eXTReMe Tracker

Le primarie? un’occasione.

3 Settembre 2005 alle 18:45
dubcek

Amici di Terrorpilot, forse sono un lettore disattento, ma non vedo nessuno parlare di primarie, il 16 ottobre si vota per scegliere il candidato premier del centrosinistra, penso che sia una cosa importante. Questo strumento lo criticano in tanti, c’è chi lo considera un’americanata, chi una degenerazione verso la personalizzazione della politica e via di questo passo. Io penso che siano un’occasione da cogliere, un grande storico dell’antichità, Moses I. Finley, in un testo dal titolo “La democrazia degli antichi e dei moderni” offre uno stimolo ad inventare un nuovo tipo di partecipazione democratica, nella quale ogni cittadino, a vari livelli, controlli le responsabilità ed i poteri collettivi.
Le primarie non risolvono i problemi, ma vanno in questa direzione, ci lamentiamo spesso che la sinistra dell’ Unione dovrebbe contare di più, un buon modo è votare Bertinotti ad esempio, un’operazione che va oltre Rifondazione e che vuole allargare il campo della sinistra alternativa. Ci stiamo rendendo tutti conto che questo sistema elettorale e la democrazia che ne consegue restringe in limiti sempre più angusti la partecipazione alla vita pubblica e l’apatia si generalizza… beh cerchiamo di contare e di pesare anche noi. Il 16 ottobre riempite i luoghi preposti al voto, basta portare con voi un documento d’identità, il certificato elettorale, 1 euro e soprattutto tanto entusiasmo per ciò che quell’occasione diventi una festa.

Pubblicato in Attivismo, Politica da dubcek | 29 Commenti »

tn  tags: , ,

Articoli più o meno correlati:

Aggiungi a:These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • del.icio.us
  • OkNotizie
  • Segnalo
  • Furl
  • digg
  • Spurl
  • Reddit
  • blogmarks
  • NewsVine
  • YahooMyWeb
  • Smarking

29 commenti a “Le primarie? un’occasione.

  1. bisat777 ha detto:

    a mi parere le primarie dell’ unione sono servite per:
    1. mobilitare le masse, facendo vedere al centrodestra che il centrosinistra c’è
    2. spartirsi le fette di potere e quindi definire aree di influenza sul prgoramma

    per quanto riguarda l’ unico motivo per cui dovrebbero esistere elezioni primarie (E cioè la scelta reale del candidato leader della coalizione) ho i miei seri dubbi.
    Ed anche la cosiddetta lezione di democrazia, da tanti sbandierata risulta pressochè una farsa.
    Ciò fondamentalmente perchè se avesse vinto bertinotti (magari!), l’ unione non esisterebbe più, o per lo meno avrebbe perso molti pezzi.
    l’ unione è nata attorno a Prodi, che da ousider si è presentato ai partiti di area centrosx tentando di creare una amalgama più o meno appetibile, ed è egli ne risulta quindi il leader naturale(non serviva una primaria per affermarlo).
    In fondo si è votato sapendo chi avrebbe dovuto vincere, la lezione democratica reale sarebbe stato votare su pezzi del programma e non mettere la croce su delle facce.
    al limite una vera competizione sui leaders sarebbe stata un cofferati-prodi, ma il primo lo hanno già fatto sindaco escludendolo dai giochi.

    le primarie di domenica sono state un bel gioco, forse anche una bella occasione per dire siamo in tanti, si votava sapendo già chi vinceva, un bel giochino per sentirsi più democratici.

  2. s ha detto:

    …ehm..su quelle robe sull’immigrazione a livello comunitario,veh, me le riguardo meglio. poi vi so dire bene come funziona e come fuzionano i meccanismi. Perchè le stavo riguardndo prima e, forse devo dedicare qualche tempo in più. no è per essere precisi e non dire cazzate.

  3. s ha detto:

    hey dubcek non demordi mai! ahahah
    voto:
    :ok:

  4. swampthing ha detto:

    tornando on topic: le primarie possono essere un grande momento per la democrazia, però, vedendo come vanno negli Stati Uniti mi sorgono dei dubbi. Ormai in politica vince chi riesce a raggiungere il maggior numero di persone. E chi ci riesce? chi ha i mezzi per farlo. Io spero negli ousider… non solo in Bertinotti.
    Ivan Scalfarotto?
    http://www.ivanscalfarotto.info/

  5. dubcek ha detto:

    il problema è proprio quello e ciò che le leggi regionali devono comunque rientrare nell’alveo delle leggi nazionali…quindi è il governo che deve cambiare…rispondo ad el mahico…ma lo sai che gli assegnini alle famiglie di chi frequenta scuole privata arrivano direttamente a casetta…???…altra questione è che recentemente sono stati immessi a ruolo una miriade di insegnanti di religione questa volta nelle scuole pubbliche e tutti gli altri insegnanti che aspettano da anni???…:vomit:…alla Moratti…

  6. s ha detto:

    :offtopic:adesso ho capito come hai fatto!
    cavolo preferivo immaginarti monk(non è un gioco di parole…è nel senso del telefilm):smile:

  7. er mahico ha detto:

    :bugie::bugie:la principale motivazione consiste nella volontà di dare la possibilità anche a quelli meno abbienti di accedere a scuole private(ad esempio che abbiano una particolare impronta religiosa).In pratica tale assegnazione di fondi, è volta tendenzialmente a garantire la libertà nella scelta della educazione dei propri figli.:bugie::bugie:
    non so 1000 euro aiutino veramente a pagare una retta di circa 12000euro l’anno a una famiglia di muratori calabresi. o siciliani se preferite.
    io dico che servono di piu’ alla coca di papa’ricco e con l’amante.
    voto Nichi Vendola… anche perche’ nn penso mi rubera’ mai la ragazza….:mrgreen: peccato nn si candida.:twisted:shit!

  8. s ha detto:

    ricordati però che a livello regionale non si può fa tutto: competenze regionali , sttali e concorrenti. Però come atteggiamento può essere accettabile anche se lento.

  9. s ha detto:

    “parto subito dicendoti che l’attuale minisro moratti ha firmato un decreto (proprio nei giorni feriali) che dà ancora più soldi alle scuole private o per meglio dire a chi frequenta le scuole private,”

    la principale motivazione consiste nella volontà di dare la possibilità anche a quelli meno abbienti di accedere a scuole private(ad esempio che abbiano una particolare impronta religiosa).In pratica tale assegnazione di fondi, è volta tendenzialmente a garantire la libertà nella scelta della educazione dei propri figli.
    ———————————————————————————————————————–
    “Un giorno nella nostra regione l’assessore all’istruzione ha dato modo agli studenti delle scuole pubbliche di ricevere in comodato d’uso i libri di testo,può essere un inizio”
    E’ un’iniziativa di cui ho sentito parlare e che condivido.
    ————————————————————————————————————————
    “…passo ai cpt, intanto sarebbero da chiudere senza se e senza ma,uno perchè sono dei luoghi di detenzione pura,due perchè dietro ci sono miriadi di organizzazioni che lucrano alle spalle degli immigrati…”
    Allo stata attuale delle cose, per me, il cpt non è un istituto da deprecare perché , come ho già detto, se funzionasse, darebbe la possibilità, ad esempio, a malati e tossicodipendenti di usufruire di aiuti, sia in termini di strutture che di cure mediche.
    Questo mi sembra particolarmente importante perché queste persone rientrano in categorie deboli che altrimenti non troverebbero sostegno.
    Mi dirai che basta togliere la etichetta di clandestino o, chessoio, dare più possibilità per regolarizzarsi: risposta? Non è così semplice, dato che siamo nel sistema Shenghen e non possimo decidere da soli. E non possiamo troncare accordi di quel tipo così su due piedi, perché non li condividiamo, dato che comunque sono stati accorpati tra le norme del trattato dell’unione (credo quello).
    E’ vero ci sono delle organizzazioni che le gestiscono che lucrano sulla pelle degli immigrati. Ma dove nasce il problema?Nella assegnazione ai concorsi o nella mancanza connivente o meno di controlli da parte di organi forse preposti a questo?
    ———————————————————————————————————————
    “cominciamo sfoltire le carceri italiane e soprattutto diamo modo a chi è carcerato di potere usufruire di servizi igienici,di servizi sanitari e di servizi culturali come biblioteche,vogliamo fare in modo che lo scontare una pena serva a qualcosa? diamoli cultura,questa si che sarebbe rivoluzionario…”

    Si hai ragione, siamo d’accordo. Ma i soldi ci sono?
    ————————————————————————————-
    “politica di pace vuol dire mettersi attorno ad un tavolo e trattare fino a quando non si raggiunge un accordo,non vuol dire mandare i bombardieri a colpire popolazioni inermi…tu dici che gli accordi internazionali vanno rispettati,uno che tipo di accordi? pensiamo all’afghanistan,gli usa hanno mandato lì 11 mila militari (meno delle forze di polizia nella sola Manhattan) e Bin Laden è anora libero(gli americani sono arrivati con 2 mesi di ritardo nella zona dov’era nascosto osama)…poi ti dico anche che il terrorismo porta alla guerra, questa porta ancora più terrorismo,ma iniziamo a verificare il perchè c’è molto terrorismo,se noi togliessimo il mare in cui questo terrorismo nuota avremmo meno terrore, il mare sarebbero la povertà e lo sfruttamento,e qua un pò di mea culpa di noi occidentali sarebbe ben accetta”
    Oggi non è così facile individuare il “nemico, perché le alleanze oggi non sono più individuabili nettamente(questo significa, ad esempio, che il terrorismo è finanziato o/e sostenuto ideologicamente-direttamente o indirettamente- dagli stessi operatori del sistema politico nazionale o internazionale) ; oltre a ciò bisogna ricordare i gruppi terroristi vogliono raggiungere i loro obiettivi(dichiarati e meno)e per loro la mediazione non ha senso.

    La questione degli accordi era riferita all’investimento in armi dell’Italia, mi riferisco al dovere di presenza come forza di peacekeeping ad esempio e all’armamento minimo/di sicurezza _forse si basano su certi parametri, non so.

  10. dubcek ha detto:

    grazie swam, il mio commento gentilmente rimesso è il nr.17, il 18 riporta il finale del 17…complimenti a tutti,sta diventando una discussione interessante…:prete:

  11. swampthing ha detto:

    interessante questa discussione. poi dirò la mia.

    in generale, quando si fanno post lunghi, è meglio scriverseli sul blocco note e poi incollarli nel campo dei commenti… :whistling:

    ps. penso di aver recuperato il commento.. era stato identificato come spam perchè hai cambiato IP o perchè era passato troppo tempo…
    oggi l’anti spam ha lavorato molto, a causa di un cretino che postava inni al Duce… tutti inesorabilmente inghiottiti dall’antispam. 🙂

  12. dubcek ha detto:

    uffa avevo scritto una miriade di risposte alle tue perplessità, ma mi si è scollegato il pc…fastidio…:twisted:…Più partecipazione cosa vuol dire? più referendum direi di no…semplicemente più assemblee pubbliche dove i cittadini possano decidere…un amministratore pubblico prepara un disegno di legge, lo porta in un’assemblea aperta alle associazioni,ai sindacati,alla cittadinanza, qui si discute, si modificano con emendamenti parti di questo progetto e si approva a maggioranza…questo metodo ha portato alla legge regionale sull’immigrazione….più partecipazione vuol dire anche primarie,dobbiamo abituarci all’idea,forse adesso è una moda, ma istituzionalizziamola…non vi piace l’idea di scegliere dall’interno di una rosa di nomi il rappresentante per un’eventuale carica? Questo secondo me è indicato soprattutto per le elezioni locali…ora chiudo ma prometto di scrivere ancora in quanto hai fatto delle domande che meritano risposte…peccato che mi si fosse scollegato il pc…a presto…:star:

  13. dubcek ha detto:

    parto subito dicendoti che l’attuale minisro moratti ha firmato un decreto (proprio nei giorni feriali) che dà ancora più soldi alle scuole private o per meglio dire a chi frequenta le scuole private, nella nostra regione l’assessore all’istruzione ha dato modo agli studenti delle scuole pubbliche di ricevere in comodato d’uso i libri di testo,può essere un inizio…passo ai cpt, intanto sarebbero da chiudere senza se e senza ma,uno perchè sono dei luoghi di detenzione pura,due perchè dietro ci sono miriadi di organizzazioni che lucrano alle spalle degli immigrati…cominciamo sfoltire le carceri italiane e soprattutto diamo modo a chi è carcerato di potere usufruire di servizi igienici,di servizi sanitari e di servizi culturali come biblioteche,vogliamo fare in modo che lo scontare una pena serva a qualcosa? diamoli cultura,questa si che sarebbe rivoluzionario…politica di pace vuol dire mettersi attorno ad un tavolo e trattare fino a quando non si raggiunge un accordo,non vuol dire mandare i bombardieri a colpire popolazioni inermi…tu dici che gli accordi internazionali vanno rispettati,uno che tipo di accordi? pensiamo all’afghanistan,gli usa hanno mandato lì 11 mila militari (meno delle forze di polizia nella sola Manhattan) e Bin Laden è anora libero(gli americani sono arrivati con 2 mesi di ritardo nella zona dov’era nascosto osama)…poi ti dico anche che il terrorismo porta alla guerra, questa porta ancora più terrorismo,ma iniziamo a verificare il perchè c’è molto terrorismo,se noi togliessimo il mare in cui questo terrorismo nuota avremmo meno terrore, il mare sarebbero la povertà e lo sfruttamento,e qua un pò di mea culpa di noi occidentali sarebbe ben accetta…altro esempio su cui potrebbero essere spesi meglio i soldi pubblici è questo: lo sapete che il governo italiano ha ordinato 5 nuove portaerei? beh non è uno spreco? Lo sapete che in questi giorni si sta perpetrando uno scippo all’Inail? L’Inail è uno di quei pochi enti statali in attivo ed ha liquidità per circa 3miliardi di euro,il governo vorrebbe utilizzare 1,5 miliardi di euro per costruire un grande centro polifunzionale della polizia di stato a Napoli ed un altro centro similare a Milano…beh penso che questi soldi potrebbero essere utilizzati meglio,come ad esempio fare in modo che gli infortuni sul lavoro calino…il comune di Villafranca Lunigiana in prov. di Massa Carrara ha creato una norma in base alla quale una ditta non può gareggiare nell’appalto di un lavoro se non dimostra che ha istruito i suoi dipendenti sulle normative sulla sicurezza, meno infortuni=meno costi per le casse dello stato…lo so è un procedimento lungo ma i modi ci sono per liberare risorse, stiamo attraversando un periodo di crisi generale, i profitti degli speculatori crescono in maniera esponenziale,vogliamo colpire queste rendite? l’Italia è l’unico paese europeo che tassa i surplus finanziari al 12,5% contro il 18-20 % degli altri paesi…la Francia sta investendo massicciamente per difendere le proprie aziende e per cercare di non farle chiudere, in Italia ci sono solo gli ammortizzatori sociali ed i fondi per la cassa integrazione stanno esaurendo,vado a braccio perchè di esempi del genere ce ne sono tanti…ultima cosa riguarda la partecipazione,più partecipazione non vuol dire più referendum, vuol dire assemblee sull’esempio di quello che ha portato alla legge regionale sull’immigrazione che è stata presentata,discussa,modificata nel corso di un’assemblea a Udine a cui hanno partecipato associazioni,sindacati,cittadini ecc…tutto ciò è possibile…dipende se si ha voglia di avere un’alternativa di società…

  14. s ha detto:

    perdona i discorsi un pò a spanne ma sono ignorante. 🙄
    😆

  15. s ha detto:

    1)pensate che sia una rivoluzione far partecipare di più il popolo alle decisioni?
    e come?a mezzo di referendum?
    2) pensate che sia rivoluzione chiudere i cpt e cominciare un percorso culturale che unisca seriamente la sicurezza con il diritto di cittadinanza?
    e come?
    no veramente, sono curiosa.
    se i cpt funzionassero veramente non sarebbero proprio del tutto negativi, credimi. costituirebbero addirittura l’opportunità per drogatii e malati di rivolgersi alle strutture e l’occasione per avere accesso alle cure mediche di cui hanno bisogno.
    Anche perchè vorei ribadire che sono pensate come strutture di transito, anche se attualmente rassomigliano sepre più ad istituti detentivi.
    3)pensate che sia una rivoluzione dare un reddito sociale?
    tipo?
    4) pensate che sia una rivoluzione la gratuità della scuola pubblica e della sanità?
    e, di grazia, come?
    non so bene come funzioni la storia ma attualmente lo stato non ha soldi!Non a caso si ricorre a mille espedienti per far cassa
    5)pensate che sia una rivoluzione spendere meno in spese militari per magari assumere molti ispettori del lavoro per prevenire i 4 morti al giorni?
    a parte il fatto che credo si debbano rispettare accordi internazionali, su questo siam d’accordo.
    6) pensate che sia una rivoluzione iniziare una politica di pace?
    ma che cosa significa in concreto pace?Dove per concreto intendo cheposizioni attualmente prendere?Anch’io voglio la pace,ma non a senso unico, altrimenti è solo la vittoria di un’ideologia e non un accordo.

    “carA S?”
    il nuovo detective monk?

  16. dubcek ha detto:

    altro punto importante,che però meriterebbe un articolo, è il realismo sull’attuare nel 2005 una rivoluzione in Italia,senza l’uso della forza,quello che intendo io per rivoluzione oggi è un qualcosa che riguarda il concetto di governo di un paese,mi esprimo meglio…pensate che sia una rivoluzione far partecipare di più il popolo alle decisioni? pensate che sia una rivoluzione tassare le rendite e redistribuire i redditi alle fasce sociali meno abbienti? pensate che sia una rivoluzione non pagare tasse sulla prima casa? pensate che sia rivoluzione chiudere i cpt e cominciare un percorso culturale che unisca seriamente la sicurezza con il diritto di cittadinanza? pensate che sia una rivoluzione dare un reddito sociale? pensate che sia una rivoluzione la gratuità della scuola pubblica e della sanità? pensate che sia una rivoluzione spendere meno in spese militari per magari assumere molti ispettori del lavoro per prevenire i 4 morti al giorni? pensate che sia una rivoluzione iniziare una politica di pace? tutto queste domande e tante altre sono oggi rivoluzionarie in quanto sembrano molto lontane…beh dare più forza alla sinistra dell’Unione vuol dire dare la possibilità di incominciare ad attuare una politica rivoluzionaria…non viviamo su marte no? quindi lasciamo da parte i concetti come rivoluzione proletaria o altri concetti che oramai fanno parte del ‘900…iniziamo da quello che si può,ma cara S non devi sfiduciarti,la tua sfiducia come quella di tanti altri fa si che a vincere saranno sempre gli oppressori,se senti il bisogno di liberazione intanto cerca di avere più fiducia soprattutto nei tuoi mezzi…è dal basso che si inizia…ed insieme si può tentare di cambiare.

  17. s ha detto:

    A me non ispira nè l’uno nè l’atro schieramento, se devo dirla tutta.Sono tutti una banda di opportunisti, che devono mediare i loro interessi o le loro ideologie con l’ordine costituzionale.
    evviva!
    :celebrate:

  18. dubcek ha detto:

    bertinotti non ha intenzione di identificarsi ed egemonizzare un’area, bertinotti vuole aprirsi a pezzi di società vicine a rifondazione, ora in italia sono in corso d’opera due grosse inziative a sinistra,una è quella che hanno per ideatori i professori di firenze(pardi,ginsborg)assieme ad i comunisti italiani,verdi,grossa parte del manifesto, intellettuli come Asor Rosa e qualche dirigente sindacale,questa è la cosiddetta “lista arcobaleno” o “camera di consultazione della sinistra”…l’altra è un’iniziativa di ex esponenti dei ds come Folena(ora passato a Rifondazione), molti esponenti sindacali (come il segretario generale della Fiom Rinaldini), questa è Uniti a Sinistra…la critica che faccio alla prima proposta è che mi sembra calata dall’alto per creare una lista elettorale che superi il 4% al proporzionale…l’altra è un qualcosa di più aperto e plurale con associazioni come sinistraromana,punto rosso,pezzi di associazioni cattoliche. Altra critica che pongo nei confronti della lista arcobaleno è che mi sa troppo di “vecchio” in senso buono, ha un non so che di girotondino e di già visto, bisogna tenere ben presente che la proposta “uniti a sinistra” vorrebbe tentare di creare in Italia un soggetto politico nuovo che tocchi rifondazione e sinistra ds, sul modello della Linkspartei tedesca che è un nuovo partito che ha unito la Pds paragonabile alla nostra Rifondazione ai fuorisciti a sinistra della Spd di Schroeder cioè Lafontaine con dirigenti sindacali(la danno all 7-8 %)…la situazione è tutta in movimento, io ad esempio ho aderito al manifesto di Uniti a sinistra…ci vuole tempo per creare ciò soprattutto perchè a questo discorso c’è da affiancare la sinitra europea,avete visto recentemente il simbolo di Rifondazione? E’ la classica falce e martello con un semicerchio con la scritta “sinistra europea”,a cui aderiscono partiti di tradizione comunista e non…Le primarie in tutto ciò cosa c’entrano? Mettiamo caso che Bertinotti prenda il 20% quando il suo partito ne prende il 6%…non vuol dire che Bertinotti è egemone su questo 20%, ma che le politiche di sinistra le vogliono in tanti…altro esempio,ve lo ricordate il referendum sull’art.18? E’ stata una sconfitta che però ha fatto venir alla luce la forza di 11 milioni di persone che si sono unite su un qualcosa di caro alla sinistra…altro esempio, alle ultime europee i partiti a sinistra dei ds hanno preso il 12%…Bertinotti vorrebbe(ma ahimè ha troppi ostacoli) unire dal basso e con la partecipazione questo 12%…penso che sia un qualcosa di positivo…poi ci sono cose che non capisco,prendiamo Diliberto, ha dichiarato di non apprezzare le primarie ma di votare Prodi,un comunista che vota per un ex dc e non per un altro comunista?…ci sono sezioni dei ds che voteranno Bertinotti…ci saranno tanti di Rifondazione che non voteranno perchè appartenenti alle minoranze interne…scusate se sono stato caotico ma come avete notato è caotico il quadro della sinistra radicale in Italia…che le primarie facciano un pò di chiarezza e sull’essere più romagnoli e meno amerikani sono d’accordo con te swam…:star:

  19. swampthing ha detto:

    Nichi Vendola? si è candidato?? che problemi hai con il login? persa la password?

  20. er mahico che nn riesce a fare il login ha detto:

    voto Nichi Vendola.

  21. swampthing ha detto:

    le 35 ore sono possibili. io già ne lavoro 32… quindi contrattatevele da soli, senza aspettare che qualcuno ve le regali… 😉
    da Rifondazione mi aspetto che sposti la coalizione più a sinistra, ma con giudizio. Voglio un’Italia più romagnola e meno americana.
    Comunque, stiamo facendo un grosso errore, quello di identificare un partito nel suo leader. Vale solo per Forza Italia e, sinceramente, di piccoli dittatori non ne sento la mancanza…

  22. calogero ha detto:

    le 35 ore vennero proposte l’anno precedente la caduta di Prodi, se ricordo bene. Bertinotti fece e fece fare ai suoi un gran can-can su questo argomento in dirittura d’arrivo della legge finanziaria. Queste iniziative di bandiera servono solo ad agitare le acque e a far vedere ai militanti che il partito non è morto e sepolto nella vita e nella logica della coalizione.
    Penso che nessuno mai abbia seriamente pensato di poter introdurre le 35 ore in Italia, tantomeno Bertinotti.
    Comunque le primarie ben vengano, sono sicuramente un’occasione da non perdere. Anche per far capire al centrodestra che mal messi che sono in quanto a pluralismo interno alla coalizione!!

  23. dubcek ha detto:

    chiedo venia, nel mio primo commento mi sono accorto di alcuni errori di battitura…la turco-napolitano è la bossi-fini un pò migliore…questo per rendere giustizia ai due esponenti ds, che ricordo a tutti hanno ideato i cpt…

  24. dubcek ha detto:

    bertinotti non appoggiò più prodi perchè non andò avanti il progetto di legge sulle 35 ore a parità di salario sull’esempio del governo francese di jospin, ricordo poi che quella scelta fu causa di una scissione interna a rifondazione da cui uscirono i comunisti italiani di cossutta e diliberto, ricordo ancora una cosa, dopo il governo prodi ci furono i governi d’alema ed amato che di sinistra non ebbero praticamente niente se non i nomi di certi partiti che li appoggiarono. secondo me la scelta di uscire dal governo fu troppo affrettata ma sinceramente quel governo perseguiva politiche troppo simili al centrodestra, oltre a sconfiggere il centrodestra occorre sconfiggere le politiche di destra ed i tentativi neocentristi. ho già avuto modo di dire nel mio intervento che le primarie possono essere un’occasione, quella pugliese è andata bene, non penso che andrà bene altrettanto questa ma intanto i cittadini possono partecipare di più alle scelte,si parla di primarie per scegliere il presidente della provincia di gorizia, si faranno sicuramente le primarie per scegliere il candidato che sfiderà dipiazza a trieste, intanto il centrosinistra si dimostra più aperto e più democratico e questo è già un bel segnale, se poi tutti riuscissero a fare come antonaz in regione sarebbe l’ideale, avete presente la legge sull’immigrazione regionale? beh sapete come è stata concepita e modificata? a udine c’è stata un’assemblea con più di 500 persone che dalla mattina alla sera hanno letto, modificato con emendamenti approvati a maggioranza, il testo di legge che poi è stato approvato…questa è la vera partecipazione!

  25. calogero ha detto:

    le politiche del governo Prodi erano soprattutto tese a centrare i parametri per l’Euro. Bertinotti per un paio d’anni se ne stette muto e cuccio votando in silenzio tutto quello che Prodi proponeva, dimostrando così di rendersi conto di quanto importante era l’obbiettivo Euro. Una volta centrati i parametri (a cui pochi credevano specie in Europa), Bertinotti si sentì finalmente libero dagli impegni riprese a fare il suo mestiere preferito: il demagogo delle masse a sinistra. Quindi fece cadere Prodi.
    Ricordo una puntata al Costanzo Show in cui gli chiesero perchè avesse fatto cadere Prodi. La risposta di fausto fu:”perchè non ha aumentato le pensioni…”. Urla dal pubblico: “perchè Berlusconi le ha aumentate?” Fausto per una volta rimase zitto ed imbarazzato nella sua elegante giacchetta di cachemere.
    E questa non l’ho letta sui giornali, l’ho vista con i miei occhi e sentita con le mie orecchie.

  26. swampthing ha detto:

    Come vi difendere dagli intrusi, da infiltrati del centrodestra?

    “La prima difesa e la prima garanzia di correttezza sarà la tessera elettorale. Nessuno potrà votare in un seggio diverso da quello a cui corrisponderà la sua tessera. Nessuno potrà quindi votare due volte. Ma ci sarà dell’altro. Ad ogni elettore chiederemo, come condizione per scegliere tra i candidati alle primarie, di sottoscrivere il “progetto dell’Unione”. Si tratta del documento che contiene i principi e i valori nei quali si riconosce l’intera coalizione di centrosinistra e che ha fatto decisi passi avanti a San Martino in Colle. Come vede, le difese cominciano a farsi robuste. Ma non sono finite qui. Per votare, si dovrà anche sottoscrivere una dichiarazione nella quale si afferma di avere intenzione di votare, alle prossime elezioni politiche, per l’Unione o per uno dei partiti del centrosinistra. Insomma, se qualche elettore di destra vorrà infiltrarsi nelle nostre primarie, lo farà cominciando a dire il falso. Un falso che potrà essere in ogni caso facilmente scoperto”.
    [repubblica intervista Prodi]

    mi vien già da ridere… 😈

    io, se fossi di destra, organizzerei in maniera massiccia il voto a Bertinotti… potete già immaginare le conseguenze…

  27. dubcek ha detto:

    scusa calogero ma secondo bertinotti avrebbe fatto bene a continuare ad accettare politiche neoliberiste propinate dall’ulivo? ricordo a tutti che quel centrosinistra,soprattutto senza rifondazione,fece la turco-napolitano sostanzialmente la bossi-fini peggiorata, fece il pacchetto treu con dentro un ricorso massiccio alla flessibilità e un ampio potere alle agenzie interinali…la presenza di rifondazione è indispensabile, soprattutto se il peso della sinistra alternativa diventa importante, a quel punto spostare l’unione a sinistra non sarebbe una chimera,poi l’obiettivo di fondo è quello di creare un nuovo soggetto politico che racchiuda i vari pezzi a sinistra ds,magari coinvolgendo tanti che negli attuali ds hanno il mal di pancia,ma questo lo vedremo…:star:

  28. calogero ha detto:

    sì ma per carità non votate Bertinotti altrimenti rifà lo sgambetto a Prodi e ci rifacciamo altri 5 anni di berlusca :no::no::no:

Lascia un commento