eXTReMe Tracker

Michelangelo Fournier, vicequestore aggiunto del primo Reparto Mobile di Roma, racconta la notte cilena alla Diaz

13 Giugno 2007 alle 21:50
swampthing

“Arrivato al primo piano dell’istituto ho trovato in atto delle colluttazioni. Quattro poliziotti, due con cintura bianca e gli altri in borghese stavano infierendo su manifestanti inermi a terra. Sembrava una macelleria messicana”.

“Sono rimasto terrorizzato e basito quando ho visto a terra una ragazza con la testa rotta in una pozza di sangue. Pensavo addirittura che stesse morendo. Fu a quel punto che gridai: ‘basta basta’ e cacciai via i poliziotti che picchiavano”.

“Intorno alla ragazza per terra c’erano dei grumi che sul momento mi sembrarono materia cerebrale. Ho ordinato per radio ai miei uomini di uscire subito dalla scuola e di chiamare le ambulanze”.

“Durante le indagini non ebbi il coraggio di rivelare un comportamento così grave da parte dei poliziotti per spirito di appartenenza”.

Michelangelo Fournier racconta quello che vide la notte che fece irruzione alla Diaz. Una vergogna che sia stato zitto per così tanto tempo. Una vergogna.

La perquisizione si conclude con 93 arresti e ben 82 feriti, di cui tre in modo grave. Le immagini della televisione erano eleloquenti, uscivano persone dalla Diaz massacrate di botte e grondanti sangue, di ogni età, maschi e femmine, ma tra i commenti in giro per il web e in strada c’erano le solite teste di cazzo di berluscones che approvavano l’uso della violenza contro i teppisti armati di coltello e di molotov.

Ma le molotov le avevano messe i poliziotti1 e l’agente accoltellato è stato appurato che era un falso2. Dei 93 fermati nessuno è stato poi condannato. Perché non avevano fatto niente.

Il 22 luglio Silvio Berlusconi ha il coraggio di dichiarare alle telecamere:
“ho avuto questa mattina una telefonata del ministro degli Interni, che mi ha rappresentato il ritrovamento di armi improprie all’interno del Genoa Social Forum e la individuazione di 60 persone appartenenti alle squadre violente che si erano occultate, a dire del ministro, con la connivenza degli esponenti del Genoa Social Forum tra gli esponenti stessi del Genoa Social Forum. […] La notizia mi è stata data come una notizia tendente a chiarire che non c’era una distinzione tra coloro che hanno operato la violenza e la guerriglia e gli esponenti del Genoa Social Forum che anzi, per la notizia che mi è stata data, avrebbero favorito e coperto questa loro presenza”.

Non dimentichiamo cosa ha fatto il governo Berlusconi a Genova. Troppo facile dare la colpa solo ai poliziotti (che spero finiscano in galera). Le violenze sono state sistematiche, ma da parte dello Stato. Cariche immotivate contro le frange più deboli dei manifestanti, lacrimogeni ad altezza uomo. Black Bloc lasciati agire indistrurbati per fornire il pretesto alla repressione. Per colpire chi? Principalmente gli attivisti cattolici e quelli delle associazioni e del volontariato, che si erano uniti insieme per chiedere un mondo più giusto. E la risposta è stata una manganellata in testa.

————-

1) Per quanto riguarda le bottiglie Molotov: nel verbale di perquisizione corredato da tredici firme di alti funzionari della polizia di Stato, si descrive il ritrovamento di due bottiglie molotov, ma le indagini successive hanno rivelato una verità differente. Il Vicequestore aggiunto Pasquale Guaglione, infatti, ha dichiarato ai PM genovesi Enrico Zucca e Francesco Pinto che quelle bottiglie sono state in realtà ritrovate da lui in un cespuglio sul lungomare di Corso Italia nel pomeriggio del giorno precedente.
2) Per quanto riguarda la presunta aggressione subita dall’agente Nucera, la versione dei fatti sostenuta dalle forze di polizia, e il racconto dello stesso Nucera, sono stati smentiti dai Carabinieri del RIS (Reparto Investigazioni Scientifiche) di Parma in due perizie in cui è dichiarato che le lacerazioni su giubbotto e corpetto sono incompatibili con l’aggressione denunciata.

informazioni tratte dal Manifesto e Liberazione,vedi:
www.piazzacarlogiuliani.org/carlo/processi/diaz.php

Pubblicato in Orrore, Povera Italia da swampthing | 25 Commenti »

tn  tags: , , , , , , , , ,

Articoli più o meno correlati:

Aggiungi a:These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • del.icio.us
  • OkNotizie
  • Segnalo
  • Furl
  • digg
  • Spurl
  • Reddit
  • blogmarks
  • NewsVine
  • YahooMyWeb
  • Smarking

25 commenti a “Michelangelo Fournier, vicequestore aggiunto del primo Reparto Mobile di Roma, racconta la notte cilena alla Diaz

  1. lele ha detto:

    swamp
    leggendo gli ultimi due commenti più che una vergogna mi sembra un gran bel paraculo!!!!!!!
    perfettamente in linea con i personaggi che hanno giostrato al G8 di genova!e al G8 della “maddalena”?

  2. Il Saggio ha detto:

    CARO FOURNIER
    IMPARA AD ESSERE UOMO….
    NON LO SEI MAI STATO E MAI LO SARAI!!!

  3. ex allievo di fournier ha detto:

    Non riesco a capire perchè Fournier adesso rinneghi tutto ciò che mi e ci ha insegnato quando ero ed eravamo suoi allievi poliziotti alla scuola di polizia di Moena. Picchiare, picchiare e picchiare…. Ha voluto un reparto scelto apposta per il G8, li ha scelti in base alla loro determinazione, (non quando fanno i chierichetti), li ha addestrati secondo le sue idee, e per finire glielo ha messo nel culo in tribunale….
    Con questa pseudo confessione ha dimostrato quello che realmente è come persona…. guardatevi le spalle estimatori di Fournier….
    p.s. Michelangelo adesso ti vedrei bene seduto vicino a Caruso alla camera dei deputati …. vedrai non vi darete fastidio…. puzzate di marcio tutti e due alla stessa maniera.

  4. Spartaco ha detto:

    Invece è come dico io. Il brigitta ci sta lanciando altri messaggi. Ci conferma che lui è in galera. Infatti la “cayenne” non era una celebre prigione francese? Ve lo ricordate il film “Papillon”? Brigitta sta già pensando al LAVORO che gli faranno fare, da detenuto, fuori dal penitenziario. Almeno per prendere un po’ d’aria.

  5. brigitta sapiens ha detto:

    x quirex
    la tv è l’unico optional che mi manca sl cayenne………turbo chiaramente 30Lt x 100Km
    ti dico questo x farti capire che negli orari di quei programmi…cmq simpatici …sono ancora sulla strada al rientro dal LAVORO

  6. qirex ha detto:

    per spartaco, secondo me stai sopravvalutando brigitta.
    secondo me è il calssico personaggio che fa del suo essere crumiro il suo punto di forza. la classica persona che come arriva a casa la sera si svacca sul divano e rimbambisce a forza di cultura moderna e striscia la notizia. un cialtrone insomma.

  7. Spartaco ha detto:

    Secondo me ‘sta Brigitta, ammesso che sia femmina, è la moglie di fulchir che si è portato il cellulare in carcere e si collega a Internet. Oppure è proprio lui, carletto. Infatti dice che sta all’estero, cioè in galera, conosce gli imprenditori (come lui) che non garantiscono il posto a vita e che sono truffati da quelli che stanno in malattia e svaccano davanti al pc aziendale. Ma il passaggio illuminante è quando dice che questi manigoldi poi finiscono a fare i poliziotti. Cioè quelli che lo hanno arrestato. Non ha detto i Finanzieri sennò sarebbe stato troppo scoperto.
    Secondo me bisogna incoraggiare a parlare ‘sto Brigitta. Potremmo ricavarne una specie di confessione extra-giudiziale.

  8. brigitta sapiens ha detto:

    ti dico che anche cittadini comuni quei giorni hanno subito danneggiamenti che forse ancor oggi staranno pagando con un mutuo in banca , probabilmente ,a dir vostro, anche i poveretti che hanno subito violenze gratuite purtroppo sono vittime . quindi la causa di tutto chi è …ci sono mezzi piu civili x esprimere le proprie idee…lo state pur facendo su ‘sto sito ..quindi fatevi rappresentare da qualcuno con i coglioni x far valere il pensiero….sono solo incazz….per quando fate i pignucoloni (vedi casi ixfin e finmek…motivo x cui ho conosciuto il blog) ricordatevi…e poi mi tolgo definit dai cogl che un imprenditore non firma un contratto a vita con voi quindi l’unica cosa sono gli stipendi arretrati che comunque ve li paga l’inps…sara poi l’imprenditore a pagare le conseguenze…conosco tanta gente che sta a casa in malattia FINTA…che sta tutto il giorno sul computer aziendale su internet ….quindi chi ha le palle si trova un altro lavoro i piagnucoloni occupano guardacaso tutti i posti statali ,tra cui forze di polizia….. SUNTO per chi capisce A GENOVA VI SIETE PESTATI TRA DI VOI!!!!!!!

  9. libertà ha detto:

    Per Brigitta.

    Il grande???????
    Ammazza se silvio per te è un grande :ilmale:, povero il paese che ti ospita.
    Qui non si tratta di dare addosso alle forze dell’ordine, poichè il problema è che loro si sono macchiati di violenze becere, senza nessuna logica, semmai c’è ne fosse una per simili bestialità. Leggiti i referti degli sfortunati che sono capitati sotto le mani di quelle divise, perchè uomini non lo sono.
    Dopo se hai ancora del tempo, trovati su internet le varie promozioni, che hanno avuto alcuni dei principali responsabili di quella vergogna.
    Si può discutere di vetrine spaccate, delle auto date alle fiamme è vero, ma non dimenticarti, dei lacrimogeni sparati ad altezza d’uomo, delle cariche alle persone con le mani alzate, ai disabili, a tutti quelli che forse ingenuamente invece di scappare, restavano lì, perchè non avevano fatto nulla, se non essere presenti quei giorni. La scuola Diaz, insieme ai soprusi della caserma di Bolzanetto, sono pagine di una squallida violenza, aggravata dal fatto che i responsabili sono coloro avrebbero dovuto prevenire disordini. L’autore di quelle sporche pagine era lui, il tuo grande.

  10. maxi ha detto:

    cara brigitta, hai uno strano concetto della democrazia: se vince le elezioni il centrodestra allora gli elettori del centrosinistra se ne devono andare all’estero. COMPLIMENTONI!!!.

    se potessi uscire un attimo dalla tua follia ti renderesti conto che è agli atti delle indagini che i ragazzi pestati erano inermi e non avevano compiuto nessun reato, tanto è vero che la polizia ha dovuto fabbricare prove false pur di incriminarli (è ACCERTATO pure questo). faccio presente 2 ultime cose:
    primo: se anche fossero stati colpevoli, una aggressione del genere sarebbe comunque stata da regime sudamericano. in democrazia esistono le indagini, i processi, le sentenze e le relative pene. i pestaggi sommari appartengo ai tempi che probabilmenti tu rimpiangi ed io ripudio.
    secondo: non c’entra nulla il fatto che in giro per la città ci fossero dei delinquenti spacca-vetrine, anzi, dovresti chiederti come mai a loro non è stato torto un capello.

  11. brigitta sapiens ha detto:

    x maxi
    x me tu ti fai le pippe mentali, oppure mi sbaglio io e tu sei convinto di quello che scrivi perche a suo tempo eri presente, cmq perche continuate ad attaccare le forze dell’ordine e non attaccate i teppisti che hanno fatto si che tutto il peggio accadese????
    P.S. non amo neanch’io le forze del’ordine. pero sono consapevole che quando ci sevono siamo i primi a chiamarle!!!
    faccio presente che da quando ci siete voi al governo i ho deciso di andare a vivere all’estero…..perche non lo fate anche voi quando tornera..”spero presto….IL GRANDE?

  12. maxi ha detto:

    il post di brigitta è agghiacciante. dopo anni tocca ancora spiegare che quelli ammazzati di botte erano tutti pacifici e che i violenti sono stati lasciare fare. bisogna ancora dire che la polizia ha creato prove false contro di loro, che i dirigenti e il sindacato di categoria hanno coperto i colpevoli, che il ministro dell’interno e il presidente del consiglio hanno lasciato dichiarazioni false, che tutta l’allora maggioranza ha approvato in pieno l’operato di quegli agenti-terroristi.

    quanti sono stati lobotomizzati come brigitta? ecco perchè le elezioni sono andate così.

  13. Spartaco ha detto:

    Ma sta Brigitta chi è, la fidanzata di zio Paperone?

  14. Spartaco ha detto:

    Io farei stare Michelangelo un po’ di tempo a contatto di Andreotti e di Kossiga. Chissà che non gli attacca la “malattia” e i due mefistofeli si mettono a parlare. Magari in una “Porta a Porta” dove alla fine viene contagiato anche Vespa, gli rispuntano i Brufoli e confessa anche lui. Avremmo un quadro completo di almeno trent’anni di storia italiana. :star:

  15. er mahico ha detto:

    La giustizia ha un suo posto in terra, ma per essere portata tra gli uomini ha bisogno di altri uomini, l’ispettore Michelangelo ha fatto una cosa sacrosanta ed è semrpe migliroe di tanti assassini che stanno ancora zitti.

    :cccp: Ha fatto bene e ha tutta la mia stima, anche se lo ha fatto tardi. :cccp:

  16. libertà ha detto:

    Ragazzi uno come Michelangelo Fournier è letteralmente un pezzo di merda. Poteva aspettare qualche attimo prima di morire per dire cose che già noi sapevamo, e cioè che a genova la polizia, repressa più del solito ha brutalizzato giovani e adulti che con i black block non avevano nulla da spartire. Parlano della Diaz, e dimenticano i pestaggi violentissimi del 21 pomeriggio lungo il lungomare
    Siamo ne 2007, vergognati sbirro, non vali niente nemmeno da uomo.
    Non credere di esserti tolto un peso dalla coscienza, perchè sei come i tuoi colleghi, bestie in divisa.

  17. swampthing ha detto:

    @brigitta sapiens

    vuoi metterti in testa che mentre i teppisti sfasciavano vetrine e davano fuoco ad automobili, la polizia gli lasciava fare e se la prendeva con i manifestanti pacifici?

    tocca ripetere sempre le stesse cose. cazzo.

  18. brigitta sapiens ha detto:

    ma vi siete mai messi nelle teste di quelli che in quelle giornate hanno perso macchine vetrate di negozi ecc ecc …quella e gente che ogni mattina usa l’auto x lavorare e i negozi li usano x potersi ,a fine mese, comperare da mangiare non mettetevi sempre dalla parte dei delinquenti siate piu obiettivi ed equi sulle cose

  19. Valerio ha detto:

    Comunque qualcuno aveva già parlato…
    Placanica quando è stato messo a riposo rilasciò un intervista dove spiegava il clima che c’era fra le forze di polizia…evidentemente non fu ascoltato…

  20. calogero ha detto:

    Ha parlato all’ultimo momento accettabile: il processo. Anche se magari parlando durante le indagini avrebbe aperto una breccia piu’ ampia nel muro d’omerta’ che oscura questa storia orrenda. Comunque bisogna incoraggiarlo e sperare che qualcun altro parli.

  21. Spartaco ha detto:

    Proprio lui. Però …shhh. Sennò ci sentono le Istituzioni, che hanno apparato la faccenda tra affini, consanguinei e…altri e noi passiamo i guai

  22. er mahico ha detto:

    Un mondo migliore forse è possibile.

  23. qirex ha detto:

    ma calabresi non era quel tizio che era presente quando l’anarchico pinelli si “buttò” fuori dalla finestra nella questura a milano nel 1969?

  24. Spartaco ha detto:

    Bravo Michelagelo Fournier. Ha parlato tardi, ma ha parlato. Non diamogli addosso, per farlo pentire e portare acqua al mulino di quelli che sicuramente gli diranno: “hai visto? Era meglio che ti stavi zitto!”
    Se per ognuna delle squallide vicende che hanno costellato l’Italia degli ultimi anni esistesse un Fournier, ne sapremmo sicuramente molto di più e forse giustizia sarebbe fatta. Meglio Fournier che Calabresi.

  25. qirex ha detto:

    un’altra bella storia, inserita tra le tante altre storie, della vergogna repubblicana.

Lascia un commento