eXTReMe Tracker

Quanto sono stupidi quelli di Azione Giovani

18 Gennaio 2007 alle 17:08
swampthing

Contestano Prodi all’Università Cattolica di Milano al grido di “Prodi uguale Zapatero, no pacs”. Ma si può essere più imbecilli. Ma magari Prodi fosse solo lontanamente simile a Zapatero. I fasci sono proprio delle scimmie senza cervello. Altri slogan della mattinata: “Buffone, buffone”,” Non ti vogliamo”, “Silvio, Silvio”, “Chi non salta comunista è”, “Vai a lavorare”. “Romano bastardo” e “Romano pervertito, Luxuria tuo marito”.
Servi dei servi dei servi… :nonazi:

Pubblicato in Fascismo arretrato, Politica, Povera Italia da swampthing | 59 Commenti »

tn  tags: , , , ,

Articoli più o meno correlati:

Aggiungi a:These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • del.icio.us
  • OkNotizie
  • Segnalo
  • Furl
  • digg
  • Spurl
  • Reddit
  • blogmarks
  • NewsVine
  • YahooMyWeb
  • Smarking

59 commenti a “Quanto sono stupidi quelli di Azione Giovani

  1. massimino68 ha detto:

    @odiomanicheo
    scrivi una canzone con branduardi

  2. er mahico ha detto:

    sono le cose semplici che fanno più timore ai potenti.
    essi si nutrono di confusione, ignoranza e viltà.
    il più grande rivoluzionario di tutti i tempi disse: siate puri di spirito come i pargoli, perchè solo così avrete aperta la strada del cielo.

    religione a parte…..se ti sembrano reazioni da asilo è perchè sono cose semplici e alla luce del sole..
    Berlusconi è mafioso,nano,corrotto,ladro e cafone.
    lo capisce anche un bambino di sei mesi.

    e se lo capisce lui perchè non dovrei cdapirlo io? dovrei fare il giochetto dei qulunquisti? (rubano tutti, rubiamo anche noi…ergo… tutti sono merd, allroa faccio merd anche noi.)
    Al contrario di quello che si pensa , il comunismo è molto semplice come idea: benessere per tutti, privilegi per nessuno, siamo tutti uomini saltellanti su questo piccolo mondo e non dobbiamo fregarci a vicenda per ostentare richezze che altro non sarebbero che il frutto delle ruberie in paesi più deboli.
    Molto complicato è il ragionamento fascista e ancora più complicato quello capitalista. il primo dice credere,obbedire combattere. (ma a chi? a cosa? e anche se fosse.. perchè? esiste l’infallibilità? la storia insegna di no. e poi combattere significa morire…qualcuno è contento di morire sbudellato da un proiettile? si? allora il ragionamento non è complicato, è del tutto folle!)
    il secondo è più arzigogolato, crescere e prosperare ma con libero mercato. (ok, ma a spese di chi? si cresce all’infinito? il mondo è stato concepito per fare in modo che 7 miliardi di persone abbiamo auto e 20 elettrodomestici? non credo, però se così fosse, come si spiega che se una piccola parte della popolazione sta bene mentre una buona metà crepa di fame? non è che qualcuno si arrichisce facendo il gioco delle 3 carte? e alla fine non facciamo altro che compare a uno quello che vale 100? e se chi fa questo prodotto “X” si incazza e si arrabbia? )

    :cccp: Solo il Comunismo ci può Salvare :cccp:

  3. OdioManicheo ha detto:

    odio manicheo su questo bel sitino..il bene..il male..la logica dell’asilo non abbandona mai

  4. er mahico ha detto:

    Ma quante cazzate scrive questo AstroLabio……

  5. hicks ha detto:

    e come, secondo te, nel corso dei secoli, si evolverebbe un sistema simile?

  6. Astrolabio ha detto:

    “tutto molto bello, però di chi non ha voglia / non può lavorare / pagare cosa ne facciamo?”

    lo aiuti se vuoi, facendo finta che tutti gli elettori di sinistra siano formidabili altruisti e quelli di destra schifosi egoisti, chi non può lavorare/pagare può contare su circa 30 milioni di persone in Italia.

    Su chi non ha voglia… beh, saranno anche cazzi suoi (comunque puoi sempre aiutarlo, in quel caso però non contare su di me.)

  7. hicks ha detto:

    io scappo in olanda.

  8. ginger979 ha detto:

    Caro Astrolabio, rispetto il tuo pensiero, ma mi sembra un pò troppo “favoloso”… comunque l’opzione di andare in scandinavia la tengo buona nel caso dovesse tornare il nano malefico :berluska:

  9. swampthing ha detto:

    tutto molto bello, però di chi non ha voglia / non può lavorare / pagare cosa ne facciamo?

  10. Astrolabio ha detto:

    “quello che si diceva sull’organizzazione dal basso che aumenterebbe l’efficienza nel fare le cose che servono è una cavolata pazzesca. Si formerebbero tante piccole comunità, ogniuna con i suoi problemi e bisogni e pronta a risolverseli, ma senza un coordinamento centrale non avrebbero neanche le risorse per farlo ed aumenterebbero gli sprechi.”

    questo è un problema già bello sviscerato da coase (the nature of the firm) quando ci sono problemi di questo tipo si tendono ad istituire forme di coordinamento centrale (aziende cooperative eccetera), quando il centralismo diventa ipertrofico (è ad esempio il caso del centralismo imposto, tipo urss)non può calcolare in modo efficiente i risultati economici (Von mises, socialism).
    lasciando le persone libere di cooperare si ottiene il giusto equilibrio.

    “Poi vedo l’ipotesi anarchica come la miglior via a far nascere innumerevoli mini dittature. Tipo cosche mafiose.”

    quando ci sono pochi attori può darsi, fatto sta che lo stato è una cosca mafiosa, l’unica differenza è che è monopolista.

    “Ma poi Astrolabio, come faresti a pagare i tuoi vigilantes e le tue assicurazioni senza uno Stato? E come verrebbe valutato il denaro che hai in tasca in un sistema del genere?”

    la moneta può essere emessa tranquillamente da enti (tipo le banche) privati, che non avendo il monopolio si guarderebbero bene dal fare politiche scriteriatamente inflattive.

    “Forse si tornerebbe al baratto, che può essere anche affascinante da un certo punto di vista, ma se non ho nulla da scambiare cosa faccio? spacco la testa al più debole che ha più pane di me o dò via il mio ano retto per una rosetta col prosciutto?”

    lavorare no eh? Comunque esistono anche enti privati benefici non a scopo di lucro, enti di mutuo soccorso eccetera, l’importante è non imporre le cose con la forza.

    “Meglio una democrazia con tutti i suoi difetti, magari simile a quelle scandinave”

    il fatto è che se la vuoi ora come ora ti devi trasferire in scandinavia, mentre inveci nell’ipotesi anarchica puoi iscriverti a una società di welfare, oppure magari trasferirti in una città vicina dove vige di fatto una piccola socialdemocrazia.

  11. ginger979 ha detto:

    @Astrolabio:
    quello che si diceva sull’organizzazione dal basso che aumenterebbe l’efficienza nel fare le cose che servono è una cavolata pazzesca. Si formerebbero tante piccole comunità, ogniuna con i suoi problemi e bisogni e pronta a risolverseli, ma senza un coordinamento centrale non avrebbero neanche le risorse per farlo ed aumenterebbero gli sprechi. Poi vedo l’ipotesi anarchica come la miglior via a far nascere innumerevoli mini dittature. Tipo cosche mafiose. Lo Stato farà anche caccare su molte cose e avrà le sue inefficienze paurose, ma se non altro almeno un minimo di tutela e possibilità, anche economiche, le dà. Roba che un’organizzazione nata dal basso non potrebbe fare.
    Ma poi Astrolabio, come faresti a pagare i tuoi vigilantes e le tue assicurazioni senza uno Stato? E come verrebbe valutato il denaro che hai in tasca in un sistema del genere?
    Forse si tornerebbe al baratto, che può essere anche affascinante da un certo punto di vista, ma se non ho nulla da scambiare cosa faccio? spacco la testa al più debole che ha più pane di me o dò via il mio ano retto per una rosetta col prosciutto?
    Meglio una democrazia con tutti i suoi difetti, magari simile a quelle scandinave, dove è vero, c’è un tasso enorme di suicidi, ma questo perchè si ritrovano in un territorio abbastanza schifoso… noi se siamo stressati possiamo sempre andare al mare, al lago o in montagna… non ammazzarci di alcool…oddio, si può anche fare ogni tanto, ma non sarebbe comunque la nostra unica opzione.

  12. hicks ha detto:

    -_-”

    “la somalia non se la passa bene perchè al quaeda ha cercato di instaurare uno stato islamico, prima non era il paradiso (è pur sempre africa) ma comunque era una delle zone più ricche dell’africa sub-sahariana.”

    scusami, ma chi ti ha insegnato la storia, il dipartimento degli esteri usa?

    al quaeda o come si scrive in somalia non mi pare abbia mai avuto nessun legame, è solo un paese che si è lanciato in una guerra con l’etiopia x i casini che hanno fatto li i britannici con i confini, che è finito sotto dittatura militare e che negli ultimi 15 anni è stato in mano a diverse fazioni di macellai, presumibilmente tutti islamici x ke è la religione da sempre diffusa da quelle parti.
    se mai ci sarà uno stato, sarà di certo islamico(USA prmettendo), non è quello il problema… e solo una questione di potere e di clan.

    x il resto il buon swamp ha già replicato in maniera esaudiente…

  13. Astrolabio ha detto:

    “da quello che ho capito, sei un anarchico (nell’economia). ma la polizia privata a chi risponderebbe del suo operato? ad altra polizia privata?
    quindi se avessi soldi, potrei difendermi, ma potrei anche usare la polizia per darti una manganellata, tanto per denaro si fa di tutto.”

    guarda, butti giù argomento abbastanza complesso dove ci sono fior fior di discussioni, correnti, trattati. E’ difficile parlarne compiutamente in un commento, tieni presente che se usi la polizia per darmi una manganellata, dovrai vedertela con la mia polizia che è pagata per difendermi da chi mi da manganellate.
    se le polizie sono 2 è probabile che sfoci in una guerra tra clan, se sono 100, è probabile che si accordino per non darsi manganellate ai clienti degli altri.
    a questo punto ci sarebbe una stasi (come è avventuo in somalia) e ne emergerebbe un diritto piuttosto oggettivo, dove l’uso della forza è limitato alle questioni essenziali (più o meno come la guerra fredda per le relazioni tra stati, ma tieni in mente che essendo pochi gli stati si trattava di un mercato molto poco sviluppato).

    c’è anche chi sostiene che da questo scontro incontro tra polizie ne emergerebbe una sorta di stato, dove i ricchi pagano i processi ai poveri per evitare che questi si facciano giustizia da soli in modo sconsiderato (e non potrebbero impedirglielo senza violare il loro diritto a difendersi e a farsi giustizia), e quindi senza violare la liberta di alcuno.

    comunque, concesso che sarebbe un sistema imperfetto, non è che una manganellata data da uno sbirro di stato fa meno male di una manganellata data da uno sbirro privato.

    “Quindi lo stato, per preservare la pace sociale deve fare in modo che ci sia un livello minimo di benessere.
    Altrimenti sono cazzi, soprattutto per i ricchi.”

    dal punto di vista etico mi sembra un’aberrazione, è come quando un commerciante da i soldi in cassa ad un rapinatore per evitare di essere accoltellato; sì, lo fa, ma è stata comunque commessa un’ingiustizia.

    “Qual è la nazione che più si avvicina al tuo ideale? gli USA?
    o gli USA dei telefilm e delle città ricche?”
    oddio bisognerebbe definire il termine nazione, se mi permetti di sostituire Nazione Con stato, devo dire che gli stati uniti subito dopo la bill of rights, e facendo finta che non esistessero gli schiavi (che era una roba che faceva a cazzotti pure con la dichiarazione di indipendenza) direi gli USa, poi ogni politico che è andato al potere ha fatto di tutto per sputtanarla, da Lincoln a Roosvelt (lui sopratutto).

    “preferisco di gran lunga una democrazia sociale come nei paesi del nord Europa… pagheranno tante tasse, ma mi sembrano più felici nel complesso.”

    hanno la percentuale di fighe e di suicidi più alte del mondo, forse è perchè la danno agli italiani.

    comunque la grande menzogna è che la solidarietà non esiste senza lo stato, io non credo che sia così, penso anche che dove ci sia più stato venga a deperire la solidarietà vera, cioè quella che nasce all’interno della società.

  14. swampthing ha detto:

    @astrolabio
    non so se mi piace questo mondo, come lo prospetti.

    da quello che ho capito, sei un anarchico (nell’economia). ma la polizia privata a chi risponderebbe del suo operato? ad altra polizia privata?
    quindi se avessi soldi, potrei difendermi, ma potrei anche usare la polizia per darti una manganellata, tanto per denaro si fa di tutto.

    In realtà un’arganizzazione centrale fa comodo a tutti, a partire dalle classi più agiate, che sono quelle che hanno cose da rubare.
    La fame fa fare brutte cose, si sa. Quindi lo stato, per preservare la pace sociale deve fare in modo che ci sia un livello minimo di benessere.
    Altrimenti sono cazzi, soprattutto per i ricchi.

    Qual è la nazione che più si avvicina al tuo ideale? gli USA?
    o gli USA dei telefilm e delle città ricche?

    preferisco di gran lunga una democrazia sociale come nei paesi del nord Europa… pagheranno tante tasse, ma mi sembrano più felici nel complesso.

  15. Astrolabio ha detto:

    “>lo sai che negli stati uniti ogni anno sono più le auto della polizia nuove che le auto rubate?

    si ma le tasse lì le pagano. magari invece di fare ospedali e dare un’istruzione decente, preferiscono spenderli in armamenti, però le pagano.”

    quello che intendevo dire è che uno spreco metti ci sono 100 furti, e mille macchine per prendere i ladri, converrebbe quasi non avere polizia e spendere i soldi risparmiati per ricomprarsi le macchine rubate.
    “io non capisco che senso ha parlare di assicurazioni in un luogo dove non esiste stato e non esistono leggi.”

    per l’esecuzione dei contratti non c’è bisogno dello stato, la nonna di swamp sceglie con la compagnia assicuratrice un tribunale privato di cui si fidano entrambi e depositano il contratto.

    “e comunque, il discorso è ridicolo. è naturale per gli esseri umani riunirsi e cercare di avere una forma di organizzazione collettiva,”

    nessun anarchico ha mai sostenuto il contrario, forse giusto unabomber, ma neanche. ma un conto è lo stato un conto è un’aggregazione volontaria

    “e comunque mi pare che ove uno stato centrale non esista di fatto (la somalia?) proprio bene non se la passano.”

    la somalia non se la passa bene perchè al quaeda ha cercato di instaurare uno stato islamico, prima non era il paradiso (è pur sempre africa) ma comunque era una delle zone più ricche dell’africa sub-sahariana.

  16. hicks ha detto:

    io non capisco che senso ha parlare di assicurazioni in un luogo dove non esiste stato e non esistono leggi.

    “lo sai che negli stati uniti ogni anno sono più le auto della polizia nuove che le auto rubate? certo, magari se non ci fossero le auto della polizi magari ci sarebbero più auto rubate, ma non possiamo sapere di quanto.”
    e questo cosa vuole essere? io so che negli stati uniti l’75% della richezza è concentrato in poco + della metà della popolazione. so che il l’80% dei giovani fra i 17 e i 22 anni non sa trovare sulla carta geografica l’iraq… ma non capiusco a che titolo parlare degli usa -_-

    e comunque, il discorso è ridicolo. è naturale per gli esseri umani riunirsi e cercare di avere una forma di organizzazione collettiva, e comunque il sogno di ricotruire qualkosa da zero è mera utopia, di certo e comunque mi pare che ove uno stato centrale non esista di fatto (la somalia?) proprio bene non se la passano.

  17. swampthing ha detto:

    @astrolabio
    >lo sai che negli stati uniti ogni anno sono più le auto della polizia nuove che le auto rubate?

    si ma le tasse lì le pagano. magari invece di fare ospedali e dare un’istruzione decente, preferiscono spenderli in armamenti, però le pagano.

    concordo su Zapatero. concordano quasi tutti, chissà perché i nostri politici non prendono spunto da lui?

  18. Astrolabio ha detto:

    “ci vedi tua nonna ad inseguire i delinquenti? io la mia no, che è pure molto avanti con l’età. la legge della jungla non fa proprio per me.”

    a inseguire chi rompe le palle a mia nonna ci penso io, oppure magari un vigliantes privato che paga la nonnina o paghiamo entrambi. oppure facciamo un’assicurazione contro il furto ecc…
    lo sai che negli stati uniti ogni anno sono più le auto della polizia nuove che le auto rubate? certo, magari se non ci fossero le auto della polizi magari ci sarebbero più auto rubate, ma non possiamo sapere di quanto.

    “la legge della jungla non fa proprio per me.”
    o, sei tu che hai messo una frase di bakunin sull’header, tralaltro, la situazione attuale coi politici che comandano e i sudditi che subiscono non è legge della giungla?

    “Nella teoria, dico, ci si organizzerebbe dal basso e alla fine ci sarebbe sempre qualche obolo o balzello da pagare a qualcuno affinchè si svolgano dei compiti che adesso svolgono gli Stati centrali.”

    si, con tre note di rilievo, le organizzazioni dal basso sarebbero probabilmente più efficienti dello stato centrale, la cooperazione sarebbe libera, le associazioni non ti venderebbero la polizia in bundle con la RAI il ponte sullo stretto le pensioni, la sanità la scuola la nettezza urbana l’acqua, la corrente elettrica eccetera eccetera.

    comunque stiamo divagando la morale della favola è che se in italia il leader della sinistra fosse zapatero lo potrei pure votare.

  19. hicks ha detto:

    imposzione? beh, uno stato non è imposto, e leggittimato da chi lo vule per il bene comune. lo stato siamo noi stessi, e i politici sono li per lavorare per noi.

    oddio, ora qualkuno dovrebbe andarlo a dire ai politici.

  20. FrankL-ar ha detto:

    Nell’anarchia, fatta come si deve, ci sarebbe comunque una certa organizzazione dal basso. Nella teoria non vale, come comunemente si crede, l’equazione anarchia=”facciamo quel che caxxo ci pare”, per quello c’è già la Casa delle Libertà :mrgreen:

    Nella teoria, dico, ci si organizzerebbe dal basso e alla fine ci sarebbe sempre qualche obolo o balzello da pagare a qualcuno affinchè si svolgano dei compiti che adesso svolgono gli Stati centrali.

    In teoria, perchè nella pratica l’istinto di autodistruzione e sopraffazione degli uomini probabilmente farebbe saltare tutto all’aria in due giorni. Per questo abbiamo accettato l’imposizione del potere statale…

  21. ginger979 ha detto:

    Attenti la nonna spara :violent:

  22. swampthing ha detto:

    @astrolabio

    dai non facciamo ipotesi assurde. preferisco ragionare su cose concrete.

    ci vedi tua nonna ad inseguire i delinquenti? io la mia no, che è pure molto avanti con l’età. la legge della jungla non fa proprio per me.

  23. Astrolabio ha detto:

    “Scherzi a parte, zero tasse significa zero Stato, come si mantiene in piedi l’organizzazione statale senza entrate ?”

    eh, magari…

    “Sai chi diceva questo ? L’anarchico Bakunin…”

    che infatti diceva cose interessanti, l’unico difetto è che era socialista, tra i classici è meglio malatesta.

    @ginger: le liberalizzazioni di bersani non ti sembrano vagamente pro coop? comunque se siete favorevoli alle liberalizzazioni (anche del mercato del lavoro?) io godo come una troia, non è che mi metto a dire tizio ha fatto quello sempronio ha fatto quell’altro, basta che le fanno. Che si chiami Bersani, Berlusconi o Ivan il terribile poco mi importa.

    @swampthing: secondo te in un mondo anarchico la gente se ne starebbe con le mani in mano a dire “ohhhh… lo stato non ci fa le strade, come faremo” “ohhh, lo stato non fa ospedali moriremo tutti” “buahhhh… mi hanno rubato lo stereo” oppure si metterebbe a costruire strade e ospedali e a inseguire i delinquenti?

  24. swampthing ha detto:

    @Astrolabio

    cos’è una provocazione?

    i ricchi non hanno bisogno di strade, ospedali e soprattutto di polizia che li difenda dai furti?

  25. ginger979 ha detto:

    Astrolabio: “sulle liberalizzazioni dico che confondere il libero mercato con la concorrenza perfetta e abusare della parola monopolio come fai te”

    Per liberalizzazioni intendeva la deregolamentazione parziale di alcuni settori per abbassare le barriere d’ingresso dei mercati, che in Italia sono ripugnantemente alte, e quindi aumentare di conseguenza la competitività, dato che ci saranno poi più attori in gioco.
    Le liberalizzazioni che ha fatto Berlusconi avevano “obiettivi personali”, su questo non ci può esser alcun dubbio, avvantaggiando quindi il suo “monopolio” personale (aumentando la sua posizione dominante impedendo l’ingresso di altri competitors).
    Guarda che grazie alla sua politica “liberale” ha raggiunto l’effettivo monopolio del mercato pubblicitario, quindi mi sa che se c’è qualcuno un pò confuso non è swap.
    Per quanto riguarda concorrenza perfetta la studi a scuola e basta. Non so perchè l’hai tirata in ballo…

  26. FrankL-ar ha detto:

    >> per me le tasse dovrebbero essere dello 0%

    E più figa per tutti no eh ? :mrgreen:

    Scherzi a parte, zero tasse significa zero Stato, come si mantiene in piedi l’organizzazione statale senza entrate ? Allora se rinunci a pagare le tasse allo Stato, rinunci allo Stato. Sai chi diceva questo ? L’anarchico Bakunin…

  27. Astrolabio ha detto:

    vedi, non distingui tra libero mercato e concorrenza.

    comunque sull’abbassamento delle tasse non c’è dialogo tra noi, per me le tasse dovrebbero essere dello 0%, logico che siccome i ricchi sono quelli che le pagano ingiustamente di più in mdoodo sovraproporzionato sono anche quelli che ne beneficiano quando ci sono i tagli.

    se adesso diventassi presidente del consiglio, giusto prima di dimettermi e di dichiarare illegale il lavoro di politico, metterei le tasse allo 0% risultato, chi è nelle fasce più basse non paga l’irpef e risparmierebbe solo su iva e accise, il cittadino medio diciamo ripsarmierebbe il 42% del reddito, e i ricconi risparmierebbero un sacco.

    Eppure pagherebbero tutti uguale, cioè 0, i ricchi risparmierebbero di più per il semplice motivo che più sei ricco e più lo stato ti ruba i soldi, quindi nel momento in cui il furto finisce il ricco è quello che ci guadagna di più.

  28. bhikkhu ha detto:

    Che montagna di cazzate… il compito, la missione delle destre mondiali è abbassare le tasse ai ricchi. Gli ultimi due esempi sono Bush e Berlusconi, che se ne fottono beatamente del debito, l’unico loro interesse è abbassare le tasse loro e dei loro amici e compagni di “classe”… a pagarne le conseguenze sono sempre, ovviamente, le fasce più deboli, che si vedono tagliare i servizi.

    Quanto alla bufala di Prodi che svende a De Benedetti, prova a ripeterla e te la faccio ingoiare. Questo non per difendere Prodi, di cui non mi frega un cazzo, ma perché ci godo a smontare le menzogne con cui vi hanno imbottito la testa…

    Quanto a liberalizzazioni e concorrenza, Berlusconi ha fatto in modo da avvantaggiare le sue aziende e i suoi molteplici interessi, anche a scapito, appunto, della concorrenza. Entrare in politica è stata la sua scelta economica più riuscita (è passato da montagne di debiti a montagne di denaro e a vulcani finti…), oltre al fatto che gli ha salvato il culo da processi iniziati ben prima della sua discesa in campo… E quanto al monopolio o duopolio, basta vedere il mercato della raccolta pubblicitaria e radiotelevisivo. Anzi la legge Gasparri ha rafforzato queste posizioni più che dominanti, facendo arricchire ancora di più Berlusconi. Anche se Gasparri non ha ancora capito bene cos’è quella legge che porta il suo nome…

  29. Astrolabio ha detto:

    “tagliare le tasse è di sinistra pure quello no?
    o è di destra?
    boh”

    sinceramente non me ne frega una mazza, in genere a livello mondiale è la destra che le abbassa, in italia al massimo si può dire che non le alza, ma se arriva marx e mi fa una flat tax al 10% io dico viva marx.
    comunque il regime socialista di stampo leninista in pratica prevede tasse al 100%

    “ha continuato con le privatizzazioni e le liberalizzazioni, pure questo è di sinistra, o meglio non è di destra, visto che berlusconi non ha liberalizzato nulla, essendo lui a favore dei monopoli.”

    Berlusconi ha privatizzato, quello ormai lo fanno tutti, il problema è che quando lo fa prodi c’è la possibilità che dia tutto aggratise a De Benedetti.

    sulle liberalizzazioni dico che confondere il libero mercato con la concorrenza perfetta e abusare della parola monopolio come fai te è tipicamente di sinistra, per questo bersani non riesce a fare delle liberalizzazioni decenti, deve ancora capire bene cosa sono.

Lascia un commento