eXTReMe Tracker

In cella un suicidio ogni 5 giorni

19 Luglio 2005 alle 11:01
swampthing

Lo fanno con il gas e sempre di notte. Si avvicinano alla bombola dei fornelli e sniffano e sniffano fino a quando il torpore li porta via. Nel loro gergo è la “piccola neve”, butano e propano liquidi, al cervello non arriva più ossigeno, un po’ di euforia e poi l’avvelenamento. Se ne vanno senza un grido. Li trovano la mattina dopo immobili sul materasso, come fossero ancora nel sonno profondo. I referti medici li archiviano sbrigativamente come “incidenti”, a volte però le perizie si spingono a diagnosticare un “decesso per overdose”.
L’amministrazione penitenziaria preferisce seppellirli così: tossici in astinenza. Mostrano sempre una certa avversione nel riconoscere quelle morti. Sono troppo scomode. E troppe. Nelle carceri italiane c’è un suicidio ogni cinque giorni.
Si muore di disperazione nelle prigioni. E contrariamente a ciò che potrebbe sembrare ragionevole, si muore anche presto.
Dopo pochi mesi o solo dopo poche ore da quando si varca quel filo spinato, nelle sezioni, nei camminamenti per l’aria degli “isolati”, sotto le torrette, dietro le mura che separano dall’altro mondo. E sono gli uomini giovani che decidono di andarsene più degli altri, che si ammazzano.
Marco ha legato il lenzuolo alle sbarre e poi intorno al collo. E si è lasciato scivolare. Nunzio si è infilato un sacchetto di plastica alla testa e ha stretto stretto fino a quando non respirava più. E poi Maurizio a San Vittore con il fornellino, lo stordimento con il gas, anche lui con la piccola neve, lo “sballetto delle carceri”. Avevano tutti e tre meno di quarant’anni.
Nessuno di loro doveva passare il resto della vita in quella o in un’altra galera. Imputati di piccoli reati, pene brevi da scontare, erano in attesa di giudizio. Come Marco e come Nunzio e come Maurizio, il 40 per cento di chi si uccide aspetta ancora il processo di primo grado.

segue su:
www.repubblica.it/2005/g/sezioni/cronaca/emercarceri/car c2/carc2.html

Questo articolo su Repubblica mi ha davvero impressionato… :twisted::???:

Pubblicato in Orrore, Povera Italia da swampthing | 4 Commenti »

tn  tags: ,

Articoli più o meno correlati:

Aggiungi a:These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • del.icio.us
  • OkNotizie
  • Segnalo
  • Furl
  • digg
  • Spurl
  • Reddit
  • blogmarks
  • NewsVine
  • YahooMyWeb
  • Smarking

4 commenti a “In cella un suicidio ogni 5 giorni

  1. orsetto ha detto:

    italia di merda!!!!!:???::???::???::???:

  2. mi ha detto:

    è semplicemente allucinante.. aboliamo qst luoghi di tortura!!!

  3. orsetto ha detto:

    l’altro giorno,mi ha scritto un mio compagno di cella a gorizia,e dopo avermi detto che la vita li dentro e il solito schifo dopo avermi detto che il caldo stà diventando insoportabile come ogni estate,lui ne a gia trascorso 3 li dentro…dopo avermi detto che si sente l’esigenza di un stramaledetto piccolo frigo,perchè le vivande con l’acqua fredda,non si sfreddano nemmeno a morire,dopo avermi detto tutto questo….a avuto il coraggio di dirmi,Giorgio fatti forza e non mollare…lui la detto a me…lui dentro e io fuori..:sad:

  4. er mahico ha detto:

    centri di redenzione….:sad:
    io dico che la’ dentro i criminali veri diventano piu’ forti e piu’ temuti…:sad:
    i poveri cristi si ammazzano per la disperazione.:sad:
    ma tanto c’e’ Castelli….. che di carceri nn ne avrebbe bisogno visto che lui vuole giudice giuria e boia impersonificate nella stessa persona tipo”fascista represso senza ragazza che la sera non sa che cazzo fare e allora giu’ botte ai cattivi e non”.:nonazi:
    :star:i leghisti dovrebbero scopare un po’ piu’ spesso.:star:

    un saluto a chi soffre tra 4 mura in silenzio e con dignita’ .
    colpevoli o innocenti. non me ne frega un cazzo, liberi tutti.

    se l’italianotto avesse fegato non ci sarebbe gente che approfitta della paura altrui.
    :nono:non dico armi per tutti.:nono:
    dico judo invece che pokemon per i bambini(da grandi gli servira’).:smile:
    dico meno stronzate in tele cosi le donne hanno i riflessi pronti per gridare.:grin:
    dico meno figli stronzi che lasciano gli anziani soli per essere scippati meglio.:lol:
    non penso di essere un reazionario pero’ la sicurezza viene da piccoli gesti non da mega riforme della ingiustizia italiana.

Lascia un commento