padreterno odia l’Italia…

  3. ZERB scrive:

    @francesco
    quale sindacato?

  4. francesco scrive:

    :cccp: :cccp: :cccp: :cccp: Amici miei sono arrivato ad una conclusione ..che tutti voi l’avranno gia’ fatto ma…..siamo sicuri che i SINDACATI in italia sono ancora dalla parte dell’operaio e tutelano i diritti che ci siamo guadagnati perdendo giorni di lavoro e salariale con scioperi? Credo che il SINDACATO sia diventato una costola del governo dei NANI!!!! :cccp: :cccp: :cccp: :cccp:

  5. lele scrive:

    bravo flor condivido in toto!

  6. flor scrive:

    Non è detto che i giovani puliti siano puliti perchè sono giovani. Potrebbero infatti essere figli di genitori sporchi: che tra l’altro sono sporchi per consentire ai loro figli puliti di ereditare il potere che loro genitori con la sporcizia si sono conquistati.
    I datori di lavoro che sono entrati nella politica non sono datori di lavoro.
    Anzi non sono datori di nulla. Al più sono datori delle “dazioni”, che sono le tangenti con cui si comprano i favori.
    Allo stesso modo, gli imprenditori che sono entrati nella politica non sono imprenditori. A meno che nella categoria degli imprenditori non si vogliano comprendere gli imprenditori di se stessi, che imprendono, ma per mero tornaconto.
    Paradossalmente in questa sciagura, di uno scenario dominato da avventurieri, magliari e cravattari, l’unico a salvarsi è il sindacato. Che almeno interpreta coerentemente chi gli sta sotto. Ne rappresenta lo specchio.
    Anche perchè i sindacalisti sono diventati tali perchè promossi da quelli che gli stanno sotto. Secondo una logica orizzontale per cui l’operaio è uguale al bancario, che è uguale al ferrotranviere che è uguale al pilota, in termini eticamente (politicamente?) significativi.
    Mea culpa, gente, mea maxima culpa.

  7. Giuseppeu' scrive:

    Purtroppo molti sindacalisti si sono abbassate le brache nelle aziende,permettendo ai datori di lavoro di spadroneggiare sui lavoratori.
    Io penso che ci troviamo nella merda , si è permesso ai datori di lavoro di entrare in politica e al governo hanno approvato leggi a loro favore innescando il conflitto d’interesse.
    I politici imprenditori fuori dalla politica .Tornino a fare gli imprenditori .
    I sindacati anche loro fuori dalla politica ,tornino a fare i sindacalisti a tutela dei lavoratori.
    Anche la casta dei sindacati deve lasciare il posto a giovani puliti e con nuove idee .

  8. lele scrive:

    più che la guardia,molti sindacati,abbassano le braghe!

  9. Daniele scrive:

    Non bisogna abbassare la guardia.
    Molti Sindacati lo fanno già.
    Sempre più soli, sempre più convinti.
    Vedremo chi ha ragione.
    (Certo che “Obama” è davvero divertente…).

  10. giulios scrive:

    Io mi vorrei abbassare a rispondere a obama, veltroni non ha mai insultato e ha perso le lezioni, chi ha insultato ha vinto. Non ho letto nell’elenco di obama sugli scioperi quello dei tassisti romani durante il governo Prodi ( ma quello andava bene, vero?). nel 2009 non occorre l’olio di ricino, ci sono mezzi più subdoli per arrivare a una dittatura. Personalmente non provo odio per berlusconi e per quelli che lo votano, per me rappresentate tutto il contrario dei miei principi e del mio stile di vita, sono semplicemente felice di non essere come voi.

  11. lele scrive:

    grazie qirex,sinceramente vorrei aver scritto delle puttanate!
    zerb,nessuno te lo vieta!(ora?è come la scheda bianca)
    maxi,lo sciopero non è ne la regola e ne l’eccezione,ma l’espressione di un malessere!
    carneade,si dice:è la storia che si ripete;io,dico semplicemente,:è sempre la stessa solfa!

  12. ZERB scrive:

    @Maxi
    questo mio commento l’avevo inserito nel precedente post, ma credo che stia meglio quì e dicevo:

    Siamo tutti d’accordo che inizia un altro attacco ai sindacati.
    Ma se proprio non se ne può fare a meno della modifica, io proporrei che quando c’è uno sciopero la retribuzione venisse persa da TUTTI i lavoratori dell’azienda, perchè non è giusto che chi sciopera ci rimetta soldi e faccia e quel che ottiene vada anche a vantaggio di chi non sciopera.
    Inoltre, imporrei all’azienda di pagare il doppio all’erario della somma degli stipendi non pagati.
    Chissà che sia la volta buona che rispettano la scadenza dei contratti.

    A conferma di quel che dici, non abbassarti a rispondere
    al grande mente abbronzato
    Ciao Maxi

  13. maxi scrive:

    in italia si sciopera troppo. in italia devi scioperare per ottenere l’applicazione del contratto. questo la destra non lo dice. per ottenere quello che la legge prevede o che il contratto espressamente cita, devi scioperare. vi sembra normale? la destraccia se vuole meno scioperi costringa chi ha preso un impegno a mantenerlo. questo però ‘sti fascisti del cazzo non lo dicono, nemmeno quelli che si sentono abbronzati e che ogni tanto sparano cazzate su queste pagine.
    il secondo motivo per cui ci sono troppi scioperi è perchè questi sono funzionali al sindacato. andare periodicamente in piazza serve al sindacato per ricordarci che esiste e per fingere di occuparsi dei problemi di chi lavora. io abito a roma. lo sapete quante ne ho viste di manifestazioni? un teatrino, una messa in scena, una volgare operetta che umilia le legittime richieste di chi lavora.
    io dico che bisogna lavorare affinchè il numero degli scioperi diminuisca, anzi, scioperare deve essere l’eccezione, non la regola. ma poi, quando si sciopera, nessuna regola. lotta dura ad oltranza. questa è l’unica soluzione buona per utenti e lavoratori. meno scioperi, quasi niente (meglio per gli utenti) ma poi quando si sciopera, guerra totale (meglio per i lavoratori).
    ma questo non conviene a chi gestisce il teatrino.

  14. ZERB scrive:

    Lele e qirex !!!!!!
    mi fate una pippa !!!!! io voto, non mi arrendo e se devo dissentire contro il sistema lo faccio con l’azione più semplice ma più bella che ho a disposizione.
    Ciao raga, con la solita stima,
    vostro Zerb

  15. qirex scrive:

    quoto lele.

  16. Carneade scrive:

    Per capire il presente basta guardare al passato ed a quali sono stati i passaggi graduali che il fascismo adotto’ trasformandosi in dittatura con il consenso o per lo meno la tolleranza di una larga maggiornanza degli italiani.

  17. lele scrive:

    zerb,per citare qualche intervento governativo:prima si mette paura alla gente,poi si dà la dovuta protezione con le ronde che controllano il territorio,si toglie la monnezza dalle strade e la si mette nelle discariche e la si protegge con le armi,si toglie di fatto il diritto di scioperare e di protestare,e la gente plaude!finalmente si può andare a prendere la pensione senza essere borseggiati,si può girare in minigonna senza essere stuprate,si può camminare per le strade di napoli senza il rischio di inciampare nei sacchi di spazzatura, si può prendere l’autobus o il treno o l’aereo tranquillamente,lo sciopero selvaggio e non non c’è più!e,con questo splendido panorama c’è chi,qui commenta,applaude!Ti rendi conto che questo sottoprodotto dello strato sottoculturale italico è in maggioranza!A che cosa serve votare?

  18. ZERB scrive:

    Ciao Lele,
    sei sempre del parere di non votare ?

  19. qirex scrive:

    già…

  20. lele scrive:

    triton,una cosa molto semplice:dittatura!
    qirex:neanche la dittatura è virtuale!

  21. Obama scrive:

    Obama
    Per l’ennesima volta…ormai ho perso il conto voi del Piddì e compagni estremisti giustizialisti, più che evidente che c’è un sentimento di odio verso il Premier. Non manca modo di travisare e raccontare l’esatto opposto di quello che dice pur di calugnarlo. E’ per questo che continuerete a friggere nello stesso odio che portate per i vostri “nemici”, non volete capire che le elezioni non si vincono insultando continuativamente il Presidente Berlusconi.
    scioperi selvaggi-scioperi selvaggi-scioperi selvaggi-scioperi selvaggi-scioperi selvaggi
    Nel 2008 ci sono stati 700 scioperi, 2 scioperi al giorno, sotto il governo prodi, quanti scioperi abbiamo fatto, compagni?
    compagni, una mattina mi alzo non ho voglia di fare un cazzo, facciamo uno sciopero selvaggio, occupiamo i binari, gli aeroporti, le piazze, gli atenei, le autostrade, occupiamo tutto, questi sono gli scioperi del partito della cgil del compagno epifani?
    E basta parlare di dittatura! voi le dittature vere non le avete mai viste, infatti a quest’ora vi avrebbero già tappato la bocca e cristeri di olio di ricino. Potete votare ? Si? Allora la dittatura non c’è! E poi coraggio, ormai Berlusconi è al capolinea per ragioni d’età, poi vedremo di che altro vi lamenterete , certo che se continuate così siete sulla buona strada per scomparire compagni sinistri.
    A proposito delle mie ragioni, se non vi va di sentirle, non leggetele. Ah un ultimo consiglio prima di dirci addio, non prendete fischi per fiaschi, come al solito, sinistri. :yeah:
    ADDIO compagni, Che il Signore ve la mandi buona…alle prossime elezioni, Chi semina vento raccoglie tempesta…compagni. :banana:

  22. triton scrive:

    Stamattina andrò in segno di solidarietà alla manifestazione che si terrà a Pomigliano degli operai dell’Alfa Sud. L’intera città parteciperà a questo evento, i negozi saranno chiusi, le scuole saranno chiuse, ogni attività sarà fermata. All’Alfa lavorano, compreso il suo indotto, circa ventimila persone. Lo stato aiuta la Fiat e non pretende in cambio che la sua produzione avvenga in Italia.Vogliono chiudere Pomigliano e Pratola Serre e spostare la produzione in Polonia. Se provocati, e ci saranno incidenti, non mi tirerò indietro. Già i celerini hanno caricato gli operai quando hanno bloccato in segno di protesta l’autostrada.Vergogna!! Quella è gente che campa con 700-800 euro mensili.
    Berlusconi e i suoi ladroni hanno imbavagliato i giudici, hanno censurato la stampa, tentano di levarci il diritto allo sciopero, e hanno istituito le ronde. Se questa non è una deriva antidemocratica, allora cos’è?
    Un saluto a tutti.

  23. qirex scrive:

    già lele…
    peccato che i soldi che i porci mangiano ogni mese non sono virtuali.

  24. lele scrive:

    bhe virtuale per virtuale potremmo fare un parlamento virtuale con persone virtuali,potrebbe funzionare come lo sciopero virtuale.In fondo il web è un incontro virtuale tra persone,che male c’è a trasformare tutta la comunità in una comunità virtuale?nulla,tutti mangiano virtuale,vivono in case virtuali,scopano virtuale,vedono la tv virtuale,leggono il giornale virtuale,pagano il mutuo virtuale,ingrassano microsoft virtuale….qirex,non c’è problema…è solo vituale!

  25. flor scrive:

    Intanto gli aguzzini continuano ad aguzzare.
    Secondo copione.
    E noi, di cosa bisogniamo per averne convinzione?
    Di un altro ceffone.
    Di un calcio in culo.
    Di una sputazzata in faccia.
    Del taglio dell’uccello.
    Dell’inculamento dopo il calcio se non c’è danno.
    E se c’è danno, ce lo ripareranno.
    E così ripeteranno…
    Ma per noi, che soddisfazione!
    Potremo almen dir che Marx avea ragione. :cccp:

  26. ATO scrive:

    DACCORDO,CONDIVIDO PAROLA PER PAROLA!!!!!!!!!!!!

  27. er mahico scrive:

    Ke governo d brava gente.
    Ero e resto contrario all’uso d armi vijake, ma altresì ritengo onorevoli quelle ke danno un volto a ki le usa.
    Così si dimostra ampiamente ke i soprusi fatti come stilettate alla skiena a povera ed onesta gente non sono gratis. Vendere cara la pelle cn coraggio è imperativo.
    La democrazia è stata abrogata, ke i nostri politici mafiosi ne paghino gli effetti. Piazza loreto sembrerà il carnevale d Rio.

  28. John scrive:

    Fiumi di olio di ricino per le strade d’Italia.
    I cecchini tornano alle finestre 😈
    E’ l’inizio della fine.

Lascia un commento