eXTReMe Tracker

N’arrivammo in salvamiento

6 Aprile 2011 alle 22:56
Spartaco

                                                                                                                      Quando furono in mezzo al mare
                                                                                                                     il bastimento si sprofondò…
                                                                                                                                                                                           (italian song)  

   Chissà se i nostri barconi si rovesciavano, quando andavamo in America. E morivano i bambini innocenti.

    Non si rovesciavano, perché erano bastimenti e non barconi. Però qualche carretta del mare ci doveva essere lo stesso e a più di una le cose devono essere andate male, con il carico di malcapitati a bordo.

Forse la storia relativamente recente dell’emigrazione non è stata ancora tutta scritta. Sono troppo impegnati gli storici di casa nostra a revisionare la Resistenza e il craxismo.

   Sta di fatto che la prima lettera che i migranti scrivevano, almeno dalle mie parti (che è l’Italia) era “Simmo arrivati in salvamiento”. Come a dire ci è andata bene, per ora. Lì poi si sarebbero giocati la loro partita, in qualche caso diventando migliori di quelli che già ci abitavano. In qualche altro caso peggiori.

Come succede per tutti i migranti, senza distinzione di paese o epoca storica.

I disgraziati che sono affogati nel canale di Sicilia invece in salvamiento non ci arriveranno. Non potranno scrivere nessuna lettera, ammesso che qualcuno gli abbia insegnato a farlo, perché sono morti.

“L’eterno riposo dona loro o signore”.

  La coscienza che si richiama alle radici giudaico-cristiane è a posto.    

Pubblicato in Vita quotidiana da Spartaco | 86 Commenti »

Articoli più o meno correlati:

Aggiungi a:These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • del.icio.us
  • OkNotizie
  • Segnalo
  • Furl
  • digg
  • Spurl
  • Reddit
  • blogmarks
  • NewsVine
  • YahooMyWeb
  • Smarking

86 commenti a “N’arrivammo in salvamiento

  1. Zerb ha detto:

    T’avevo detto, Ezio, che mi sembrava di non averci capito niente? E così fu.

    Posso essere d’accordo sul tesseramento quale fonte di sovvenzionamento, ma non dimentichiamo che la DC aveva fior di industriali che la foraggiava, allora il PCI si fece le Coop (che producevano utili di cui si teneva la sua congrua parte) ed il PSI attingeva da mazzette sui lavori pubblici e su tutti i finanziamenti dello Stato a fondazioni ed Opere Pie.
    Da qui nacque l’idea di dare soldi pubblici (e solo quelli) ai partiti.

    Ricordo anche che il finanziamento pubblico fu bocciato con un referendum popolare nel “93, ma i ns furbastri hanno saputo come aggirare l’ostacolo.

    Per quanto riguarda la DDDDDDDDDDDDDarlene, purtroppo non ho personali notizie, non siamo ancora intimi fino a questo punto, per cui tranquillizzati che non ti ho ancora tradito.

  2. giulios ha detto:

    @Ezio,
    Stranamente il tuo moralismo è sempre rivolto verso i magistrati, i sindacati la sinistra ecc ecc, la trave e la pagliuzza insomma :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

  3. giulios ha detto:

    Zerb,
    …E ti dirò, anche se la riterrai un’eresia, io vedo più “sinistra” in un articolo di Maltese, Spinelli , Serra o Bocca che in un discorso di Bertinotti.

  4. giulios ha detto:

    Zerb,
    riguardo al tuo commento n.20, non sono d’accordo, io acquisto “repubblica” dal primo giorno di uscita e ritengo che non si debba considerare neanche un giornale vicino al PD nel senso che segua le sue direttive, anzi sin dai primi anni non ne ha mai risparmiato critiche, soprattutto Scalfari aveva messo in guardia la sinistra sul pericolo del conflitto di’interessi , sulla possibilità che un miliardario, abile venditore divenisse proprietario di reti televisive ecc, indicando semmai la strada da seguire per fare una vera opposizione, consigli disattesi e infatti ne vediamo i risultati. Non sarà ufficialmente di sinistra ma se non lo sono gli articoli di Curzio Maltese , Barbara Spinelli, Giorgio Bocca, Scalfari, Giannini, D’avanzo, Michele Serra allora cos’è di sinistra?

  5. ezio ha detto:

    @zerb
    eih cazzeggiattore………………. :mrgreen: era indirizzato ai giornali………se non trovano interesse a leggere un x quotidiano perche’ non dice un cazzo, perche’ devo dargli dei contributi affinche’ si mantenga ugualmente. Un cazzo. MANTIENITI che dio ti aiuta……… 😀
    certamente……nessun partito deve prendere soldi nostri. Se li guadagni con le tessere che sono direttamente proporzionali alle promesse “fatte” al cittadino comune. Perche’ questo diventi un possibile tesserato, devi dimostrare che fai e non prometti solo. Chi sbaglia nella magistratura paghi di tasca sua altrimenti galera anche per loro. Cosi’ per i sindacati…………….tesseramenti e basta. E ricomincino a fare i sindacalisti LAVORATORI e non fare vagabondi superpagati………..da tutti noi.
    et capi’? chi cazzo parlava di dipendenti pubblici mandati a casa se non produttivi(anche se il SOCIALISMO lo farebbe) :whistling:
    ciao figon. salutami la darlene se la incontri……………cazzo, s’e’ “swampita” :mrgreen: :mrgreen:

  6. Zerb ha detto:

    Nel cazzeggio pomeridiano, in attesa di 90°minuto, mi sono riletto il comm.21 di Ezio e devo ancora capire cazzo ha detto.

    L’italiano è difficile, sappiamo, ma Ezio, porcaboja, non far tanti giri di parole che sennò ti incarti.

    Credo di aver capito, ma non ci giurerei, che tu (Ezio) vorresti che il dipendente pubblico che non sia produttivo, ovvero non sia all’altezza del suo compito, se ne vada a casa.

    Eccheccazzo, dico io, è una vita che sono incazzato col sindacato per ‘sta cosa, ma se il pesce puzza dalla testa, partiamo con un risanamento etico-morale dai piani alti, dai dirigenti/manager che nel bene o nel male hanno milioni di buon’uscita, chiediamo i danni perfino ai politici che abbiano mancato nelle loro promesse, e perchè no, visto che si vuol far pagare ai magistrati, stupidamente, se sbagliano inchieste o giudici che sbagliano sentenze.

    Potrebbe essere l’inizio di un Socialismo vero e non il socialismo cravattaro craxiano che imponeva parcelle del 5% su ogni opera appaltata.

    Nazionalizzare è il primo passo per estirpare la mafia economica e sociale, ne sono più che convinto.
    Indoviniamo chi ne trarrà vantaggio e chi ci perderà????????

    …..azz!! O’ Napule agg’ espugniat’ BBBologna.

  7. Zerb ha detto:

    Ezio,
    guarda che Libero, per avere le sovvenzioni dallo Stato, si è inventato di essere l’organo ufficiale del partito Monarchico.

    Non so a te, ma a me sa di bufala bell’e buona. E si parla di milioni di eurini, mica cotiche.

  8. Zerb ha detto:

    Partendo dal presupposto che “il pubblico che funziona male” gioca a favore del “privato”, questo la dice lunga su chi ha interesse che il servizio pubblico non funzioni.

    Ecco perchè detesto questo governo e quelli precedenti che non hanno saputo (o voluto) far funzionare il “pubblico”.

    Per quanto riguarda i finanziamenti, sono d’accordo perfino sul principio di finanziare qualsiasi partito non sia contro la Costituzione, altrimenti sarebbe come castrarsi con le proprie mani e non ci vuole un genio per capirlo.

    Ma il finanziamento dovrebbe essere uguale per tutti e non direttamente proporzionale al numero di elettori, questa è la vera vaccata in stile democristiano, perchè si sa, chi più spende più ha voti a favore.
    Questa è statistica e non un’opinione.

    Per cui la lega ne sarebbe fuori, così come Forza Nuova perchè hanno Statuti che sono contro lo Repubblica Italiana.

    Ed invece li paghiamo. (Anche io ne sono sovvenzionatore, sigh!!!)

  9. ezio ha detto:

    @giulios
    amico, a nessuno do soldi pubblici per guadagnarci sopra. Li do’ per aiutarli con riserva di “riaverli” come fanno le banche…………altrimenti……….ciccia
    forse sbaglio, ma non mi vergogno.
    ciao ciao

  10. ezio ha detto:

    @zerb
    cosi’ mi piaci……………………concordo sul pd di merda…. :mrgreen: :mrgreen:
    zerb, per anni sono stato sui treni di medio e corto “raggio”..beh amico dal brennero ad ancona a torino a firenze a venezia, sui treni esistevano repubblica e corriere della sera a gogo’ con tanto di timbro………..edizione OMAGGIO.
    Non ho mai visto libero giornale stampa tempo ecc.. saro’ stato ORBO.
    Hai ragione, sono CONTRO ogni finanziamento. Ogn’uno deve fare il passo secondo la propria gamba, se risulta interessante per la gente vende……..altrimenti va a casa. P.U.N.TO. (e ci metto anche la scuola, non preoccuparti di farmelo presente 😉 😉 )
    Zerb, se tu lavori male………..te ne vai a casa a mani vuote. Lo stato se ne frega di te della tua ditta della tua familia ecc.perche’ dovrebbe dare soldi a chi non e’ interessante al pubblico, e non farlo andare a casa anche lui a mani vuote. A te direbbero..svegliati…………lo dicessero anche a loro eccazzo.

  11. Zerb ha detto:

    Certo che considerare “La Repubblica” un giornale di Sinistra………ma forse è come considerare il PD un partito di Sinistra.

  12. giulios ha detto:

    @Zerb
    ottimo questo prospetto.
    buona serata
    ciao

  13. Zerb ha detto:

    Ezio mette in discussione qualsiasi finanziamento pubblico, dalla RAI ai giornali ai partiti, se non sbaglio.
    E non è il solo a pensarla così.

    La questione è semplice:
    1. Poter esprimere le proprie idee è un diritto? Tutti siamo d’accordo, credo.
    Far conoscere i fatti è un diritto? Si, ma anche un dovere.

    2. Tutti possiamo divulgare le nostre idee e far conoscere i fatti? Penso che siamo tutti d’accordo

    3. E chi non ha i mezzi per far conoscere i fatti e le proprie idee, che fa?
    s’attacca a’r cazzo? Bene, lo Stato dà giustamente i mezzi per farlo, indistintamente dal colore politico.

    Ezio, sbagli a credere che Repubblica faccia numeri per copie regalate, quello lo fanno tutti, leggiti questa statistica:
    http://3.bp.blogspot.com/_p6onCvq8uM4/S-V7Ckw9MrI/AAAAAA AAACs/lemWB5B8Cxc/s1600/CIMG2704.JPG

  14. giulios ha detto:

    @ Ezio,
    Soltanto “il fatto” non percepisce finanziamente pubblici pertanto tutti gli altri, sotto questo aspetto sono tutti sullo stesso piano, non si vede perchè “repubblica” ci debba rinunciare, visto che il finanziamento pubblico riguarda giornali di tutte le tendenze. Per il resto è una questione di punti di vista.
    buon fine settimana anche a te.

  15. ezio ha detto:

    @lele
    dai non diciamo stronzate lele. E’ facile attaccarvi alle esternazioni di qualche deputato e qualche fastidioso esaltato della lega. Anche a me stanno sul cazzo, non devi accentuarlo su ogni commento. Forse, se veramente fosse come la vedi tu, sarebbe da preoccuparsi. Sai quanti sono a favore della lega? e sai quanti la votano? due cose ben distinte, spero sia daccordo.
    Vedi amico, e qui richiamo l’attenzione anche di zerb, la moglie di un mio “”amichissimo””(omonimo) fatto un esame all’ospedale l’altro ieri, ha pagato 50 euro. Dietro lei un extracomunitaria, stesso esame…………agggrrraattisss. Molto di sx, ma molto incazzata. Pensi, che la lega, riportasse queste discriminazioni difronte all’elettorato, non farebbe il ” pieno”, aggiungendo anche quelle persone di sx come la moglie dell’amico?
    O qui ci si mette attorno un tavolo “rotondo” e si discutono le cose, o ci troveremo una lega sempre piu’ forte.

  16. ezio ha detto:

    @giulios
    vedi giulios, la tua statistica del piu’ letto fa un po’ ridere, scusa. Corriere e repubblica vengono donati in vari mezzi di trasporto e comunicazione, gratuitamente al pubblico che viaggia sul mezzo……………e chiaramente stanno a fare anche loro STATISTICA di vendita……………e anche di quella statistica percepiscono contributi dallo stato(da noi).
    Detto questo, non me ne frega un belin di chi e’ piu’ o meno letto. Tanto per me possono morire tutti, in quanto leggo quello che passa internet punto. Autorevolezza???????????perche’, se le dice repubblica sono da considerare, mentre se le si legge su libero o giornali di dx, sono solo cavolate di quattro ignoranti. Peccato che il referendum non sia stato preso alla lettera, vedresti la tua repubblica che fine farebbe, lei e la sua AUTOREVOLEZZA della minchia.
    Puoi ribattere tranquillamente sta di fatto che del referendum su finanziamenti a partiti e giornali, anche repubblica da buon giornale e voce della sx, ha fatto la gnorri. Schifosi mantenuti, anche da chi come dici tu, da chi non li legge. Parola di ignorante :mrgreen:
    ciao e buon fine settimana.

  17. lele ha detto:

    ezio
    di coglioni ce ne sono sempre stati e sempre ce ne saranno!questo è fuor di dubbio!
    I coglioni,solitamente,seguono personaggi che pur ritenendosi furbi ed al di sopra le coglionate le dicono e le fanno,ad esempio:fora di ball,passeggiano con i maiali,mostrano in pubblico il dito medio,votare sinistra è essere coglioni,……
    l’elenco è molto,molto lungo!
    Allora un coglione è coglione e basta per cui è un povero emarginato o trova forza e credibilità ispirandosi ai personaggi al “di sopra”?

  18. giulios ha detto:

    Ezio,
    perchè il giornale e libero e altri giornali di destra a chi chiedono consiglio prima di fare i loro articoli?
    “volgare ironia”? I giornali di destra sono maestri in questo soprattutto se togli l’ironia e lasci la volgarità.
    In ogni caso nel modo di fare giornalismo e in fatto di autorevolezza c’è un abisso fra repubblica e gli altri due, lo dimostra il fatto che Repubblica è il secondo giornale che vende di più in assoluto ed è letto anche da chi di sinistra non è, ed è questo che vi dà fastidio, non si tratta di stanchezza soprattutto se non la leggete.
    :mrgreen:

  19. ezio ha detto:

    @lele
    non ho mai messo in discussione che ci siano dei coglioni in giro per il mondo. Chi ha detto quella frase non e’ coglione, e’ un’indefinito percio’ non c’e’ da dare peso alle sue dichiarazioni. Ma per alzare il tiro contro tutto quello che e’ e fa parte della dx, cosa c’e’ di piu’ pappabile.
    Hai ragione, l’italia, SOLO se va al governo la sx, sara’ definita paese civile.

  20. ezio ha detto:

    @giulios
    repubblica e’ sempre la prima a condannare come daltronde ha sempre fatto…..e senza chiedere consiglio a nessuno……la sua democrazia la conosciamo bene, la sua condotta pure e la sua volgare ironia ormai ha stancato anche chi non la legge.

  21. giulios ha detto:

    Lele,
    queste sono le opinioni di una buona parte del loro elettorato, se poi leggi gran parte delle lettere che arrivano a” libero” o” il giornale” ti puoi fare un’idea della concezione che questi hanno della democrazia e del rispetto della costituzione e poi magari quello che ha scritto la lettera che hai segnalato se ne va in chiesa a dare il suo contributo da buon “cristiano” .

  22. lele ha detto:

    ezio
    “Voglio dare un’applauso al mare e al vento che sono i veri italiani. Però 48 superstiti. Troppi. Bisogna fare meglio la prossima volta se tentano ancora.” (lettore del Giornale, aprile 2011)
    questo è l’inizio dell’articolo del link che ho postato nel comm.1 senza ulteriormente commentare.L’articolo del blog,che condivido,non si impernia su responsabilità maroniane e governative relative alla disgrazia,ma sulle opinioni dell’elettorato della coalizione di governo.
    E’questo che la coalizione brlusco-bossiana ha trasmesso al proprio elettorato?
    L’italia può essere definito un paese civile?

  23. suslov ha detto:

    I poveri cristi morti nel canale di Sicilia purtroppo non sono i soli, visto che anche altre frontiere della Fortezza Europa, come lo stretto di Gibilterra oppure il fiume Maritza, frontiera tra Grecia e Turchia, vedono i loro morti.
    Solo che da noi il traffico è sempre più intenso perchè i governi socialisti di Spagna e Grecia mettono persino le mine, attorno alle enclave di Ceuta e Melilla e sulla sponda del fiume, scoraggiando il transito mentre da noi vengono tranquilli e sempre più numerosi perchè abbiamo un governo di pregiudicati impegnati in una lotta mortale per smantellare lo Stato di diritto rappresentato da magistratura e forze dell’ordine, facendo imbufalire i governi europei che vedono già centinaia di migliaia di immigrati che premono dai valichi alpini verso nord.
    Qualcuno ha interpretato la cacciata di Geronzi dalle Generali come un episodio della lotta tra Francia ed Italia sui temi dell’economia e degli immigrati, in realtà Geronzi è stato dimissionato perchè voleva usare i soldi dei pochi che li hanno ancora in Italia, gli industriali che riescono ad esportare e poi solo prodotti a basso valore aggiunto come le scarpe di Della Valle, invece ad esempio dei televisori al plasma dei coreani oppure i telefonini dei finlandesi (e tanto per fare altri danni questo governaccio ammazza ricerca e università per far chiudere le ultime aziende ad alta tecnologia rimaste), per fare gli interessi di berlusca e dei suoi amici malavitosi.
    Se Della Valle fosse romano come Geronzi, gli potrebbe ripetere la battuta dell’ex marito della Falchi, “e’ fa i froci cor culo dell’artri”, invece dei soldi degli altri, per far arricchire i truffatori.
    Sarkozy tra un anno ha le elezioni, se vuole evitare di far vincere Marine le Pen (di suo padre raccontavano la barzelletta che dicevano che aveva sangue arabo, sul cofano della macchina, per dire che famiglia) deve impedire l’invasione di decine di migliaia di immigrati dall’Italia, facendo saltare il governo che li attira come il miele perche’ li fa stare tranquilli col suo amore per l’illegalita’.
    Magari un Mirage su Arcore.

  24. Eziooooooooo: Parli di repubblica di De Benedetti?Neanche se le spremi i coglioni diranno qualcosa , in merito: muci muci : c’è l’ odor di “Fraioli-ucci”. ciao grande.

  25. giulios ha detto:

    Ezio,
    non sta certamente a ” Repubblica” chiedere le dimissioni di un ministro o chiunque sia, starebbe alle opposizioni politiche. Qualche volta ci hanno provato ma si saranno stancati subito nello sforzo, tanto in questo paese non si dimette mai nessuno.

  26. ezio ha detto:

    @@@
    strano che la sx, non abbia ancora richiesto le dimissioni di marroni.”” Assassino di innocenti”””” m’aspetto su repubblica in prima pagina.

  27. giulios ha detto:

    Completamente d’accordo anche se purtroppo, mentre , giustamente, questi tragici fatti occupano gran parte dei notiziari e mentre gran parte del popolo già disinteressato e ignorante a cose normali si incazza con questi poveri cristi, siamo alle ultime battute per la prescrizione breve e la limitazione alle intercettazioni mentre alcuni parlamentari tentano di togliere il divieto all’apologia e alla ricostituzione del partito fascista, ormai non li ferma più nessuno.

  28. Spartaco ha detto:

    In questo sentimento che ci accomuna, me, te e tanti altri è la differenza. E io sono profondamente contento di questa differenza. Se fossi credente, direi che è un dono di Dio.

  29. Zerb ha detto:

    Caro Spartaco,
    su questa tragedia non so quanto possiamo sentirci responsabili, ma per l’incivile trattamento degli arrivati sulla terra ferma, abbiamo di che vergognarci.

    Dopo averli soccorsi e ricevuti con la dignità umana che gli compete, si potrà discutere del loro futuro, ma questa è un’altra storia.

Lascia un commento