eXTReMe Tracker

Loro rubano e noi paghiamo

4 Luglio 2005 alle 21:28
dubcek

Questa mattina si è tenuta una manifestazione delle lavoratrici e dei lavoratori della Finmek di Ronchi dei Legionari. Io sono fra questi dipendenti e sono fiero di aver iniziato una lotta che spero porterà cose positive… perchè siamo arrivati a bloccare una statale? Beh semplice… rischiamo di chiudere ad agosto se non si trova un compratore… cosa non facile perchè la società che ha sede a Padova ed ha più di 2000 mila dipendenti in tutta Italia è in amministrazione straordinaria da 1 anno e i suoi ex dirigenti sono indagati dalla procura della città veneta per aggiotaggio, distrazioni di fondi e bancarotta… e in tutto questo a pagarne le conseguenze immediate sono i dipendenti, prima con un piano industriale basato solo su ammortizzatori sociali, ora invece il ministero delle attività produttive mette in liquidazione l’intero gruppo, mandando quasi a casa più di 2000 persone, di cui a Ronchi 289… ci fossero delle prospettive uno cercherebbe un altro lavoro… ma dal tessile, all’elettromeccanica all’elettronica è tutto una crisi che mai come prima sta toccando sia la nostra regione, in particolare nella provincia di Gorizia dove le aziende in crisi sono oramai parecchie… e le uniche grandi (poche) aziende che in crisi non sono cosa fanno? assumono solo tramite agenzie interinali generando ulteriore precariato… ormai ci rimane solo la lotta, ma una cosa che mi ha colpito stamattina durante la manifestazione è stato che da una casa è uscito un signore con brocche di limonata e questo mi fa andare avanti e combattere per il mio posto di lavoro e per i posti di lavoro di tutti… poi se andrà male e saremo sconfitti, beh non possiamo dire di non averci provato, almeno la mattina ci sveglieremo e ci guarderemo allo specchio con dignità… :star:

Pubblicato in Capitalismo all'italiana, Povera Italia da dubcek | 15 Commenti »

tn  tags: , , , ,

Articoli più o meno correlati:

Aggiungi a:These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • del.icio.us
  • OkNotizie
  • Segnalo
  • Furl
  • digg
  • Spurl
  • Reddit
  • blogmarks
  • NewsVine
  • YahooMyWeb
  • Smarking

15 commenti a “Loro rubano e noi paghiamo

  1. Les Banlieues ha detto:

    a dubcek. Gli immobiliaristi fanno soldi con anche con le fabbriche che vengono buttate nella monnezza con continui passaggi di proprietà fittizi. in uno di questi passaggi la prima cosa a scomparire è l’immobile, fa parte del gioco. Tipico quello che è succeso con finmek. con la cordata di pseudoimprenditori Massimo Zanzi Carlo Fulchir Massimo Pugliese. A Scarmagno l’immobile è andato a finire alla Pirelli Real Estate; A Santa Maria Capua Vetere (Caserta) a Pasquale Esposito ( un ex dirigente dello stabilimento che ha fatto da prestanome); alla Texas Instruments di Aversa è finito a Ilario Floresta deputato di Forza Italia che se lo è venduto a se stesso essendo presidente di tutte e due la società che hanno firmato la compravendita. Lo stesso è successo a Marcianise ex Olivetti (Caserta), Chieti, Rieti e Avezzano, tutte fabbriche nell’otbita di quei signori che ho detto prima. Tutte fabbriche nate con enormi aiuti statali e che, per rottamarle, le hanno affidate a gente senza scrupoli che faceva finta di accollarsi i debiti precedenti e chiedeva ancora aiuti con il ricatto dei lavoratori usati come ostaggi. A Ronchi dei Legionari è successo la stessa cosa ma bisognerebbe vedere a chi è andato lo stabilimento. Tutte queste fabbriche verranno chiuse definitivamente e gli speculatori avranno avuto gli immobili liberi dai lavoratori. Abbiamo denunciato a Caserta alla magistratura la Finmek e tutti gli altri, dal gennaio 2001, ma nessuno si muove. Io so pure i nomi di chi insabbia l’inchiesta ma i magistrati non mi vogliono sentire perchè hanno troppo da fare. Ma io ci ritornerò. Nel frattempo facciano qualcosa i dipendenti di tutte le altre fabbriche che questa gente si è fottuta.:bla:

  2. s ha detto:

    Mi disp.
    Spero si risolva tutto per il meglio

  3. swampthing ha detto:

    una vera posizione Berlusconiana quella di Marco, sembra di sentire Silvio…
    pensare con la propria testa mai eh?
    :violent::fi:

  4. dubcek ha detto:

    caro Marco potresti per favore motivare la tua uscita? Io come anche Don Camillo e tanti altri lavoratori della Finmek in tutta Italia siamo da mesi che lottiamo, lottiamo contro la chiusura dei siti produttivi,lottiamo per l’elargizione della cassa integrazione (c’è gente che dal 4 luglio non sta percependo niente!),lottiamo per far si che ci sia una ripresa delle lavorazioni, non è colpa nostra se qualcuno ha speculato sulle nostre teste emettendo bond spazzatura,falsificando bilanci ecc…In tutti i luoghi poi ci sono persone che sono menefreghiste e pensano solo ai fatti loro, l’importante è stare tranquilli con se stessi. Io sono orgoglioso di lottare e fino alla fine resterò fermo su queste posizioni! CHI LOTTA PUO’ PERDERE…CHI NON LOTTA HA GIA’ PERSO!…:star:

  5. Don Camillo ha detto:

    Marco, per favore, se non sai di quello che stai parlando almeno stai zitto per non dimostrare la tua ignoranza in materia.

    un grosso problema è che troppa gente da arian alla bocca senza conoscere le vere problematiche e soprattutto cosa c’è dietro.

    questo non porta ad altro che confusione su confusione. il resto lo fanno i giornali che scrivono panzane colossali , soffrendo della stessa ignoranza di cui sopra.

    Marco, lavori alla finmek? non credo, da come parli.

    allora mi fai la gentilezza di illustrarmi dettagliatamente come fai a dire che noi ce la passiamo bene e facciamo la bella vita?

    ti consiglio una risposta seria ed esauriente. ma molto esauriente.

  6. Marco ha detto:

    be insomma, io conosco qualcuno di voi che lavorate alla Finmek, e vi lamentte e’ da anni che fate la bella vita, : non andate a lavorare, e prendete comunque il 70% dello stipendio, lavorate a nero se vi chiamano a lavorare un sabato dopo mesi che siete a casa vi lamentate e passate la note a ballare!!Ma che vi lamentate??

  7. dubcek ha detto:

    Ormai i siti Finmek sono chiusi, i 3000 dipendenti sono quasi tutti in cassa integrazione. Per chi volesse venire in segno di solidarietà, segnalo la presenza di un presidio permanente ai cancelli dello stabilimento di Ronchi dalle 08 alle 17…:star:

  8. propropr ha detto:

    quello che sta accadendo in Finmek viene messo a tacere e minimizzato dai media che, guarda un pò, sono ormai regolamentati dal “regime”. Di Finmek non se ne puo parlare perchè la famiglia Fulchir, ex proprietaria del Gruppo in questione, è legata a doppio filo con il signor Marcello Dell’Utri che, come tutti sappiamo, è legato a sua volta a qualcuno….Il silenzio sul crack della Finmek, poi, è ancora piu strano dal momento che anche gli stessi sindacati CGIL-CISL-UIL minimizzano, smorzano e nascondono la verità. Non solo,non fanno nulla di “forte” anzi, in piu casi, hanno anche dato una mano ai vertici aziendali a compiere lo “scempio” al quale assistiamo. Perchè questa omertà?
    I nomi che si sentono al riguardo della stroria in questione sono:
    Fulchir
    Dell’Utri
    Pugliese
    D’Alema
    Come sono legati tra di loro i personaggi? Dunque:
    Fulchir è amico di Dell’Utri che è amico di Berlusca.
    Fulchir è anche amico di D’Alema perchè vanno a fare insieme le regate
    Fulchir è amico, molto, di un certo signor Pugliese,napoletano, che RICOMPRA puntualmente tutte le aziende mandate a puttane da Fulchir (ma sono anche amici).
    Quindi, se Fulchir è amico di tutti, allora questi sono anche amici tra di loro?
    Considerando i loro “colore” politico penso che…beh, queste sono STRANE amicizie, o sbaglio? MAfia?Camorra?Cosa?

  9. swampthing ha detto:

    sono tutti uguali. 😈

  10. er mahico ha detto:

    :clap:cercate su google il mitico “Mario Mutti”::clap:
    record di amministrazioni delegate::clap:shock:
    , record di attivita’ chiuse per insolvenza, fallimento e corruzione, nonche’ beneficiario di nuovi fondi europei per fare pomodori con i soldi nostri.
    che il diavolo se lo porti all’inferno sto pezzo de merda.:twisted::twisted::twisted:

  11. Baloo ha detto:

    Io c’ho lavorato per quasi due anni, e sebbene non fossi in linea di produzione, ho visto un sacco di cose ovvero…
    1) come impegnavano le forze nel sprecare denaro (pubblico)…
    2) la mancanza di un piano industriale (ma l’hanno mai fatto???)…
    3) il modo di trattare i dipendenti, i (non) sistemi di sicurezza,
    4) …
    Eppure si poteva fare bene… quardate Telit… acquistata dagli Israeliani, ha ripreso a lavorare e da quel che mi raccontano due persone (che non si conoscono) lavorano anche bene.
    Io me ne sono andato quando ho annusato aria di instabilità… se no ora sarei stato tra i manifestanti. A voi tutti la mia solidarietà (altro non ho…)

  12. swampthing ha detto:

    bisognerebbe impedire a questa gentaglia di nuocere…
    chi ha portato alla bancarotta un’azienda, non dovrebbe poter amministrarne un’altra… ❗

  13. dubcek ha detto:

    scusate ma nel mio ultimo post ho commesso un errore invertendo i nomi dei due fratelli, quello indagato dalla procura di Padova è Roberto Tronchetti Provera, il presidente di Telecom è Marco…beh la sostanza è la stessa…

  14. dubcek ha detto:

    sicuramente i padroni che poi non sono più identificabili come una volta, vi ricordate il padrone? il Giovanni Agnelli per parlare di una grande realtà, o il cummenda di tanti film? dove sono spariti? sono come i loro soldi “distratti” in qualche isola tropicale, orami abbiamo a che fare con gli speculatori, i finanzieri d’assalto o gli immobiliaristi che arrivano a controllare il 20% di Rizzoli Corriere della Sera senza che nessuno faccia qualcosa di concreto per verificare seriamente da dove provengono questi fondi. E’ uno schifo, ma è importante essere consapevoli che ce la si può fare,uno sensibilizzando le persone che ci sono intorno e poi allargare il cerchio,una politica diversa ed alternativa è possibile,di strada ce ne da fare parecchia ma le conquiste dei nostri padri le dobbiamo tutelare e farle rispettare. Nel caso specifico della Finmek, un indagato illustre è l’ex presidente Marco Tronchetti Provera, fratello del “patron”, anzi dell’azionista di maggioranza e marito di Afef, Roberto Tronchetti Provera…:cul:

  15. swampthing ha detto:

    ahimè, se ben ricordo, avevo già scritto qualcosa su bisiacaria.com… di queste aziende parastatali, che succhiano soldi finchè vanno e poi tutti casa (gli operai). con un governo come questo, che da un lato depenalizza i reati fiscali e dall’altro favorisce la precarietà (flessibilità la chiamano) la vedo assai nera. anche perchè la flessibilità senza specializzazione non funziona, ma non si è voluto investire sulla formazione… quindi ci ritroviamo masse di persone costrette a lavorare per un bianco e un nero per riuscire a campare, altro che Cina… e indovinate un po’ a chi giova questo stato di cose… 😈

Lascia un commento