eXTReMe Tracker

The latest fashio

6 marzo 2009 alle 19:48
Nemesis

La categoria di questo blog è “fascismo arretrato”, ma penso che “fascismo futuro” renderebbe meglio l’idea.
La notizia sta facendo il giro di internet, ed è mio compito continuare a farla girare, come minuscolo cane da guardia della nostra fragile democrazia.

Come si forma la gioventù al fascismo? La si forma non solo e non necessariamente con squadracce armate, manganelli, e curve da stadio trasformate in gehenne nere, ma anche tramite mezzi subdoli, scintillanti. I grandi fratelli, i discorsi qualunquisti in tv sempre più squallide (per farvi comprare sky), le ronde sono mezzi subdoli ed altrettanto efficaci. Appiattiamo, rasiamo, cancelliamo: il metodo Salazar funziona.

Non fa eccezione, pare, il mensile femminile Top Girl, dedicato alla fascia (mi si perdoni l’umorismo involontario) comunemente nota come “Sbarbine”: ragazzine che si vorrebbe cre-teen, perse tra il post-winks e il pre-velina, tra un battito di ciglia appena spuntate e un ancheggiamento assolutamente troppo precoce e forzato, a Tatangelizzare fanciulline appena tumescenti.
Salvo smentite e clamorosi retromarcia, che attendo e spero per non stigmatizzare troppo il tutto, il mensile si lancia un un bell’articolone compiaciuto che si chiama “la carica dei neofascisti”, con una bella discussione sulla “tendenza del momento” su una nuova “tribù urbana” (sic!).

Vi invito a leggere l’articolo di Andrea Pomini in merito; certo che pensare che l’editore è Mondadori, verrebbe da pensar male.

Lo sdoganamento dell’iconografia fascista è solo l’ennesimo passo, in questo momento, verso lo sdoganamento del fascismo col suo antico nome. Simboli littori compaiono in giro con sempre più naturalezza, come se avere il calendario del duce in un bar fosse come avere un crocifisso appeso.

Chiosa: sono in un locale dalle parti di Padova, per lavoro. La barista ha appeso dietro il banco una serie di tanga. E mentre sorrido della pacchianaggine dell’arredamento, noto che uno dei tanga ha l’effigie di Benito Mussolini. Un tanga con Benito Mussolini: la meningite non è stata debellata del tutto, evidentemente.
La incalzo: “ah, interessante quel tanga”
Lei sorride: “vero?”
“Sono uno di quei tanga che si indossano al contrario, con il duce nel culo, vero?”

Non ha gradito.
Strano.
Forse le nuove tribù urbane non hanno grande senso dell’umorismo.
Mannaggia.

Pubblicato in Fascismo arretrato da Nemesis | 23 Commenti »

tn  tags:

Articoli più o meno correlati:

Aggiungi a:These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • del.icio.us
  • OkNotizie
  • Segnalo
  • Furl
  • digg
  • Spurl
  • Reddit
  • blogmarks
  • NewsVine
  • YahooMyWeb
  • Smarking

23 commenti a “The latest fashio

  1. marco giuliani ha detto:

    Dire che il berlusconismo è fascismo è riduttivo.
    Il suo Humus culturale (anzi, visto il suo analfabetismo, humus inculturale)
    affonda nella rivoluzione che le sue televisioni hanno apportato nell’italietta degli anni ottanta.
    Io ho più di quarant’anni, sono cresciuto a pane e sindacato per via di mio padre delegato sindacale che mi nutriva a bollettini sindacali e Paese Sera (quotidiano operaio di massa dell’Italia centrale poi sostituito da Repubblica, almeno ai suoi inizi), e ricordo un paese modesto, cattocomunista, sparagnino,
    ancora legato alle privazioni della seconda guerra mondiale.
    Le televisioni commerciali di Berlusconi sono state imposte dai servizi atlantici attraverso il loro braccio piduista, per avvicinare al consumismo idiota anglosassone tipo produci-consuma-crepa masse di ingenui proletari italici,
    con le stesso effetto di un esercito di unni violentatori in un convento di novizie.
    Ricordo ancora l’effetto di Dallas sulla testa idiota di una mia zia e di sua figlia, che vedevano un mondo di lustrini e paillettes per la prima volta, con la stessa faccia scema degli indigeni americani di fronte a perline colorate e campanelli.
    Purtroppo decenni di rincoglionimento democristiano hanno avuto effetti devastanti sulla capacità critica del proletariato italico, in questo aiutati da un partito comunista oligarchico ed elitario, retto da un gruppo dirigente altoborghese impegnato più a mantenere il controllo sui fessi militanti proletari
    che a sviluppare una coscienza democratica critica.
    Vista la mancanza di anticorpi, la filosofia analfabeta espressa da Berlusconi nelle convention di Publitalia “i nostri telespettatori hanno al massimo 5 anni”,
    che del resto era la stessa del dominus democristiano della Rai Bernabei, suocero di Gianni Minoli, ha avto effetti devastanti.
    Del resto uno che ha chiamato i fondatori di Roma Romolo e Remolo, che filosofia poteva avere?
    La classe dirigente del PCI ha mantenuto il suo sussiego sul popolino soggetto
    anche adesso, vista l’altezzosa distanza che gente come Veltroni e D’Alema hanno mantenuto sui plebei, lasciando il Partito Democratico a gente molto più scafata come i democristiani allievi di De Mita, come dimostra l’attacco di Enzo Carra contro Santoro dopo la trasmissione sul terremoto dell’Aquila, reo di aver accesso i riflettori sugli appettiti della criminalità meridionale sugli appalti del dopo terremoto, oppure sulla possibilità per la camorra dei casalesi di approfittare dei lavori di ricostruzione per interrare migliaia di tonnellate di rifiuti tossici in Abruzzo (come già stanno facendo nel Lazio).
    Questo il ceto politico demitiano che controlla il Partito Democratico ed è la stessa cosa della criminalità non può sopportarlo!
    Del resto già il PDS era mutato geneticamente, per esempio quando D’Alema alle prime elezioni brasiliane in cui vinse Lula si schierò col suo rivale moderato Cardoso, in quanto più affine a lui.
    Che dire poi degli ottimi rapporti con Tony Blair, definito dalla Tatcher il suo allievo prediletto?
    E parliamo di una che per obbedire ai veri padroni del Partito Conservatore,
    ovvero l’oligarchia terriera e redditiera dei duchi e dei Lords, ha smantellato
    l’apparato industriale inglese, quello siderurgico e cantieristico, per spazzare via l’odiata classe operaia, ammazzando quindi lo stesso capitalismo plurisecolare inglese, basato sull’industria, tanto che la crisi finanziaria globale di oggi è dovuta alla necessità degli inglesi di esportare l’unica cosa che hanno, i prodotti finanziari truffa, in quantità apocalittiche.
    Se gli inglesi non distruggono la monarchia e chiudono la camera dei lords
    saremo sempre in pericolo, come testimonia il fatto che gli inglesi sono terrorizzati da una eventuale nuova vittoria del partito conservatore.
    Insomma, Berlusconi è figlio della storia degli ultimi decenni, ed il suo non è proprio un fascismo arretrato, ma una arretrata ed analfabeta ignoranza della società italiana.

  2. roberto ha detto:

    Fa un certo effetto vedere l’alfiere dell’abuso edilizio, dell’evasione fiscale, del lavoro in nero, della violazione sistematica della costituzione, del falso in bilancio, del “con la mafia bisogna conviverci” e della depenalizzazione dei reati ambientali, per non parlare dell’acquisto dei parlamentari dell’altra parte, consolare le famiglie delle vittime degli abusi edilizi venuti fuori con il terremoto.
    A me personalmente Berlusconi fa vomitare, sopratutto quando promette le sue ville ai terremotati dopo aver sprecato 400 milioni di euro per accontentare Bossi che non vuole far passare il referendum sulla legge elettorale definita da tutti Porcellum, perchè se poi gli fa cadere il governo dopo Berlusca non può più usufruire dell’altra porcata, la legge Alfano sull’immunità personale del presidente del consiglio.
    Che cavolo vogliono i terremotati, i soldi per farsi le case?
    Ma no, quei soldi devono essere spesi per evitare che Berlusconi vada in galera!
    Comunque, un’altra notizia della massima importanza è che il Disastro Universale, Veltroni come lo chiama Grillo, si sta ritemprando frequentando la palestra con il Fitness, dalle fatiche spese nel non aver fatto niente mentre era sindaco di Roma, tranne far scorrazzareun imprenditore in odore di camorra come Romeo nei bilanci del comune di Roma, ed a mone ed a valle di aver fatto perdere ogni elezione possibile quando era segretario alla sinistra, candidando quell’incapace voltagabbana di Rutelli prima a Presidente del Consiglio e poi a sindaco di Roma, oppure proponendo se stesso ed i suoi “buonismo” e “ma anche” agli italiani, che lo hanno ripagato a calci.
    Le vittime dei conseguenti sette anni di governo di Berlusconi (per ora) lo ringraziano augurandogli perlomeno un lieve peggioramento della sua salute personale.

  3. albertone ha detto:

    Vorrei aggiungere alcune cose, sui legami tra Berlusconi ed i sauditi.
    Qualche mese dopo l’attentato dell’11 settembre, uscì uno strano articolo sull’Espresso, di cui visto il passare del tempo non ricordo esattamente il contento, in cui si parlava di uno strano flusso di dati ricevuti da un computer palmare di uno degli attentatori, pochi giorni prima dell’attentato, partito da una utenza ISDN inattiva di Catania.
    Ora, per chi non lo sa, una utenza ISDN a differenza dell’ADSL non lavora sulla normale linea telefonica di rame (l’ADSL viaggia a 60 KHz al secondo, la linea voce normale a 3 KHZ), ma è una linea telefonica doppia e dedicata, installata appositamente su richiesta da Telecom.
    Ora, se una utenza di questo tipo risulta inattiva, la partenza di questo flusso dati, che poteva significare via libera per l’attentato, coordinate bancarie per i
    finanziamenti e così via, può essere avvenuta solo dalla centrale Telecom a cui sul piano tecnico deve fare capo questa utenza.
    Il che lascia suppore che, viste le abitudini mignottesche dei nostri servizi segreti, potrebbe esserci stato il coinvolgimento di qualche italiano mercenario
    almeno per avere accesso alla centrale Telecom(questo l’articolo dell’Espresso non lo insinuava, ma qualcuno deve averli fatti entrare).
    Ora, in quegli anni il capo dei servizi segreti sauditi era il principe Turki, fraterno amico di Bin Laden;quindi, non sarebbe strano che qualche agente saudita si sia potuto mettere al servizio di Bin Laden e possa avere coinvolto
    qualche agente dei paesi cosidetti “amici”.
    Del resto la famiglia Bush è ancora socia della famiglia reale saudita nel fondo di investimento Carlyle, che ha avuto parte non indifferente nell’attuale crisi finanziaria ed economica planetaria (le porcate non vengono mai da sole).
    Forse la storia vera di questi anni non sarà mai scritta, però se prendiamo coscienza dell’incrocio verminoso fatto di finanza, petrolio, armi, droga, eccetera, che ha appestato la politica degli ultimi decenni, possiamo evitare il ripetersi deli errori.

  4. albertone ha detto:

    A tutte le schifezze di cui è fatto Berlusconi, se ne può aggiu ngere un’altra:
    porta jella!
    Nel 1994 vinse le elezioni, e dovettero cacciarlo perchè era in procinto una crisi finanziaria che avrebbe disintegrato la lira (in realtà la stavano distruggendo perchè all’estero sapevano che era mafioso; uno dei guai dell’euro è che non possono più farlo cadere da quel lato).
    Nel 2001 ha rivinto le elezioni e c’è stato l’attentato alle Twin Towers, con quello che ne è seguito, crisi economica, guerre ecc;
    anche qui la sua situazione è poco chiara perchè qualche settimana prima aveva ricevuto il suo socio saudita al Walid a Palazzo Chigi come un capo di stato, ed al Walid qualche giorno dopo fu l’unico saudita a giustificare l’attentato; non è che lo aveva avvisato?
    Nel 2008 ha rivinto le elezioni ed è scoppiata la peggiore crisi economica da un secolo in qua, ha vinto le elezioni in Abruzzo e c’è stato il peggiore terremoto degli ultimi trent’anni, fossi nella Sardegna nelle prossime settimane mi toccherei gli attributi…
    Nel 2008 è

  5. ezio ha detto:

    @maxi
    scusa, la polizia li sbatte dentro e i giudici li rimettono in strada. Forse sono confuso, ma se c’e’ la legge per sbatterli dentro, perche’ c’e’ anche una legge per rimetterli in liberta? E’ questo che mi fa incazzare. Comunque ti do’ ragione, ho detto la mia cazzata.

  6. maxi ha detto:

    ezio, non è la magistratura a dover far rispettare le leggi, ma la polizia.
    inoltre, i giudici non devono mettersi una mano sulla coscienza ma sul codice penale, altrimenti la sentenza è nulla. le leggi sono sbagliate, i giudici si limitano ad applicarle.
    se fai lo sconto di pena per l’indulto, per il rito abbreviato, per le attenuanti generiche, per l’eventuale risarcimento, se prevedi gli arresti domiciliari ecc ecc in galera non ci va più nessuno, ma la colpa è di chi ha fatto le leggi, non del giudice che le ha applicate.

  7. ezio ha detto:

    @lele
    senti lele, per quanto tu possa avere ragione, IO questo affiancamento dei giovani al fascismo, non lo percepisco. Va detto pero’, che un forte impulso al razzismo, lo si nota. E bada bene, anche da parte di gente non piu’ giovane. Questo da’ da pensare un pochino. Inutile nascondere, che da vent’anni in qua, la sicurezza della persona, e’ venuta a mancare. Non do’ colpe a dx o a sx, le do’ alle magistrature, ai giudici. Gl’uni, perche’ non fanno rispettare le leggi, gl’altri, perche’ dovrebbero mettersi una mano sulla coscienza, e vedere piu’ il la’ del naso.
    ciao

  8. ezio ha detto:

    @giulios
    ha vent’annni, n’ero affascinato anch’io. Poi ho capito, che di comunista non c’era molto in lui. Doveva essere l’esempio di lotta all’ingiustizia e alla prepotenza, dici tu. E’ proprio questo, che non ha fatto fino in fondo anzi, per me, ha cancellato il po’ di buono ch’ha fatto.
    Puo’ essere benissimo sbagliata la mia opinione, perdona ma la penso cosi’.

  9. giulios ha detto:

    Non penso che tu abbia dato dell’idiota anzi sono d’accordo con te che esibire un simbolo o una immagine senza spesso approfondire e conoscere la storia che tale immagine ha alle spalle può sembrare se non idiota almeno superficiale però un simbolo è un simbolo e anch’io ne sono attratto, qualche volta fa bene seguire le ragioni del cuore e non quelle della ragione. Il CHE è il CHE, non rappresenterà il comunismo nel vero senso della parola ma rappresenta la lotta all’ingiustizia, alla prepotenza dei più forti e tanto basta.

  10. ezio ha detto:

    @giulios
    non ho dato dell’idiota a nessuno, ma ad una senzazione solo vostra, che io non condivido. Il Che, non e’ il comunismo, e chi n’e’ convinto, lo invito a spiegamelo, sono tutt’orecchi perche’ avrei perso qualcosa della storia del :cccp:
    ciao

  11. maxi ha detto:

    o dalla tv di maria defilippi

  12. lele ha detto:

    ezio
    che il giornalista faccia il suo mestiere va bene(quando non è bugiardo e venduto),non assolvere nessuno può anche andarmi bene ma,sempre citando l’articolo,i giovani che seguono ideologie nazi-fasciste sono in aumento e questo dato è preoccupante poichè è riferito alla futura classe dirigente e questo non va per niente bene!I ragazzi,in quanto ragazzi,hanno l’esigenza di avere dei “modelli”su cui basarsi e su questi modelli viene formato l’uomo adulto.Quali “modelli”stiamo fornendo ai nostri giovani?quello della sana moralità o quella dell’opportunismo ad ogni costo?quella della socializzazione e tolleranza o quella dell’insofferenza e del razzismo?
    I “modelli”non sono più,solo, quelli della famiglia ma quelli che arrivano “dall’alto”!

  13. giulios ha detto:

    @ezio
    Mah, ti devo dire che nella mia zona ( Toscana rossa ma ancora per quanto?) il 99% per cento dei locali in cui entro, se c’è un’effige è quella di mussolini, conosco un solo locale in versilia dove campeggia la foto del CHE e non manco mai di visitarlo anche se può sembrare “idiota ” come dici tu. Ma a parte ciò, in fondo esporre una foto o un cimelio non fa male a nessuno, è tutto il resto che purtroppo è cambiato, le aggressioni sono aumentate, il fascismo è divenuto ormai una moda e chi ancora si vuole definire comunista deve dirlo sottovoce, quasi vergognandosi…

  14. ezio ha detto:

    @lele
    quest’e’ il mestiere del giornalista, caro lele. Vorra’ dire che ci sono altrettanti “ministri” molto piu’ ATTENTI, a non farsi notare in compagnie poco serie. Ma ci sono sicuramente, non credi?Con questo voglio ben dire, che non assolvo nessuno, sia chiaro.
    ciao

  15. lele ha detto:

    ezio,qualche giorno fa “la repubblica”ha pubblicato le fotografie di un paio di ministri in compagnia di personaggi appartenenti a fazioni nazi-fasciste e organizzazioni mafiose dedite al traffico di droga!ognuno è libero di farsi fotografare con chi gli pare!e anche di fare il ministro?

  16. ezio ha detto:

    @@
    echecazzo, non mi passa un commento da ieri

  17. ezio ha detto:

    @giulios
    a bolzano, ci sono bar, con bandiere che riportano :cccp: , il Che e stalin, altri che riportano il duce e :nonazi: . L’80% dei frequentatori di detti locali, nemmeno conoscono la storia, di quello che sostengono. Per loro e’ folclore(idioti). Ma da qui al vedere risorgere il fascismo da una parte, e lo stalinismo, da quell’altra, beh, mi sembra altrettanto idiota. (nessun riferimento a persone, in questo “idiota”)

  18. arthurzanoni ha detto:

    pornopolitica…….mi sà che mi avete dato l’idea per un nuovo set di quadri 😀

  19. lele ha detto:

    I nazional tg titolano le parole del premier:grave crisi economica,in italia non ci sarà miseria,non cambiare le abitudini!?.Lerner su la7:lavoratori italiani a casa contro lavoratori “esteri”sotto lo stesso padrone!Sinceramente le mutande “fasciste”fanno in pò ridere!I poveri contro i poveri portano in una solo direzione:al nazismo!

  20. er mahico ha detto:

    siamo passati dalla [email protected] alla p0rn0politica.
    basta guardare le ministre di ‘sto governo di pu++anieri.

  21. giulios ha detto:

    senza dubbio sono rimasto indietro, cosa c’entrano i tanga con un bar? E’forse un negozio di intimo? In alcuni bar ho visto invece delle bottiglie con l’effige di mussolini e i quel caso me ne vado subito senza consumare. Che dire del resto? Se qualche eroico nostalgico di sinistra che insiste a portare la maglietta del “CHE” avesse la ventura di incontrare qualche “tribù urbana” del tipo suddetto, sedicenti fascistelli che il fascismo non hanno mai conosciuto e non sanno cosa sia stato veramente, digiuni di storia e di cultura e da questi ricevesse qualche cinghiata ( molto di moda e molto “in”) o qualche sprangata non deve prendersela ma deve essere felice perchè è la ” tendenza del momento”.
    In questo paese sembra sempre di aver toccato il fondo e invece il fondo non arriva mai, è uno schifo infinito.

  22. lele ha detto:

    che barista arretrata!di effigi,sui tanga,se ne possono imprimere parecchie e molto attuali!
    scusa Nemesis : “Sono uno di quei tanga che si indossano al contrario, con il duce nel culo, vero?”non suonerebbe meglio:”ah,sono quei tanga che si indossano con il duce,o effige simile,nel buco del culo?

  23. Prepuzio ha detto:

    Fossi in te non tornerei a consumare qualsiasi cosa in quel bar. :prete:

Lascia un commento